ServiziDigi MobilReti e Frequenze

Digi Mobil: punto sulla migrazione a rete Vodafone, nuovo limite a 60 Mbps e VoLTE in cantiere

Oltre ad aver rinnovato le sue offerte tariffare, con il cambio della rete di appoggio attualmente in corso da TIM a Vodafone, l’operatore virtuale Digi Mobil sta cambiando alcuni aspetti come il limite di velocità di navigazione applicato a tutte le SIM, mentre presto potrebbe anche implementare la tecnologia VoLTE.

Si ricorda innanzitutto che Digi Mobil è un operatore di rete mobile virtuale di tipo Full MVNOche ha da poco festeggiato il suo decimo anno di presenza in Italia, e che fa parte del gruppo rumeno RCS&RDS, multinazionale appartenente al settore delle telecomunicazioni nell’Europa orientale e operatore in Romania nel mercato integrato di comunicazioni.

Come già raccontato, a partire dal 17 Gennaio 2021 Digi Mobil ha avviato la sostituzione progressiva della sua rete di appoggio, passando così dalla copertura TIM a quella di Vodafone.

Chi attiva una nuova SIM dovrebbe potersi già collegare direttamente alla rete Vodafone, mentre per i già clienti il processo è graduale e automatico e non occorre la sostituzione della SIM in quanto Digi Mobil è operatore Full MVNO.

A proposito della migrazione dei già clienti Digi Mobil sotto rete Vodafone, secondo fonti verificate da MondoMobileWeb, ad oggi a metà Febbraio 2021 già il 90% dei clienti Digi è passato alla nuova rete di appoggio.

Il programma dell’operatore prevede infatti di concludere il processo di migrazione delle sue SIM entro il mese di Febbraio 2021 per tutti i clienti. Si ricorda in ogni caso che Digi invia un SMS che anticipa la data esatta in cui la propria SIM sarà oggetto del passaggio dalla rete TIM alla rete Vodafone.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

migrazione Vodafone 3G 4G

Tuttavia, la migrazione su rete Vodafone entro Febbraio 2021 non sarà al momento effettuata per tutti i clienti Digi che utilizzano dispositivi senza compatibilità 4G LTE.

Per questi clienti, infatti, Digi Mobil effettuerà la migrazione della SIM sotto copertura Vodafone soltanto il prossimo mese, cioè a Marzo 2021.

Tutto ciò è dovuto al fatto che i clienti Digi Mobil che passano sotto rete Vodafone sono anche coinvolti dalla progressiva dismissione della tecnologia 3G dalla rete dell’operatore rosso, avviata dal 25 Gennaio 2021 e tuttora progressivamente in corso in varie zone, con conclusione dello spegnimento in tutta Italia prevista per il 28 Febbraio 2021.

Come già comunicato anche da Digi, con lo spegnimento del 3G continueranno ad essere sempre garantiti i servizi sulle reti 2G e 4G di Vodafone, ma i clienti potrebbero avere delle problematiche se si utilizzano dispositivi non abilitati al 4G, con cui si potrà continuare a chiamare e mandare SMS tramite il 2G, ma non si potrebbe riuscire a navigare su internet, soprattutto durante le chiamate.

L’operatore darà quindi più tempo ai propri clienti che non possiedono dispositivi abilitati almeno al 4G prima di passarli sotto rete Vodafone con la conseguenza della perdita dell’utilizzo della tecnologia 3G.

Per evitare di incorrere nelle problematiche appena descritte, i clienti Digi dovranno quindi dotarsi di uno smartphone compatibile con la tecnologia 4G e abilitare la navigazione su rete LTE.

Sempre per via della dismissione del 3G Vodafone, secondo fonti verificate Digi Mobil starebbe anche già lavorando con vari fornitori di infrastruttura e terminali mobili per offrire ai propri clienti la tecnologia VoLTE (Voice over LTE), che consente di effettuare chiamate rimanendo su rete 4G, evitando lo “switch” verso la rete 2G.

L’utilizzo del VoLTE per i clienti Digi (con smartphone compatibili) servirà ad ottenere una miglior qualità vocale rispetto alle chiamate su rete 2G e permetterà inoltre di continuare a navigare su internet in 4G durante le telefonate.

Digi Mobil VoLTE

Come già anticipato, MondoMobileWeb ha verificato direttamente con l’azienda che con il passaggio sotto rete Vodafone 4G delle sue SIM, Digi Mobil cambia anche i limiti di velocità massima raggiungibili, che in precedenza su rete TIM 4G erano pari a 100 Mbps in download e 50 Mbps in upload.

Adesso, invece, il nuovo limite di velocità sotto la rete 4G Vodafone previsto da tutte le offerte Digi Mobile è pari a 60 Mbps per il download e 30 Mbps per l’upload (ndr i documenti di trasparenza delle nuove offerte non sono ancora presenti).

Oltre che per chi attiva le attuali offerte proposte dall’operatore si segnala che le nuove velocità massime sono valide per tutti i clienti Digi, in quanto vengono applicate in automatico a tutti i già clienti che passano dalla rete TIM alla rete Vodafone.

Si ricorda infine che con il lancio delle nuove offerte su rete Vodafone è cambiata anche la modalità di fruizione del bundle di minuti incluso nelle offerte in Roaming in Unione Europea, che in precedenza si potevano utilizzare alle stesse condizioni nazionali.

Adesso, invece, il plafond di traffico voce sia nazionale che internazionale incluso nelle offerte attivate nel territorio nazionale non potrà essere utilizzato in Roaming nell’UE, per gli effetti della Delibera 453/20/CONS con la quale Digi Mobil ha ottenuto l’autorizzazione all’applicazione del sovrapprezzo ai servizi di Roaming in UE.

Fanno invece eccezione i minuti inclusi verso la rete Digi (Italia, Romania, Spagna, Ungheria), che potranno essere utilizzati in Roaming senza alcun costo aggiuntivo e senza attivare alcuna opzione tariffaria speciale. Inoltre sul territorio della Romania le tariffe in Roaming sono equiparate alla tariffa nazionale.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button