LexFoniaStreaming

Sky all’Antitrust: accordo esclusivo Tim Dazn illegittimo e lesivo della concorrenza

Prosegue la vicenda dei diritti TV per il campionato di Serie A, con Sky Italia che ha reso noto di essersi rivolta all’Antitrust in seguito all’accordo tra DAZN e TIM, ritenendolo lesivo della liberà di scelta dei consumatori.

Sky si è quindi rivolta all’Antitrust per evidenziare la necessità che i consumatori e appassionati possano sottoscrivere la Serie A da una pluralità di fornitori broadband e usufruirne su più piattaforme, ovvero su satellite, DTT o OTT.

Invece, l’accordo esclusivo tra TIM e DAZN precluderebbe la possibilità di distribuire il campionato di Serie A tramite altri operatori, rafforzando di conseguenza la posizione dominante di TIM nel mercato della banda ultralarga.

In definitiva, Sky ritiene che l’Antitrust debba agire rapidamente per garantire la fruizione del campionato di Serie A a tutti i consumatori tramite condizioni che favoriscano la concorrenza e la libera scelta. Al contrario, l’accordo di esclusiva tra TIM e DAZN “in un momento cruciale di passaggio per l’Italia dalla banda standard alla banda ultralarga” viene ritenuto da Sky illegittimo e potenzialmente lesivo della concorrenza nel settore.

Calcio TIM Sky

La nota ufficiale di Sky Italia è riportata di seguito:

Sky si è rivolta all’Antitrust per essere sicura che milioni di consumatori e appassionati di calcio possano continuare a sottoscrivere la serie A attraverso una pluralità di fornitori di broadband e guardarla sulla piattaforma che preferiscono – satellite, DTT o OTT – esattamente come oggi.

TIM, il retailer dominante nella banda larga, ha stipulato un accordo illegittimo di esclusiva con DAZN. Questo accordo preclude all’OTT la possibilità di distribuire il campionato di Serie A attraverso altri operatori, favorendo così TIM e rafforzando la sua posizione dominante nel mercato della banda larga. In un momento cruciale di passaggio per l’Italia dalla banda standard alla banda ultra larga, questo accordo di esclusiva non deve ledere la concorrenza. Per questo Sky invita l’Antitrust ad agire con urgenza per garantire che il campionato di Serie A possa essere fruito da tutti i consumatori in condizioni che favoriscono la concorrenza e la libera scelta.

La notizia di oggi, 22 Giugno 2021, giunge a breve distanza dalla segnalazione fatta invece da TIM contro Sky, per presunta comunicazione ingannevole.

In quel caso, TIM ha ritenuto che Sky abbia azzerato il canone dal 1° Luglio al 30 Settembre 2021 ai suoi clienti facendo riferimento a una “situazione di incertezza” per la programmazione calcistica sulla piattaforma che di fatto non esisterebbe, dal momento che i diritti sono stati già chiaramente assegnati a DAZN.

Con questa informativa, secondo TIM, alcuni clienti potrebbero essere indotti in confusione e disorientati rispetto all’eventualità di passare a DAZN per seguire tutte le partite della Serie A in streaming.

In entrambi i casi, l’Antitrust non si è ancora espresso sulle segnalazioni inviate da TIM e da Sky.

Aggiornamento

Calcio in streaming: TIM resta stupita dalle preoccupazioni di SKY

Serie A con TIM e DAZN: anche WindTre e Open Fiber chiedono pluralismo

Serie A, botta e risposta tra Sky e TIM su libertà dei consumatori e concorrenza

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button