TelecomunicazioniDigi MobilInterviste

Digi Mobil Italia, intervista all’AD Dragos Chivu: opinioni su offerte, VoLTE, eSIM e rete fissa

In questi primi mesi del 2021 l’operatore virtuale Digi Mobil ha affrontato una serie di cambiamenti, che hanno portato ad esempio al cambio di rete mobile di appoggio e al lancio di nuove offerte fra cui anche quella con Giga illimitati. In vista ci sono anche altre novità in arrivo per Digi, come l’implementazione del VoLTE.

Digi Mobil è un operatore di rete mobile virtuale di tipo Full MVNOche nei mesi scorsi ha festeggiato il suo decimo anno di presenza in Italia, e che fa parte del gruppo rumeno RCS & RDS, multinazionale appartenente al settore delle telecomunicazioni nell’Europa orientale e operatore in Romania nel mercato integrato di comunicazioni.

In Italia, come certificato dai risultati finanziari di fine 2020 del gruppo, l’operatore virtuale Digi Italy ha superato quota 250000 clienti, passati poi a 268000 clienti con i risultati del primo trimestre del 2021.

Come detto, con l’inizio del 2021 Digi Mobil ha introdotto diverse novità e cambiamenti, che hanno coinvolto sia i già clienti che i nuovi clienti.

Le novità del 2021 per Digi Mobil

La prima importante novità è partita dal 17 Gennaio 2021, quando Digi Mobil ha avviato la sostituzione progressiva della sua rete di appoggio, passando così dalla copertura TIM a quella di Vodafone. Il passaggio per i già clienti è stato automatico e non ha comportato il cambio della SIM in quanto Digi è un Full MVNO.

Con il passaggio di tutte le SIM Digi Mobil alla rete Vodafone, l’operatore virtuale offre una velocità di navigazione massima in 4G pari a 60 Mbps in download e 30 Mbps in upload.

In concomitanza con il cambio di rete, dal 17 Febbraio 2021 Digi Mobil ha poi rinnovato il suo portafoglio di offerte tariffarie, lanciando in particolare la nuova IllimiTutto, che offre minuti e Giga illimitati (rispettando comunque le condizioni contrattuali) a 15 euro al mese.

Inoltre, per via della dismissione del 3G da parte di Vodafone, conclusasi nei primi giorni di Marzo 2021, anche con Digi Mobil non si può più utilizzare questa tecnologia.

Per questo motivo, come anticipato da MondoMobileWeb, Digi Mobil è già al lavoro per cercare di implementare la tecnologia VoLTE (Voice over LTE), che consente di effettuare chiamate rimanendo su rete 4G, evitando lo “switch” verso la rete 2G.

Dunque, viste la tante novità che hanno coinvolto l’operatore virtuale, MondoMobileWeb ha avuto modo di intervistare Dragos Chivu, Amministratore Delegato di Digi Italy, per fare il punto della situazione e conoscere le future strategie.

Dragos Chivu

Le risposte di Dragos Chivu

Dopo il lancio delle attuali offerte e il risultato del 2020 con il superamento dei 250.000 clienti, quali obiettivi si pone Digi Italy per il 2021, come numero di clienti ed in generale di strategia?

“I buoni risultati raggiunti avvalorano la nostra strategia, basata sull’apprezzamento dei nostri clienti verso la qualità dei servizi e le offerte a loro dedicate. Il 2021 conferma le strategie intraprese e punta ad una crescita su tutti i fronti, sia in termini numerici che di nuovi servizi e offerte, sempre nell’ottica di offrire un’esperienza positiva alla clientela”.

Come giudica la competizione nel mercato italiano della telefonia mobile? State considerando di sbarcare anche nel mercato della telefonia fissa viste le opportunità offerte dagli operatori wholesale in Italia? Eventualmente si punterebbe sulla fibra o solo FWA?

“Il mercato della telefonia mobile è in continua evoluzione e noi di Digi seguiamo i nostri obiettivi che al momento ci vedono focalizzati sulla telefonia mobile, cercando di ampliare il numero di utenti fornendo servizi e offerte che soddisfino appieno la nostra clientela. Non è esclusa una nostra presenza nella telefonia fissa anche in Italia, servizio che abbiamo implementato in altri Paesi, ma per ora questo aspetto non rientra nelle nostre priorità”.

Le nuove offerte di Digi Mobil lanciate a Febbraio 2021 stanno avendo un impatto sulle vendite?

“L’impatto delle nuove offerte sulle vendite è stato molto positivo. I segnali che ci arrivano dal mercato sono sempre più concreti e l’interesse di potenziali clienti è in crescita, sia per quanto riguarda le offerte che prevedono traffico nazionale che per quelle che includono traffico internazionale verso 60 Paesi del mondo. Nella creazione di queste offerte abbiamo ascoltato le voci dei nostri clienti e le abbiamo costruite proprio per essere più vicini alle loro esigenze di comunicazione. Le positive risposte che stiamo ricevendo, confermano che la validità del nostro approccio”.

Come è andato e quali sono le impressioni dei clienti dopo il passaggio dalla rete TIM alla rete Vodafone? Fino a quando sarà valido il contratto con Vodafone?

“Il passaggio su Vodafone non ha comportato alcun disservizio alla clientela, in quanto è avvenuto in modo principalmente automatico, riducendo al minimo eventuali problematiche e chiamate al nostro Servizio Clienti. Inoltre è stata fatta una massiccia campagna informativa di supporto ai clienti sulle modalità di migrazione e sul relativo impatto. Le prime impressioni dei clienti sulla nuova rete sono molto positive. Siamo soddisfatti della partnership con Vodafone utile al raggiungimento dei nostri obiettivi per un servizio sempre migliore”.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Digi Mobil

Con la perdita del 3G ci sono state lamentele da parte dei clienti coinvolti? A questo proposito, si può già ipotizzare una tempistica realistica per l’implementazione del VoLTE?

“Non abbiamo ricevuto segnalazioni massive di clienti scontenti per la chiusura del 3G. Il passaggio è stato fatto in un’ottica costruttiva e di miglioramento dei nostri servizi offerti. Per quanto riguarda il VoLTE, al momento siamo in una fase di valutazione con alcuni fornitori sull’implementazione di questa tecnologia che necessita di una stretta partecipazione tra fornitori di terminali/device per applicare tutte le modifiche necessarie ad abilitare anche Digi a questa tipologia di servizio”.

Digi Italy è interessata ad introdurre il formato eSIM come già fatto da alcuni operatori anche in Italia?

“Fermo restando che il nostro pubblico etnico è più focalizzato sulla qualità del servizio, stiamo comunque valutando l’opportunità di introdurre il formato eSIM, che renderemo operativo nel momento stesso in cui riceveremo richieste dai clienti in tal senso”.

Digi Mobil offre ai propri clienti la possibilità di avere un doppio numero, italiano e rumeno, sulla stessa SIM. È un servizio che viene effettivamente utilizzato e richiesto dalla vostra clientela?

“Il doppio numero è un servizio molto apprezzato, in particolare dalla nostra clientela rumena soprattutto perché consente ai clienti che hanno bisogno di utilizzare traffico voce e dati in roaming dalla Romania, di usufruire dei minuti (verso Italia e altri Paesi) e i Giga già inclusi nelle offerte attivate in Italia. Questo beneficio per il nostro target etnico è senza dubbio un valore aggiunto che ci permette di differenziarci dai nostri concorrenti.

Tuttavia dal 1° Luglio 2021 entreranno in vigore alcune modifiche contrattuali relative al secondo numero rumeno associato alle SIM Digi Mobil Italia: non avverrà alcun cambiamento per chi ha utilizzato negli ultimi mesi il numero rumeno, mentre verrà eliminato qualora nel corso degli ultimi 24 mesi non sia stato mai utilizzato, salvo che l’utente non ne faccia esplicita richiesta. In questo caso il servizio verrà riattivato gratuitamente. Sempre dal 1° Luglio 2021 questo servizio non sarà comunque più commercializzato, quindi chi acquisterà una SIM Digi Mobil avrà a disposizione solo la numerazione italiana. Entro il 1° Luglio 2021 l’utente ha il diritto di recedere o passare ad altro operatore senza penali”.

Gli aspetti principali trattati dall’AD di Digi Italy

Dunque, secondo quanto dichiarato da Dragos Chivu, Digi Italy continuerà nella sua attuale strategia, che ha portato alla creazione delle nuove offerte che starebbero anche avendo un buon impatto sulla crescita dei clienti Digi Mobil.

Rispetto a Romania, Spagna e Ungheria, l’Italia è l’unico mercato in cui Digi non ha un servizio di rete fissa: in questo senso, Chivu conferma che questo servizio non è al momento una priorità per Digi Italy, anche se l’operatore non esclude lo sbarco nel mercato fisso in futuro.

Per quanto riguarda la tecnologia VoLTE, Dragos Chivu fa intendere che l’operatore virtuale ci sta lavorando anche se molto dipende dalla collaborazione con i produttori di smartphone per abilitare la funzionalità.

Fra i possibili nuovi servizi che l’operatore potrebbe implementare c’è anche il formato eSIM, ma anche in questo caso l’Amministratore Delegato non si sbilancia e fa sapere che Digi sta valutando anche in funzione della richiesta da parte dei clienti.

Infine, l’amministratore Delegato della filiale italiana di Digi ha anche svelato ufficialmente la rimodulazione relativa al servizio del secondo numero rumeno, che nonostante sia apprezzato dalla clientela rumena dal 1° Luglio 2021 non sarà più commercializzato per le nuove attivazioni, mentre verrà rimosso ai già clienti che non lo hanno utilizzato negli ultimi 24 mesi.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

MondoMobile.News

Back to top button