Rimodulazioni TIM linea fissa: aumento di 1,90 euro per le offerte Tutto Voce e Voce Senza Limiti


Continua il “tempo delle rimodulazioni”, come lo ha definito il CEO di iliad Benedetto Levi, dei principali operatori di telefonia italiani. Questa volta toccherà ad alcuni clienti TIM di linea fissa con le offerte solo voce denominate Tutto Voce e Voce Senza Limiti, le quali subiranno una modifica unilaterale di contratto a partire dal 1° Luglio 2019.

Lo reso noto TIM tramite una comunicazione nella fattura di Maggio 2019 dei clienti coinvolti e anche con la pubblicazione di una nota nella sezione “News – Comunicazioni Importanti” presente sul suo sito web.

Dunque, a partire dal 1° Luglio 2019, il costo mensile delle offerte Tutto Voce e Voce Senza Limiti, attive su linea tradizionale in rame che prevedono solo le chiamate, aumenterà di 1,90 euro al mese.

TIM si giustifica precisando che la rimodulazione rientra “nell’ambito del piano di innovazione tecnologica della rete fissa TIM, con l’obiettivo di garantire i necessari investimenti per abilitare nuovi servizi digitali più evoluti ed interattivi”.

   

Come raccontato da MondoMobileWeb, l’offerta Tutto Voce (ad eccezione di Tutto Voce Super Special) era stata già oggetto di un aumento di 1,24 euro al mese, comunicato a Settembre 2018 ed entrato in vigore dal 1° Novembre 2018.

Non è dato sapere se le offerte Tutto Voce coinvolte dalla nuova rimodulazione di Luglio 2019 siano le stesse che hanno già avuto l’aumento a Novembre 2018 o se verranno coinvolte le offerte risparmiate in precedenza.

Come detto, i clienti interessati dalla variazione stanno ricevendo la comunicazione nella loro fattura TIM di Maggio 2019, dove sarà possibile verificare la denominazione della propria offerta attiva, il prezzo attuale ed il nuovo prezzo in vigore dal 1° Luglio 2019.

Tim

Come sempre in questi casi, se il cliente non intendesse accettare la variazione, sarà possibile recedere dal contratto ai sensi dell’articolo 70, comma 4, del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, senza penali o costi di disattivazione.

Per esercitare il diritto di recesso occorrerà fare richiesta entro il 30 Giugno 2019 dall’area clienti MyTIM Fisso, oppure scrivendo alla Casella Postale 111-00054 Fiumicino (Roma) o tramite PEC all’indirizzo dedicato disattivazioni_clientiprivati@pec.telecomitalia.it. Sarà inoltre possibile chiamare il servizio clienti di rete fissa al numero 187 oppure recarsi direttamente in un negozio TIM.

L’invio tramite posta o PEC necessita anche di una fotocopia del documento d’identità del titolare, da allegare e specificare nell’oggetto della comunicazione “Modifica delle condizioni contrattuali”. È possibile recedere anche passando ad altro operatore, specificando la richiesta nella comunicazione di recesso.

Se dovessero essere attivi anche dei pagamenti rateali sulla stessa linea, sarà possibile scegliere se continuare a pagare le rate fino alla scadenza oppure saldarle in un’unica soluzione.

Proprio in data odierna, l’AGCOM ha chiarito che in questi casi gli operatori sono tenuti a mantenere attive le rateizzazioni, mentre l’utente potrà richiedere anche in seguito al recesso di pagare in un’unica soluzione le rate residue.

Anche se l’offerta dovesse avere un vincolo temporale di permanenza non verranno comunque addebitati gli importi previsti per cessazione anticipata.

Per maggiori informazioni sulla modifica in questione, i clienti impattati potranno contattare il Servizio Clienti linea fissa al numero 187.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.