Iliad FibraOpen Fiber

Telefonia Fissa, nuovi operatori nel mercato in fibra: quando sarà il turno di Iliad?

I concorrenti sul mobile potrebbero spostare la competizione anche nella fibra?

Nell’ultima conferenza di presentazione dei risultati finanziari del 2020, tenutasi il 16 Marzo 2021, Iliad Group è tornata a citare il periodo di lancio di Iliad Italia nel segmento fisso. L’arrivo resta previsto per i prossimi mesi, mentre l’operatore Open Fiber ha arricchito proprio in questi giorni la sua lista di operatori partner.

Nel corso della conferenza, il CEO di Iliad Group, Thomas Reynaud, ha discusso anche intorno al lancio della fibra di Iliad Italia, affermando però che per questioni strategiche non sarebbero state fornite informazioni sull’offerta commerciale.

Lo scopo dell’azienda, forte del successo sul mobile con oltre 7 milioni di clienti a Dicembre 2020, è quello di preservare il cosiddetto launch-impact dell’operazione sul mercato italiano.

Il lancio nel fisso di Iliad Italia si avvicina

In merito alle tempistiche, sia nella conferenza che nelle slides di presentazione, Thomas Reynaud ha confermato la data di lancio “prima dell’estate del 2021”, mentre la dicitura presente nel resto dei documenti finanziari indica “entro l’estate 2021”.

A proposito del lancio, Iliad non ha mai fornito una data precisa o un intervallo temporale più ristretto, limitandosi a individuare nell’estate del 2021 la deadline per il lancio dopo l’accelerazione impressa al progetto iniziale fissato dal piano Odissea 2024.

L’anno scorso, in un’intervista televisiva in Francia, Reynaud stesso aveva parlato di un lancio “nei primi giorni del 2021”, mentre nelle scorse conferenze nel 2020 veniva semplicemente indicato “nei prossimi mesi”. Inoltre, nello stesso periodo, era emersa la possibilità che Iliad decidesse di usare il nuovo Freebox Pop del brand francese.

Un’altra conferma è invece giunta dal CFO di Iliad Group, Nicolas Jaeger, che ha ribadito l’impostazione light-capex della strategia di lancio, volta cioè a ridurre il più possibile le spese di capitale per l’ingresso nel segmento di rete fissa italiano, scegliendo appunto l’infrastruttura già costruita da Open Fiber in questi anni.

Nonostante le incertezze sulla data, il lancio è oramai vicino. Intanto, Open Fiber ha esteso la lista di operatori partner con il recente annuncio del cloud provider Aruba, mentre l’operatore Linkem specializzato nella tecnologia FWA ha lanciato il suo secondo brand con offerta in fibra FTTH, JustSpeed.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

iliad

Justspeed di Linkem

JustSpeed, il secondo brand commerciale di Linkem, ha fatto il suo ingresso nel mercato in fibra FTTH con la sua Promo Start e permette di ottenere uno sconto sul prezzo mensile della sua offerta di lancio fino al 31 Marzo 2021, con contributo di attivazione gratuito e modem Speed Box incluso.

Speed Power prevede nel dettaglio connessione internet illimitata in tecnologia Fibra FTTH fino a 1 Gbps e modem Speed Box incluso in comodato d’uso gratuito al costo di 24,90 euro al mese per il primo anno, che poi aumentano a 29,90 euro mensili a partire dal tredicesimo mese.

Anche PosteMobile in corsa dopo gli accordi con TIM e Open Fiber

Dopo gli accordi con TIM e Open Fiber sottoscritti nell’estate del 2020, anche PosteMobile, il brand di PostePay operante nel mercato delle telecomunicazioni, lancerà le sue offerte in fibra ottica per la rete fissa.

Anche il Gruppo Poste Italiane si è quindi messo in moto e come già anticipato il nome registrato dovrebbe essere PosteMobile Casa Fibra, di cui è emerso anche il probabile logo.

Grazie agli accordi stipulati con TIM e Open Fiber, PosteMobile potrà proporre ai propri clienti servizi in fibra ottica mediante tecnologie a banda ultralarga, ampliando così le offerte sia per il mercato consumer che business, commercializzando il servizio anche tramite gli oltre 13.000 uffici postali presenti in tutta Italia.

PosteMobile Casa Fibra potrebbe arrivare nel secondo trimestre del 2021, salvo eventuali cambiamenti.

Aruba, il nuovo operatore partner di Open Fiber in attesa di Iliad

Aruba ha annunciato il lancio con una doppia offerta sia per privati che per utenti business, una delle quali, la Fibra Aruba Extra, prevede anche altri servizi come assistenza prioritaria e buoni sconto su prodotti Aruba fino al -80%, con utilizzo entro 24 mesi dall’attivazione.

Attualmente il network di Open Fiber è formato da diversi operatori, anche locali, che usufruiscono della sua fibra ottica fino a 1 Gbps a pari condizioni.

Tutti i soggetti, purché detengano le necessarie autorizzazioni e previa sottoscrizione di un apposito contratto, possono richiedere un segmento di terminazione con Open Fiber.

Attualmente, la lista di alcuni partner è la seguente: 1G Fibra, 4All, 4ISP, Acantho, Add39, air2bite, Alida Telecomunicazioni, Altafibra, Ampersand, Aruba, Avelia, Bandablu, Bbbell, BrianTel, Cdlan, Cheapnet, Cloudfire, Colt, Comeser, Connectivia, ConnectingProject, Connesi, Connetical, Connetta, Connetti.it, Convergenze, Delta Web, Devitalia, Digi Color, Dimensione, Emaxy, eFibra, Easyonn, Ehiweb, Eleusi, Etitech, Eolo, Fastalp, Fastcon, Fastnet, Fastweb, FiberTelecom, Fiberwide, Fibracity, Fidoka, GateT1, Geny, GetBy, GlobalCom, Go Internet, HD Fibra, Hellotel, Helioos, Interfibra, InternetOne, Internetvola, Interplanet, Intred, Isline, ItaliaFibra, LinkSpace, Macrotel, Media Communications, Medianet, MediaVeneto, Mega Web, Melita, QFiber, NavigaBene, Neomedia, Netoip, Nexim, Noinet, Omnia Energia, Optima, Orakom, Panservice, Pianeta Fibra, Planetel, Plink, Progetto Evo, Sicicom, Sinergia, Siportal, Sirius, SistemiHS, Sky WiFi, Sorgenia, SpadHausen, SprinGo, STI ADSL, TechLab Italia, Tecnoadsl, Tecnodata, Telemar, Tiscali, Tlc, TWT, Umbrianet, UNIDATA, Vodafone, Vipnet, WaveCom, Welcome Italia, WithU, Wireless Group, Wic, WiCity, WiFiWeb, WindTre, Wispone, Wolnet, Xmatica, XStream e ZINCA.

Presto, a questa lista si aggiungerà anche Iliad; in assenza di informazioni più precise, non si può comunque escludere che il lancio avvenga in anticipo rispetto alla deadline fissata.

Ipotesi di una contromossa degli operatori virtuali

Il modello wholesale only di Open Fiber, scelto da Iliad e da altri operatori interessati a entrare nel mercato in fibra con un investimento di capitale ridotto, potrebbe permettere ai principali concorrenti sul mobile di spostare la loro strategia competitiva anche nel segmento fisso.

Secondo un’ipotesi di MondoMobileWeb, con il lancio di Iliad nel segmento in fibra, anche i principali concorrenti dell’operatore potrebbero quindi valutare di fornire servizi di rete fissa in tecnologia FTTH con offerte in grado di contrastare quella di Iliad.

A tal proposito, restando sempre nel campo delle supposizioni e delle suggestioni, non sembra impossibile il lancio dei servizi in fibra di ho. Mobile, semivirtuale di Vodafone, o di Kena Mobile, che già aveva sperimentato l’offerta in tecnologia FWA con Kena Casa tramite gli accordi con Linkem.

Chiaramente, si tratta solo di un’ipotesi di MondoMobileWeb che non trova momentaneamente alcuna conferma e che non può essere considerata nemmeno un’indiscrezione sulle strategie future degli operatori.

Guardando però a quanto accaduto nel mercato mobile in meno di tre anni, è chiaro che i principali operatori attivi nel segmento fisso dovranno fare in modo di limitare l’impatto dell’offerta in fibra di Iliad sul mercato.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button