TelecomunicazioniTelefonia Fissailiad

Iliad Italia nel segmento fisso con Freebox Pop? Le ultime dichiarazioni del CEO Thomas Reynaud

In seguito alla presentazione dei risultati finanziari del gruppo Iliad, il CEO Thomas Reynaud è stato intervistato in Francia ed è tornato a discutere anche sul lancio nel segmento fisso italiano, in cui Iliad potrebbe decidere di usare il nuovo Freebox Pop.

Il Freebox Pop di Iliad, lanciato nel mercato francese a Luglio 2020, è compatibile con ADSL2+, VDSL2 e con la Fibra FTTH con la possibilità di gestire fino a 5 Gbps in download complessivamente, grazie ad una porta LAN Ethernet da 2,5 Gbps, due porte Ethernet da 1 Gbps (di cui una con Power over Ethernet) e al Wi-Fi AC 2100 dual band (2.4 GHz e 5 GHz) con MIMO e protocollo di sicurezza WPA3.

Nella parte superiore del dispositivo attualmente impiegato è presente anche una piccolo display OLED che consente ad esempio di visualizzare un QR Code da scansionare per connettersi alla rete Wi-Fi, senza password. La connessione in fibra avviene tramite la porta SFP+ (per le connessioni DSL c’è invece l’apposito connettore). Presente anche la porta telefonica e una porta USB 3.0, mentre la porta di alimentazione è USB di tipo C.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Iliad
Thomas Reynaud, CEO di Iliad.

Il nuovo Freebox Pop è stato esplicitamente citato da Thomas Reynaud, CEO di Iliad, in un’intervista a BFM Business, in cui si è discusso anche della volontà di Iliad di espandersi in Europa.

Rispondendo a una domanda relativa all’operatore Play in Francia, che Iliad ha oramai quasi acquisito dopo il via libera della Commissione Europea, Reynaud ha affermato che sia in Polonia che in Italia sarà lanciata la Freebox del gruppo, specificatamente la Freebox Pop.

Si segnala però che non è stato chiarito se ci saranno delle modifiche specifiche per il mercato italiano.

Infatti, si evidenzia che nella recente presentazione dei risultati finanziari del terzo trimestre, tenutasi il 17 Novembre 2020, Thomas Reynaud e Benedetto Levi (AD di Iliad Italia) hanno comunicato che lo scopo di Iliad per il lancio nel fisso in Italia sarà quello di adattare il concetto francese alle differenze tecniche presenti nel mercato italiano, facendo leva sulle conoscenze raggiunte nella progettazione dei più recenti Freebox.

Nel caso specifico, però, non era stata fornita nessuna informazione circa il tipo di hardware fornito ai clienti, che stando alle ultime parole di Reynaud potrebbe quindi essere il Freebox Pop.

Ciò su cui invece si è espressamente discusso è stato il periodo di lancio, che è stato annunciato nel primo semestre dell’anno prossimo, prima dell’estate del 2021, sebbene in più occasioni si sia parlato, anche in passato, dei primi giorni o mesi del 2021. Ad ogni modo, il lancio nel fisso è stato definitivamente anticipato rispetto alle stime iniziali e fa adesso parte della strategia di medio periodo dell’operatore nel mercato italiano.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button