Economia e FinanzaPosteMobile

PosteMobile Full MVNO ufficializza il passaggio a Vodafone. Crescono i ricavi nel segmento tlc

Poste Italiane ha presentato i risultati finanziari aggiornati al terzo trimestre, che vedono ancora una crescita dei ricavi di PosteMobile. Per l’operatore virtuale è stato anche ufficializzato il passaggio alla rete di Vodafone.

Nei documenti finanziari presentati quest’oggi, 12 Novembre 2020, Poste Italiane ha reso noto di aver scelto la rete mobile di Vodafone come rete d’appoggio per i suoi servizi sul mobile. 

Dunque, come anticipato, il servizio mobile di PosteMobile cambierà nuovamente rete d’appoggio, che è attualmente quella di WindTre, tornando a utilizzare la rete mobile di Vodafone per le nuove attivazioni e per i già clienti Full (dal momento che i clienti con SIM ESP sono sempre rimasti sotto rete Vodafone).

A tal proposito, l’azienda non ha fornito però tempistiche ufficiali a riguardo.

Passando adesso ai risultati finanziari, l’utile netto di Poste Italiane al 30 Settembre 2020 è di 353 milioni di euro, in rialzo del +10,3% anno su anno, mentre l’EBIT è tornato a crescere a quota 479 milioni di euro.

Mentre nel terzo trimestre hanno iniziato a riprendersi le attività commerciali nei servizi finanziari e assicurativi ed è rimasta in calo la corrispondenza, continuano a crescere i ricavi del semento Pagamenti e Mobile, a cui appartiene PosteMobile.

I ricavi nel segmento Pagamenti e Mobile sono stati pari a 185 milioni di euro nel terzo trimestre dell’anno, in crescita del +8,2% anno su anno. A livello annuale, si parla di 522 milioni di euro, in crescita del +9,5% rispetto ai primi nove mesi dell’anno scorso.

Lo slancio fornito al segmento è rappresentato, evidenzia Poste Italiane, sia dall’utilizzo delle soluzioni di pagamento che dalla crescita della base clienti nei servizi di telecomunicazione di PosteMobile. In basso un grafico dedicato. La barra in giallo indica i ricavi al 2020, confrontati con quelli dell’anno precedente, riportati in grigio.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Concentrando l’analisi esclusivamente sulla telefonia, Postemobile contribuisce ai ricavi del Gruppo con 71 milioni di euro, in crescita del +11% rispetto ai 64 milioni del terzo trimestre del 2019. A livello cumulativo, nei primi nove mesi dell’anno, PosteMobile ha segnato invece ricavi per 211 milioni di euro, contro i 173 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso.

L’aumento dei ricavi è da ricercare nell’incremento delle SIM Postemobile e dei contratti di rete fissa, che sono pari a 4,6 milioni, in crescita del +2% nel terzo trimestre dell’anno.

Nello specifico, il documento Financial Database del terzo trimestre indica 4,593 milioni di clienti, con un ARPU sul mobile (vale a dire i ricavi medi mensili per utente) pari a 4,60 euro e sostanzialmente stabile rispetto al trimestre precedente. In basso il grafico dedicato.

Per il segmento Pagamenti e Mobile, il management continua a perseguire la sua mission strategica che mira a far diventare Poste Italiane il principale ecosistema dei pagamenti in Italia, anche tramite una forte convergenza tra pagamenti e telco.

L’azione strategica prioritaria in tal senso resta quindi il rafforzamento del cross-selling tra telefonia mobile e pagamenti, mentre l’azienda continuerà a puntare sul servizio PostePay Connect e sulla recente carta interamente virtuale di Postepay.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button