Reti e Frequenzeiliad

Rete Iliad: il 2020 inizia con nuove antenne in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Puglia

Anche in occasione delle festività natalizie, Iliad ha continuato a lavorare sulla sua rete proprietaria con nuove istanze e comunicazioni ai comuni italiani. Nello specifico, nelle ultime due settimane Iliad si è mossa in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e in Puglia.

Iniziando con la novità meno recente, in data 23 Dicembre 2019 è stata data comunicazione di fine lavori relativa alla pratica SUAP avviata da Iliad per la modifica di una stazione radio base nel comune di Melissano, in provincia di Lecce, presso l’Interporto.

Il 30 Dicembre 2019 è stato invece pubblicato da parte del Comune di Pecetto Torinese un documento di avviso che informa della presentazione del Piano di Localizzazione di impianti di telefonia mobile di Iliad per il 2020. Non sono ancora note ulteriori informazioni circa il numero di impianti e la loro ubicazione geografica, ma nello stesso periodo il Comune ha anche informato sulla presentazione del Piano di Localizzazione da parte di TIM.

Il 24 Dicembre e il 30 Dicembre 2019 sono state invece pubblicate due comunicazioni di avvio del procedimento da parte di Iliad Italia per l’installazione di due distinte stazioni radio base di telefonia mobile da realizzarsi a Murano e a Venezia.

Infine, è stato comunicato il 31 Dicembre 2019 il deposito del progetto per la realizzazione di un impianto di telefonia mobile sito in Piazzale Atleti Azzurri D’Italia a Bologna, da parte di Iliad Italia. Il Comune ha quindi invitato i titolari di interessi pubblici o privati a inviare eventuali osservazioni entro il 9 Gennaio 2020.

Per conoscere in tempo reale le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Quelli fin qui presentati sono solo alcuni esempi di istanze e comunicazioni inviate nel periodo delle feste natalizie, ma non è escluso che Iliad possa aver presentato altre SCIA in altri comuni italiani. Inoltre, alle istanze e autorizzazioni qui riportate si affiancano quelle di Dicembre 2019 a Imola, Piacenza, Asti e a Quarto.

Si ricorda che per il 2019 l’obiettivo di Iliad era quello di raggiungere 3500 siti equipaggiati entro la fine dell’anno; a fine Settembre 2019 erano già stati raggiunti 3100 siti, di cui 850 attivi, che contribuivano a gestire una piccola porzione del traffico totale sulla rete.

Quella della rete proprietaria è stata definita “una priorità” anche dall’Amministratore Delegato di Iliad Italia, Benedetto Levi, in un’audizione al Senato. Anche in quell’occasione, l’azienda ha voluto ribadire la necessità di una burocrazia più snella e di limiti alle emissioni più elevati per essere in grado di costruire la sua rete proprietaria e mantenere la concorrenzialità sul mercato di rete mobile consumer.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button