Archivio

Anche Wind Tre e Vodafone adeguano i costi di disattivazione della linea fissa alla delibera AGCOM

Dopo Tiscali e TIM nel mese di Gennaio 2019, adesso anche altri operatori di rete fissa si sono adeguati alla delibera n. 487/18/CONS di AGCOM, che prevede una maggior trasparenza per i costi da corrispondere in caso di passaggio ad altro operatore o dismissione totale dell’utenza. 

Come già raccontato, la delibera AGCOM n. 487/18/CONS pubblicata nel mese di Ottobre 2018 sancisce, tra le altre cose, una regolamentazione delle spese previste in caso di disattivazione o dismissione della linea, così da tutelare gli utenti e impedire che vengano applicati dei costi immotivati da parte dell’operatore.

È stato stabilito che le spese di recesso devono essere commisurate al valore del contratto e ai costi realmente sostenuti per la dismissione della linea o per il trasferimento del servizio.

I cosiddetti costi di disattivazione o dismissione della linea sono dei costi standard da sostenere oltre alle eventuali penali o costi di recesso previsti dal proprio contratto e che variano a seconda dell’operatore, come già trattato da MondoMobileWeb.

TIM e Tiscali erano stati i primi operatori di rete fissa a recepire la regolamentazione sin dai primi giorni di Gennaio 2019, mentre Vodafone, Wind Tre e Fastweb non si erano ancora adeguati.

Adesso invece, nel mese di Febbraio 2019, anche Wind Tre e Vodafone hanno deciso di applicare la delibera, aggiornando i dettagli dei costi di disattivazione nelle pagine dei rispettivi siti web dedicate alla Trasparenza Tariffaria. L’unico operatore rimasto a non essersi adeguato alla nuova regolamentazione AGCOM è Fastweb, che non la menziona nelle sue pagine ufficiali.

Come anticipato da MondoMobileWeb, dal 17 Febbraio 2019 Vodafone ha fissato a 28 euro il nuovo costo di disattivazione della linea fissa, che sarà valido sia in caso di dismissione della linea o passaggio ad altro operatore, mentre prima si pagavano 35 euro per la portabilità e 41 euro per la cessazione della linea. Per le linee solo voce il nuovo costo unico è di 19 euro, mentre in precedenza era di 40 euro.

Wind Tre, invece, ha deciso di applicare alla lettera la delibera, esplicitando con una tabella, presente nella sezione Trasparenza Tariffaria dei due brand, i “costi reali supportati da Wind Tre per il mercato del fisso”, spiegando anche che si pagherà solo un importo pari al valore minimo tra questi e una mensilità del canone della propria offerta.

Dunque, dato che normalmente i costi mensili sono più bassi di quelli visti nella tabella, nella maggior parte dei casi si pagherà solo un importo pari ad una mensilità di canone.

La tabella con i costi di disattivazione per la rete fissa Wind (validi anche per il brand Tre).

Ecco l’elenco, aggiornato a Febbraio 2019 a seguito dell’apposita delibera AGCOM, dei costi di disattivazione della linea dei principali operatori di rete fissa in caso di passaggio ad altro operatore:

  • TIM5 euro;
  • Vodafone28 euro per linee ADSL, FTTC e Fibra, 19 euro per le offerte solo telefono;
  • Wind Tre: valore minimo tra una mensilità di canone e 55 euro per linee ADSL, FTTC e solo voce, valore minimo tra una mensilità di canone e 94 euro per linee FTTH;
  • Fastweb56 euro;
  • Tiscaliimporto pari ad una mensilità di canone per linee ADSL/FTTC/Fibra e 0 euro per linee wireless J4+.

Ed ecco invece i costi che si applicano nel caso di dismissione della linea:

  • TIM30 euro;
  • Vodafone28 euro per linee ADSL, FTTC e Fibra, 19 euro per le offerte solo telefono;
  • Wind Tre: valore minimo tra una mensilità di canone e 66 euro per linee ADSL, FTTC e solo voce, valore minimo tra una mensilità di canone e 94 euro per linee FTTH;
  • Fastweb56 euro;
  • Tiscaliimporto pari ad una mensilità di canone per linee ADSL/FTTC/Fibra e 0 euro per linee wireless J4+.

Come più volte raccontato, questi costi sono standard per tutte le offerte degli operatori di rete fissa e si applicano indifferentemente dalla durata del contratto sottoscritto, dunque anche se si è già superato il vincolo contrattuale ed eventuali penali non sono più applicabili, il costo di disattivazione o dismissione coprirà la gestione della portabilità o del distacco della linea.

Inoltre, non si applicano nel caso di passaggio ad altro operatore o dismissione della linea in seguito a rimodulazione o modifiche unilaterali del contratto. In questo caso, inviando disdetta e specificando la non accettazione delle nuove condizioni, i costi di disattivazione non saranno addebitati. Per ulteriori informazioni è possibile consultare l’approfondimento sulle modifiche unilaterali di contratto.

Seguici su Telegram

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram.

Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.