Iliad pronto a lanciare il nuovo quarto operatore telefonico in Italia: cronaca di una scommessa ben riuscita in Francia


Il 1° Settembre 2016 è stato il giorno in cui la Commissione Europea ha approvato con una nota la proposta di joint venture (accordo di fusione tra imprese) di H3G Italia S.p.A., controllata dalla CK Hutchison, e di Wind Telecomunicazioni S.p.A., controllata dall’allora VimpelCom, adesso Veon. La fusione sarebbe stata dichiarata conforme al regolamento UE sulle concentrazioni qualora le due multinazionali avessero sciolto le riserve sollevate dalla Commissione. Infatti, prendendo atto del fatto che la fusione avrebbe portato a una riduzione da quattro a tre del numero degli operatori telefonici presenti sul mercato italiano, la Commissione sosteneva che ciò avrebbe comportato un minore incentivo alla concorrenza e dei prezzi più elevati a discapito dei consumatori.

Questo avrebbe intaccato anche il destino degli operatori virtuali (Fastweb, PosteMobile, CoopVoce, ecc.), riducendo la vasta scelta di operatori di rete a cui appoggiarsi rispetto a prima della fusione. Le riserve della Commissione sono state successivamente sciolte da misure correttive che prevedevano la cessione di attività a un quarto operatore telefonico (è possibile approfondire consultando: http://www.mondomobileweb.it/56654-ufficiale-antitrust-ue-approva-la-fusione-3italia-wind-grazie-allingresso-del-nuovo-operatore-iliad/). Il quarto operatore che avrebbe ottenuto tali attività avrebbe fatto capo a Iliad S.A., azienda francese che si occupa di telecomunicazioni e che ha come sua filiale dal 2012 la “Free Mobile” quarto operatore telefonico francese. La società francese quindi è stata preferita nelle trattative rispetto a Fastweb che ha perso sostanzialmente l’opportunità di fare il salto da operatore virtuale a operatore vero e proprio di telefonia mobile.

La storia di Iliad comincia nel 1990, quando il ventitreenne milionario Xavier Niel acquista la Fermic Multimedia, dopo aver fatto fortuna grazie al Minitel nel campo della pornografia. Puntando al successo nella diffusione di internet in Francia, Xavier Niel ottiene alla fine del decennio le licenze per commercializzare servizi di telecomunicazione con il marchio “Free” e la rete di Iliad viene interconnessa con quella di France Télécom.

Xavier Niel

Gli ingenti investimenti della Goldman Sachs, una delle più grandi banche d’affari del mondo, aprono la strada a Niel, che sviluppa dal 2002 un terminale multimediale chiamato “Freebox” per telefonia fissa. Già da questo momento Niel mostra la sua predisposizione a proporre tariffe a bassissimo costo anche se ancora per la rete fissa: l’offerta “Free haut débit à 29,99 euros par mois” comprende a un prezzo così basso l’accesso al collegamento alla rete, alla tv via cavo e alla telefonia fissa illimitata. Il primo vero contatto tra Niel e il mercato telefonico italiano è l’acquisto di Alice France da Telecom Italia che rende Iliad il secondo fornitore di accesso ad Internet in Francia. Ciò che però sembra aver consacrato Iliad è stato l’ingresso nel mercato della telefonia mobile con “Free Mobile” nel 2012.

I dati pubblicati a marzo relativi al 2016 parlano chiaro: Free Mobile ha raggiunto il 18% delle quote sul mercato francese con 12,7 milioni di utenti nel giro di meno di cinque anni. La copertura della rete 4G sul territorio nazionale ammonta a più dell’80% e la copertura della rete 3G è quasi totale (dati 1° trimestre 2017). Attraverso le sue ricerche di mercato Iliad ha preso nota del fatto che tre francesi su quattro considerano internet illimitato come indispensabile. Non a caso le offerte Free Mobile vanno in questo senso: da una parte un’offerta smart di due euro che prevede fino a 120 minuti per le chiamate, SMS/MMS illimitati e fino a 50Mb in 4G a 2 euro al mese (gratis per chi è cliente di Freebox), dall’altra parte una decisamente più abbondante che prevede chiamate, SMS/MMS illimitati e 50Gb al mese a 19,99 (15,99 per chi è cliente Freebox). Certe offerte fanno di Free Mobile uno degli operatori con i prezzi dei servizi telefonici più bassi in Europa.

Proprio nei giorni in cui sono stati pubblicati i risultati dell’anno 2016, Niel ha confessato a “Les Echos” di voler raggiungere subito il 10% delle quote del mercato telefonico in Italia, ma di non abbandonare anche la trasparenza e l’onesta nei confronti dei consumatori. Se da una parte la notizia degli ultimi giorni è che Iliad sta aprendo le prime posizioni lavorative, nonostante l’indefinitezza del momento del debutto sul mercato italiano e del nome del gestore telefonico, dall’altra gli altri operatori telefonici reagiscono con le proprie strategie.

Strategie che per alcuni si tradurranno nel lancio di nuovi operatori virtuali, come ha fatto Telecom Italia con KenaMobile a marzo e Vodafone con la prossima presentazione di un brand della Vei srl (ma non c’è nulla di ufficiale ancora). Storia differente per Wind Tre, che ha deciso di mantenere la divisione dei due brand per quanto riguarda il comparto consumer. I futuri concorrenti inoltre dovranno elaborare nuove offerte che possano competere con quelle a prezzi stracciati di coloro che Vittorio Colao (amministratore delegato Vodafone Group) ha chiamato “i pirati di Iliad”.

 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter, Google+ e iscriviti gratis nel nostro canale @mondomobileweb dell'App Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale.

Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze (rispettando il regolamento e il buon senso)! Grazie in anticipo a tutti i visitatori di MondoMobileWeb.it che ci informano aiutando così il consumatore.



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus


  • Rita

    E fu così che l’arrivo di iliad scatenò la vera guerra degli operatori telefonici. Chissà che offerte si inventeranno per contrastarla…

  • Giova

    Mi fa molto piacere…le tradizionali compagnie telefoniche sono spesso specchietti per allodole….ti attirano con offerte vantaggiose salvo poi rimodulare i piani tariffari senza checklist agcom batti un ciglio….Quindi ben venga la concorrenza estera sul nostro mercato, se questo significa risparmiare saranno sempre i benvenuti!!
    Spero che prima della fine di quest anno prenda seriamente piede questa nuova compagnia!!

  • Wind AllInclusive

    1.000 Minuti verso tutti, 15+2 Giga di Internet a €. 7,00 ogni 28 giorni.
    Superati i Giga a disposizione, si continua a NAVIGARE ILLIMITATAMENTE a 1 Mb/s.
    Per attivazioni, inviare una email scrivendo il tuo numero di cellulare a windallinclusiveunlimited@gmail.com .

  • Wind AllInclusive

    1.000 Minuti verso tutti, 15+2 Giga di Internet a €. 7,00 al mese per sempre!
    Superati i Giga a disposizione, si continua a NAVIGARE ILLIMITATAMENTE a 128 kbps.

    Per attivazioni, inviare una email scrivendo il tuo numero di cellulare a:
    windallinclusiveunlimited@gmail.com

  • Mario Taddei

    il giorno stesso porterò i miei numeri e quelli dei miei familiari in Iliad. Anche a pagare di più di adesso basta mandare al diavolo chi fino ad oggi mi ha trattato come una m….a

  • Vitto

    Spero proprio vivamente che arrivi un vero CONCORRENTE nella telefonia, purtroppo però la mia fiducia, al momento, non me la sento di affidarla a chi ancora non conosco, se non per sentito dire.
    Spero proprio che questo nuovo concorrente non si faccia influenzare da situazioni “borboniche” italiane dove concorrenza non significa affatto ciò che significa perfino in nazioni del cosiddetto terzo mondo.
    Che dire?
    SPERIAMO, SPERIAMO, SPERIAMO !
    Anche per me, se farà concorrenza seriamente, porterò tutti di casa mia in Iliad.

  • rocco

    In Francia ha gli stessi problemi di ricezione che aveva h3g nel 2009 almeno. E poi la scelta degli smartphone è limitata. Quindi vedremo …

  • Underdog

    Dopo aver letto le attuali offerte degli operatori presenti sul mercato(?)della telefonia fissa e mobile Italiana,io sono pronto a passare con Free ad occhi chiusi.:))
    Qualsiasi offerta possa fare,sarà migliore di quelle che propongono gli altri.

  • Max77

    Sì, certo, se poi sei coperto al 20% con iliad e il resto con la rete Wind in roaming, ci fai ben poco con 50GB

  • bear_666

    si sa qualcosa sulle tariffe?

  • Underdog

    Da quello che si sente in giro la copertura di Free sarà al massimo del 3% in tutta Italia,la copertura in roaming Wind sarà a fasce orarie a sorteggio per aree geografiche e si pagheranno 50 giga per averne due.Contento adesso?Ho soddisfatto la tua irrefrenabile voglia di frignare prima che le cose accadano?
    Ma è possibile che ancora fate i ragionamenti col SE?

  • Mario Taddei

    però in Francia in 4 anni è diventato il 4° operatore mobile e il secondo dopo orange per tasso di reclami. Quando rimodula lo fa in positivo e pensa tanto ai nuovi che hai vecchi clienti. Io ho dato tanta fiducia a H3G quando è nata e gli riconosco il merito di aver innovato tantissimo in offerte e tariffe ma ora credo che abbia perso il senso della realtà o meglio che abbia preso i clienti come limoni da spremere più e meglio degli altri operatori. Per cui sono disponibile a fare una notte di attesa davanti al negozio Iliad per essere fra i primi ad avere una sim

  • rocco

    Mi trovo benissimo con tre e wind . Ho ricevuto quasi 20 GB in omaggio. Altri 15 a 9 euro. Fidelizza secondo te ?

  • Mario Taddei

    trovarsi bene non è una colpa casomai dovrebbe essere la normalità quindi se ti trovi bene buon per te e sei certamente libero di spendere i tuoi soldi come meglio credi. Nel mio caso non fidelizza. Forse perchè non uso neppure 500 mb al mese e quindi non riesco a perdonare – tra le altre cose – l’avermi fatto rientrare in Tre da altro gestore dove pagavo 10 Euro con un’offerta a 5 Euro e avermela portata a 10,49 dopo pochissimo tempo. Non è un discorso di prezzo ma di serietà.