Reti 5GVodafone

Vodafone rete 5G: raggiunte ufficialmente le 60 città coperte, ecco quali sono

Vodafone ha ufficializzato nelle ultime ore l’estensione della copertura della sua rete 5G, con l’aggiunta di 35 nuove città in cui sarà possibile navigare sulla nuova rete di quinta generazione.

Il sito dell’operatore si è aggiornato da oggi, 9 Aprile 2022, in seguito allo spot manifesto sulla rete Vodafone, con il claim “stabile e inarrestabile”, con il rinnovamento della pagina dedicata alle reti dell’operatore, fra cui quella 5G, e con l’occasione è stata ufficializzata la copertura in nuove zone.

Si ricorda innanzitutto che Vodafone è stato il primo operatore in Italia a rendere disponibile la tecnologia 5G, precisamente a partire dal 16 Giugno 2019, quando venne accesa nelle prime 5 città.

Successivamente, dopo aver mantenuto invariata la copertura per diverso tempo, nei primi giorni di Aprile 2021 Vodafone aveva poi ufficializzato di aver raggiunto 20 nuove città, che si sono aggiunte alle prime 5 che erano state coperte sin dal lancio della rete di quinta generazione dell’operatore rosso, per un totale di 25 città (Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, Genova, Bergamo, Brescia, La Spezia, Monza, Novara, Verona, Padova, Parma, Rimini, Trento, Trieste, Venezia, Firenze, Cagliari, Prato, Palermo, Bari, Catania e Reggio Calabria).

In ogni caso, sin dall’inizio l’operatore dichiarava di avere l’intenzione di raggiungere le 100 città coperte entro il 2021. Tuttavia, Aldo Bisio, AD di Vodafone Italia, a Ottobre 2021 aveva dichiarato che entro la fine del 2021 l’operatore avrebbe raggiunto 50 o 60 città italiane coperte in 5G.

Quali sono le 60 città coperte attualmente in 5G da Vodafone

Seppur con qualche mese di ritardo, il raggiungimento di questi numeri sulla copertura della rete 5G è stato ufficializzato proprio con l’aggiornamento delle ultime ore del sito Vodafone.

Nello specifico, le nuove città aggiunte ufficialmente con questo aggiornamento del sito sono 35, in particolare Alessandria, Ancona, Arezzo, Bolzano, Brindisi, Catanzaro, Como, Ferrara, Foggia, Forlì, Giugliano in Campania, Grosseto, Latina, Lecce, Livorno, L’Aquila, Messina, Modena, Perugia, Pescara, Pisa, Pistoia, Pozzuoli, Ravenna, Reggio nell’Emilia, Salerno, Sassari, Siracusa, Taranto, Terni, Torre del Greco, Treviso, Udine, Varese e Vicenza.

Così facendo, aggiungendosi alle precedenti 25, la nuova lista delle città ufficialmente coperte in 5G da Vodafone e presenti sul sito dell’operatore sono in totale 60: Alessandria, Ancona, Arezzo, Bari, Bergamo, Bologna, Bolzano, Brescia, Brindisi, Cagliari, Catania, Catanzaro, Como, Ferrara, Firenze, Foggia, Forlì, Genova, Giugliano in Campania, Grosseto, La Spezia, Latina, Lecce, Livorno, L’Aquila, Messina, Milano, Modena, Monza, Napoli, Novara, Padova, Palermo, Parma, Perugia, Pescara, Pisa, Pistoia, Pozzuoli, Prato, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio nell’Emilia, Rimini, Roma, Salerno, Sassari, Siracusa, Taranto, Terni, Torino, Torre del Greco, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verona e Vicenza.

Nonostante l’aggiornamento, al momento Vodafone continua a specificare sul suo sito che la rete 5G ha raggiunto una percentuale di copertura outdoor del 90% della popolazione in particolare a Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, Genova, Verona, Firenze, Palermo e Bari.

Invece, nel resto delle città attualmente coperte da Vodafone con la rete mobile di ultima generazione, l’operatore dichiara di aver raggiunto una una percentuale di copertura outdoor del 70% della popolazione.

rete 5G Vodafone

Si ricorda che, pur non essendo più segnalate nella pagina dedicata del sito ufficiale, in precedenza Vodafone dichiarava di coprire anche 28 comuni dell’area metropolitana milanese, nello specifico alcune aree di Assago, Bollate, Bresso, Carugate, Cassina de’ Pecchi, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cusano Milanino, Garbagnate Milanese, Lainate, Legnano, Melegnano, Novate Milanese, Opera, Parabiago, Pessano con Bornago, Pioltello, Rho, Rozzano, San Donato Milanese, San Giorgio su Legnano, San Giuliano Milanese, Sedriano, Segrate, Senago, Sesto San Giovanni, Solaro e Trezzano sul Naviglio.

Sulla mappa dedicata alla copertura mobile di Vodafone questi comuni milanesi sono invece regolarmente indicati come comunica coperti dal 5G.

La copertura delle attuali città non implica automaticamente che tutto il territorio comunale sia raggiunto, per cui al momento la copertura potrebbe riguardare solo alcune specifiche zone dei comuni dichiarati coperti.

Si sottolinea che le città elencate in precedenza sono quelle indicate attualmente sul sito ufficiale di Vodafone.

Tuttavia, dato che la nuova rete dell’operatore è tuttora in fase di implementazione in tutta Italia, in alcune zone di alcune città la rete di nuova generazione di Vodafone potrebbe risultare già attiva, anche se ancora non ufficializzata.

Velocità raggiungibile e altri dettagli

Vodafone non ha mai dichiarato pubblicamente una velocità massima teorica raggiungibile, ma nella pagina dedicata del suo sito si limita a ricordare i risultati del recente test di Umlaut, che evidenziano come in 5G si possa “navigare 5 volte più veloce rispetto alla tecnologia 4G”.

Tuttavia, nei documenti di trasparenza tariffaria delle offerte Vodafone abilitate alla navigazione in 5G l’operatore specifica che le velocità massime di navigazione raggiungibili con la rete mobile di quinta generazioni sono pari a 2 Gbps in download e 200 Mbps in upload.

Come sottolinea l’operatore, oltre a trovarsi nelle aree coperte, utilizzare uno smartphone compatibile (fra quelli indicati sul sito dell’operatore) e avere un’offerta abilitata (o una opzione abilitante), per sfruttare la sua rete di quinta generazione è anche necessario dotarsi di una SIM da almeno 128K.

Per quanto riguarda gli smartphone, non è comunque escluso che altri dispositivi abilitati alla rete di quinta generazione, anche se non presenti nell’elenco ufficiale presente sul sito Vodafone, possano funzionare lo stesso.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button