LexFoniaOfferte Roaming

Roaming UE, avanza il nuovo regolamento: via libera da Commissione Industria del Parlamento UE

Prosegue l’iter del nuovo regolamento sul Roaming Like At Home (RLAH) in Unione Europea, che nelle ultime ore ha ricevuto l’approvazione della Commissione Industria del Parlamento UE, confermando l’intenzione di prorogare per altri 10 anni l’eliminazione dei costi aggiuntivi di roaming e aggiungere alcune novità per tutelare i consumatori.

Il passo avanti della nuova normativa è stata annunciato nella giornata di ieri, 14 Ottobre 2021, a seguito della votazione svoltasi presso la Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento Europeo (ITRE, acronimo del francese Industrie, Recherche, Energie).

La proroga di altri 10 anni proposta dalla Commissione UE

Gli eurodeputati di questa Commissione hanno dunque votato a favore dell’estensione per altri 10 anni della normativa Roaming Like At Home (RLAH) che consente ai cittadini europei di utilizzare la propria offerta mobile alle stesse condizioni nazionali in roaming negli altri paesi d’Europa.

La validità dell’attuale regolamento UE n. 531/2012, entrato in vigore il 15 Giugno 2017scadrà infatti il 30 Giugno 2022.

La Commissione Industria del Parlamento UE ha dunque approvato il nuovo regolamento proposto già a Febbraio 2021 dalla Commissione europea, con cui oltre all’estensione decennale si vogliono introdurre alcune migliorie per i consumatori europei che viaggiano nell’Unione.

Secondo la Commissione europea, l’abolizione delle tariffe di roaming ha dato libero corso alla domanda di consumo mobile dei viaggiatori nei 27 Stati membri dell’UE come pure in Islanda, in Liechtenstein e in Norvegia (e per il momento in alcuni casi anche in Regno Unito), e ritiene dunque necessario mantenere la normativa, visto anche che le condizioni del mercato non sembrano ancora garantire la continuità del roaming gratuito senza un intervento regolatorio.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia mobile, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Parlamento Commissione Industria

Prossime tappe per il nuovo Roaming europeo: Parlamento e Consiglio UE

La relazione sull’estensione del Roaming UE è stata approvata il 14 Ottobre 2021 dalla Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo con 67 voti favorevoli, 0 contrari e 7 astensioni.

Prima di poter entrare in vigore, però, le nuove regole dovranno essere concordate da Parlamento e Consiglio dell’Unione Europea.

I deputati hanno infatti votato per l’apertura dei negoziati con il Consiglio con 67 voti favorevoli, 0 contrari e 7 astensioni. Il mandato sarà annunciato durante la sessione plenaria del 18-21 Ottobre 2021.

Il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato il suo mandato negoziale lo scorso 16 Giugno 2021. Il primo trilogo (l’incontro a tre utilizzato nella procedura legislativa UE cui prendono parte alcuni rappresentanti di Parlamento, Consiglio e Commissione) si svolgerà quindi il 26 Ottobre 2021.

Angelika Winzig, eurodeputata austriaca del Partito Popolare Europeo (PPE) e relatrice del nuovo regolamento sul Roaming UE, ha dichiarato:

Roaming Like At Home è una storia di successo europea senza precedenti. Mostra come tutti noi beneficiamo direttamente del mercato unico dell’UE. Vogliamo ridurre ulteriormente i costi e migliorare la qualità del servizio per tutti i cittadini europei. Questa è un’opportunità per noi di aggiungere alcuni notevoli miglioramenti, che andranno a beneficio di cittadini e imprese senza causare interruzioni per gli operatori di rete mobile. Con questo regolamento facciamo un altro passo importante verso un vero mercato unico digitale europeo, per un’Unione europea del futuro di successo, forte ed efficace.

Vietata la riduzione della qualità di connessione in Roaming UE

Come già raccontato, fra le principali novità che verrebbero introdotte con il nuovo regolamento sul Roaming in Unione europea ci sarebbe il diritto alla stessa qualità e velocità di connessione mobile all’estero come nel proprio paese.

Gli operatori sarebbero quindi obbligati a offrire condizioni di roaming uguali a quelle offerte a livello nazionale, nel caso in cui le stesse tecnologie e condizioni sono disponibili sulla rete nel paese che si sta visitando.

Gli eurodeputati vogliono quindi vietare le pratiche commerciali che riducono la qualità dei servizi di roaming al dettaglio regolamentati (ad esempio, quando viene imposto l’utilizzo in Roaming del 3G nonostante sia disponibile il 4G come avviene nel proprio paese).

Ciò significa che se un consumatore usufruisce della connettività 4G nel proprio paese, quando è in roaming non dovrebbe disporre soltanto della connettività 3G, se il 4G è disponibile nel luogo in cui si reca. Lo stesso vale per le reti 5G sempre più disponibili.

Servizi di emergenza gratuiti ed eliminazione costi per chiamate intra-UE

Altra novità per i viaggiatori riguarda l’accesso gratuito ai servizi di emergenza, che sarebbe quindi fornito senza costi aggiuntivi se si utilizza tramite chiamata o SMS, compresa la trasmissione delle informazioni sulla posizione del chiamante.

I deputati hanno inoltre concordato che gli operatori di telefonia mobile dovrebbero fornire informazioni ai clienti in roaming sul numero di emergenza europeo 112. I Membri del Parlamento Europeo vogliono anche che le persone con disabilità possano accedere ai servizi di emergenza senza costi aggiuntivi.

Gli eurodeputati propongono infine di eliminare i costi aggiuntivi per le chiamate intra-UE (ad esempio quando si chiama dal Belgio all’Italia), che attualmente sono limitati a 19 centesimi di euro al minuto.

In questo modo i clienti di telefonia mobile europei pagherebbero solo i costi aggiuntivi oggettivamente giustificati dall’operatore.

 

Vuoi ricevere notizie e consigli utili in tempo reale sul mondo della telefonia? Iscriviti gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Segui MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

MondoMobile.News

Back to top button