ServiziWindTre

WindTre: campagna SMS a clienti con anomalie documentali per evitare la disattivazione della SIM

Il brand unico WindTre ha avviato una nuova campagna SMS di bonifica documentale, volta a informare alcuni clienti della necessità di aggiornare i dati relativi alla loro SIM.

Alcuni clienti stanno infatti segnalando di essere oggetto di una nuova campagna con cui WindTre avvisa di alcune anomalie documentali, invitando i clienti a recarsi presso un punto vendita per la bonifica documentale entro 15 giorni.

In basso l’SMS inviato ad alcuni clienti:

“Gentile cliente, è necessario aggiornare i dati relativi a questa SIM. Ti invitiamo pertanto a recarti presso un qualsiasi negozio WindTre entro 15 giorni con un documento d’identità in corso di validità. In caso di mancato riscontro entro i tempi indicati, WindTre dovrà provvedere suo malgrado alla sospensione del servizio fino all’avvenuta regolarizzazione. Per trovare il negozio WindTre più vicino puoi consultare la sezione dedicata di windtre.it.”

I clienti che riceveranno il messaggio dovranno dunque recarsi presso il punto vendita più vicino (la lista dei negozi è consultabile anche sul sito dell’operatore) con un documento d’identità in corso di validità per regolarizzare la loro posizione.

Qualora ciò non accada entro 15 giorni, il cliente riceverà un secondo SMS in cui verrà informato della sospensione della SIM e della possibilità di recarsi presso un qualsiasi negozio entro ulteriori 10 giorni per regolarizzare definitivamente la posizione. In caso di mancata regolarizzazione anche dopo questa seconda comunicazione, WindTre procederà alla disattivazione della SIM.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

WindTre

I clienti oggetto della campagna documentale in questione sono quelli che presentano anomalie documentali di sorta, come l’assenza della copia del documento d’identità nei sistemi dell’operatore.

Chi sarà chiamato a regolarizzare la sua posizione dovrà quindi recarsi in negozio con un documento di identità in corso di validità e dovrà indicare le numerazioni relative alle SIM in suo possesso.

Qualora il cliente non procedesse con la bonifica documentale, la SIM sarà prima sospesa e successivamente disattivata. Chiaramente, se il cliente alla ricezione del secondo SMS si recherà in negozio entro 10 giorni per effettuare la bonifica documentale, l’operatore provvederà a riattivare la SIM precedentemente sospesa.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button