Rimodulazione TIM: canone mensile di 1,99 euro slitta di 2 giorni per alcune tariffe a consumo


Doveva entrare in vigore a partire da oggi, 27 Febbraio 2020, la rimodulazione annunciata il mese scorso per alcuni già clienti TIM con alcuni piani base a consumo. Invece, il nuovo canone mensile di 1,99 euro, ma solo se non ci sono offerte con almeno minuti e Giga attive, sarà effettivo fra due giorni.

Come già raccontato da MondoMobileWeb, a partire dal 27 Gennaio 2020 TIM ha cominciato ad informare alcuni suoi già clienti di una nuova rimodulazione che coinvolge alcuni piani base a consumo non più in commercializzazione, i quali a partire dal 27 Febbraio 2020 avrebbero avuto un costo di 1,99 euro al mese (IVA inclusa). Il nuovo costo fisso si aggiunge ai costi sostenuti a consumo.

TIM specifica comunque che questo nuovo costo viene applicato soltanto in assenza di un’offerta con almeno minuti o Giga sulla propria SIM, similmente a quanto già avviene con Vodafone per il piano Vodafone 25 dopo l’analoga rimodulazione di Ottobre 2019.

TIM, nella comunicazione pubblicata il 27 Gennaio 2020 sul suo sito ufficiale, nella sezione “News – Comunicazioni Importanti”, giustificava questa modifica unilaterale come una mossa per “continuare a investire sulla qualità della rete”.

Nelle ultime ore, TIM ha pubblicato nella stessa sezione del sito una rettifica alla precedente comunicazione, specificando che il nuovo canone mensile per alcune tariffe a consumo entrerà in vigore per tutti a partire dal 29 Febbraio 2020, e non dal 27 Febbraio 2020 come era stato inizialmente comunicato.

In questo modo cambia anche il termine per esercitare il diritto di recesso, che sarà così valido fino a domani, 28 Febbraio 2020 (in precedenza si poteva recedere fino al 26 Febbraio 2020).

I clienti impattati da questa nuova rimodulazione possono quindi ancora decidere di non accettare le modifiche delle condizioni contrattuali appena descritte (ai sensi dell’art. 70, comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche), recedendo dal contratto o passando ad altro operatore, senza penali né costi di disattivazione, comunicandolo a TIM entro domani.

Per esercitare il diritto di recesso cessando la linea mobile, il cliente TIM può compilare direttamente on line il “Modulo di richiesta cessazione ed autocertificazione di possesso linea”.

In alternativa, è possibile scaricare, stampare e compilare lo stesso modulo, ed inviarlo all’indirizzo indicato nello stesso o tramite PEC all’indirizzo recesso_linee_mobili@pec.telecomitalia.it, allegando copia della documentazione richiesta, oppure recarsi presso i Negozi TIM o chiamando il 119. Si ricorda che, nel caso in cui il cliente scelga di cessare la linea mobile, perderà definitivamente il proprio numero di telefono.

TIM piani base consumo rimodulazione

I clienti impattati erano stati informati con l’IVR dedicato gratuito 409168 e tramite apposita campagna SMS, i cui messaggi sono stati inviati a scaglioni, per cui la data di avvio della modifica unilaterale potrebbe variare a seconda della data di ricezione del messaggio.

Ecco il testo di uno degli SMS informativi che era stato inviato ad alcuni clienti TIM (in questo caso il 27 Gennaio 2020) coinvolti dalla rimodulazione di alcuni piani base a consumo (adesso la data di avvio della rimodulazione è comunque differente):

Modifica contrattuale: per continuare a investire sulla qualità della rete TIM, dal 27/2 il Piano Base della tua linea avrà un costo di 1,99 euro al mese che verrà applicato solo in assenza di un’offerta con Minuti o Giga. Entro il 26/2 puoi recedere dal contratto o cambiare operatore, senza penali né costi di disattivazione, compilando il modulo cessazione linea su tim.it o inviandolo via PEC a recesso_linee_mobili@pec.telecomitalia.it o andando nei negozi TIM. Solo xTE, con TIM puoi avere Minuti ILLIMITATI e 1GIGA a 4,99 euro al mese e il costo del Piano Base è GRATUITO! Info al 409168 o su tim.it/i

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia mobile, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

rimodulazione

Come si può notare, alla fine del messaggio, TIM ha proposto ai clienti coinvolti l’attivazione di un’offerta compensativa con minuti illimitati e 1 Giga a 4,99 euro al mese.

Si tratta in questo caso di TIM Entry M, che comprende minuti illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali e 1 Giga di traffico dati con navigazione in qualità SD, il tutto al costo mensile di 4,99 euro.

L’offerta sembrerebbe essere stata proposta principalmente ai clienti con piani base impattati dalla rimodulazione ma che non hanno offerte attive, e che dunque pagherebbero il nuovo costo di 1,99 euro al mese.

Infatti, attivando l’offerta, pur mantenendo il piano base rimodulato, non si avranno ulteriori costi mensili.

L’offerta compensativa è disponibile anche tramite la sezione “Offerte per te” all’interno dell’app MyTIM, come aveva anticipato l’operatore nella comunicazione sul suo sito.

TIM Facile

Tra i piani base a consumo coinvolti potrebbe esserci TIM Semplice, dato che dal 27 Gennaio 2020, contestualmente alla comunicazione della rimodulazione, non è più attivabile.

Invece rimane attivabile il piano TIM Base New, anche se alcuni già clienti sostengono di aver ricevuto il messaggio della modifica unilaterale in partenza da oggi, nonostante la comunicazione ufficiale di TIM sottolinei che questa riguarda solo alcuni piani base “non più in commercializzazione”.

Si invitano i lettori di MondoMobileWeb a raccontare la propria esperienza tramite la sezione dei commenti o con il modulo dedicato alle segnalazioni.

Sempre dal 27 Gennaio 2020 è stato reso ufficialmente attivabile, dopo che era stata disponibile già ad Ottobre 2019 per pochi giorni prima di essere temporaneamente rimossa, la tariffa base senza canoni mensili TIM Facile, grazie alla quale è possibile cambiare gratuitamente il proprio piano base per evitare canoni mensili.

TIM Facile prevede le chiamate tariffate ad effettivi secondi di conversazione e senza scatto alla risposta al costo di 49 centesimi di euro al minuto, mentre gli SMS hanno un costo di 7,32 centesimi di euro ciascuno.

Questo piano base a consumo è consigliato anche per chi non ha un bundle di SMS incluso con la propria offerta ed ha bisogno di una tariffa con SMS al costo di circa 7 centesimi di euro, come già avveniva con la tariffa TIM a Secondi, non più sottoscrivibile.

In caso di difficoltà, il cliente TIM potrà chiedere il cambio piano gratuito verso TIM Facile direttamente all’operatore del Servizio Clienti 119 (o in chat all’interno dell’area clienti MyTIM) senza pagare i 3,99 euro (una tantum) come già succede con la richiesta di cambio piano verso TIM Base New o la disattivazione di alcuni servizi preattivati.

Se non si dovesse riuscire a trovare il piano TIM Facile fra le opzioni disponibili per il cambio della propria tariffa base nella sezione dedicata del sito ufficiale dell’operatore, è possibile passare prima al piano TIM Base New (anche questo gratuito), e poi, successivamente, provare ad effettuare un nuovo cambio piano: in questo caso dovrebbe comparire TIM Facile fra le opzioni disponibili.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.