LexFoniaOperatori VirtualiProblemi e DisserviziTelco ItaliaTelefonia Fissa

Sija Mobile, il Tribunale di Bolzano mette in liquidazione la società del virtuale

Nei giorni scorsi, il Tribunale di Bolzano ha pronunciato la sentenza con cui ha messo in liquidazione la società altoatesina Hoila!, che gestiva l’operatore virtuale di tipo ATR Sija Mobile, che a causa dei debiti accumulati nei confronti dei fornitori ha dovuto chiudere i suoi servizi di telefonia mobile e fissa.

Come già raccontato da MondoMobileWeb, nei giorni scorsi Sija ha comunicato l’interruzione dei servizi di rete fissa (con il brand Sija Fiber) e per il brand Sija Mobile che dal 6 Febbraio 2023 le SIM sono utilizzabili solo per ricevere chiamate in entrata e per le chiamate di emergenzainvitando i clienti a cambiare operatore entro 30 giorni.

Si ricorda che Sija è un marchio del gruppo Hoila!, società di telefonia locale con sede legale a Lana (BZ) che si rivolgeva principalmente alla popolazione bilingue della Provincia Autonoma di Bolzano, in Alto Adige (Südtirol), con l’obiettivo di offrire un servizio multilingue alla comunità altoatesina che parla anche tedesco.

Per quanto riguarda la telefonia mobile, l’operatore virtuale Sija Mobile era un Air Time Reseller (ATR), ossia una tipologia di MVNO che nello specifico si occupa esclusivamente della rivendita del traffico all’ingrosso di un altro operatore, occupandosi soltanto della commercializzazione con il proprio marchio e dell’assistenza clienti, mentre le SIM sono realizzate dall’operatore di appoggio.

L’operatore a cui si appoggiava è Noitel, virtuale di tipo ESP del gruppo Irideos che a sua volta sfrutta la rete Vodafone 2G e 4G tramite l’aggregatore Plintron.

Nel segmento di rete fissa, da Giugno 2020 l’azienda aveva lanciato anche Sija Fiber, l’offerta di rete fissa in Fibra FTTH tramite l’utilizzo della rete del suo partner Telmekom, operatore B2B di Lana (BZ), attivo in Alto Adige. Inoltre, nello stesso periodo era stato reso disponibile anche Sija Energy, per offrire contratti nel mercato Luce e Gas.

Il procedimento che ha portato alla chiusura di Sija

La liquidazione di Hoila! è stata resa nota con la sentenza numero 7/2023 del Tribunale di Bolzano del 13 Febbraio 2023, pubblicata lo stesso giorno.

Come si legge nella sentenza, alcune ex lavoratrici di Hoila! hanno presentato istanza per aprire la procedura di liquidazione giudiziale, in quanto hanno dichiarato di vantare crediti di lavoro per circa 60mila euro complessivi.

Hoila!, la società debitrice, si è costituita in giudizio il 14 Dicembre 2022 e alle udienze e del 22 Dicembre 2022 e del 19 Gennaio 2023 è comparso personalmente anche il legale rappresentante, Markus Giersch, che era il cofondatore e Amministratore Delegato, insieme al fratello Helmut.

Il Tribunale, con ordinanza del 26 Gennaio 2023, aveva disposto una consulenza tecnica d’ufficio, al fine di verificare l’opportunità di mantenere operativa la società al fine di preservarne il valore aziendale (costituito da licenza e clienti).

Inoltre, con la consulenza si intendeva verificare se l’esercizio provvisorio dell’impresa per il tempo necessario alla cessione in sede competitiva dell’azienda potesse risultare “pregiudizievole per i creditori, anche considerando il presumibile attivo realizzabile dalla cessione dell’azienda funzionante, confrontando tale valore con quello presumibilmente realizzabile dalla cessione di azienda non più attiva”.

Tribunale liquidazione Sija Mobile

Negato l’esercizio provvisorio a causa delle perdite

La consulente tecnica ha depositato lo scorso 9 Febbraio 2023 la propria perizia, evidenziando che dalla verifica della documentazione fornita da Hoila! risulterebbe un costo medio mensile per mantenere operativa l’azienda di 32333,59 euro, a fronte di un ricavo medio mensile di 22992,42 euro, per cui dall’esercizio provvisorio sarebbe stata generata una perdita mensile di circa 10000 euro.

Tramite la perizia è emerso inoltre che Telmekom, la società che forniva la rete fissa In Fibra ad Hoila! per Sija Fiber, ha sospeso tutti i servizi già in data 26 Gennaio 2023, risolvendo i contratti per inadempimento.

Per quanto riguarda la rete mobile e il brand Sija Mobile, anche Irideos (la società che gestisce Noitel, l’operatore virtuale che forniva i servizi ATR) ha cessato di fornire i propri servizi relativi alla telefonia mobile.

A questo proposito, come precisato da Irideos in una nota inviata a MondoMobileWeb, la cessazione della fornitura del servizio per Sija Mobile è avvenuta a causa dei mancati pagamenti da parte della società Hoila!, che si sono protratti per diversi mesi accumulando un forte debito nei confronti di Irideos. Nonostante ciò, in questi mesi Irideos aveva comunque mantenuto attivi i servizi forniti da Noitel a Sija.

Dunque, grazie alla consulenza tecnica d’ufficio è stato rilevato che l’azienda attualmente non è più funzionante, e che il curatore avrebbe dovuto sostenere spese in prededuzione difficilmente quantificabili per riavviare l’attività dando corso ad un esercizio provvisorio.

Il Tribunale, accogliendo le conclusioni della consulenza tecnica, ha ritenuto che non potessero sussistere le condizioni per disporre l’esercizio provvisorio di Hoila!.

I debiti accumulati e la sentenza di messa in liquidazione di Hoila!

In base ai dati acquisiti, in questo caso secondo il Tribunale la società Hoila! è in stato di insolvenza, come emerge dal patrimonio netto negativo per quasi 700000 euro risultante dal bilancio al 31 Dicembre 2020, con costanti perdite di esercizio di più di 400000 euro nell’esercizio 2019 e di oltre 200000 euro nell’esercizio 2020, risultato che il legale rappresentante (Markus Giersch) ha dichiarato essere rimasto sostanzialmente invariato anche nei successivi esercizi, nonostante il mancato deposito dei bilanci, oltreché dal sostanziale blocco dell’attività recentemente avvenuto.

Giersch ha inoltre dato atto che Hoila! presenta debiti per circa 400000 euro, oltre a circa 1,2 milioni di euro di debiti verso banche per finanziamenti. Dall’istruttoria risulta inoltre il debito di 60000 euro circa complessivi nei confronti delle ex lavoratrici dipendenti che hanno presentato istanza, e di circa 26000 euro nei confronti dell’Erario.

Il Tribunale di Bolzano, considerando che sussistono i presupposti per la pronuncia, ha quindi dichiarato l’apertura della liquidazione giudiziale nei confronti di Hoila! s.r.l., nominando il Giudice delegato e il Curatore della procedura.

Inoltre, ha ordinato all’azienda di depositare entro tre giorni i bilanci e le scritture contabili e fiscali obbligatorie, i libri sociali, le dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA dei tre esercizi precedenti, nonché l’elenco dei creditori

L’udienza per l’esame dello stato passivo di Hoila! è stata fissata il 18 Maggio 2023, dando il termine di 30 giorni prima di questa data ai creditori per presentare le proprie istanze.

Si ringrazia Benjamin per la segnalazione.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.