FastwebIntervisteReti 5G

Fastweb, l’AD Calcagno: “politica multi fornitore con TIM e WINDTRE per la rete mobile”

Arriva anche la risposta sul problema tecnico della mancata abilitazione del 5G

Fastweb Mobile continuerà ad utilizzare sia TIM che WINDTRE come fornitori delle reti di appoggio delle sue SIM di rete mobile, perseguendo una politica multi fornitore. Lo ha affermato l’Amministratore Delegato dell’operatore Alberto Calcagno.

Come già raccontato da MondoMobileWeb, nella giornata di oggi, 10 Gennaio 2022, si è tenuta una conferenza stampa di Fastweb, con cui l’operatore ha presentato la sua nuova strategia aziendale, utilizzando il nuovo claim “Tu sei futuro e fissando dei rinnovati obiettivi sociali con la trasformazione in Società Benefit.

A margine della conferenza l’AD Alberto Calcagno, che ha condotto la presentazione delle nuove strategie aziendali, ha poi risposto alle domande della stampa collegata a distanza.

Anche MondoMobileWeb ha avuto modo di porre alcune domande all’Amministratore Delegato di Fastweb, in particolare per un chiarimento sull’attuale situazione delle reti di appoggio delle SIM di rete mobile.

La strategia di Fastweb sulle reti di appoggio delle sue SIM 

È stato infatti chiesto se è prevista una scadenza per l’utilizzo della rete mobile TIM in affiancamento a quella WINDTRE.

Si ricorda a questo proposito che attualmente, secondo tante segnalazioni, le nuove SIM Fastweb si attivano su rete TIM 4G (con velocità di navigazione fino a 150 Mbps in download e fino a 50 Mbps in upload), salvo cambiamenti, mentre per l’utilizzo della rete 5G è necessario ottenere il passaggio alla rete WINDTRE.

La rete 5G di Fastweb è infatti frutto dell’accordo strategico siglato a suo tempo con WINDTRE, in cui rientrava anche la realizzazione della nuova rete 5G condivisa.

Secondo quanto comunicato lo scorso anno da Fastweb direttamente a MondoMobileWeb“in attesa del suo completamento su tutto il territorio nazionale, Fastweb sta utilizzando la rete WINDTRE e la rete 4G di TIM per garantire ai clienti la migliore esperienza di navigazione mobile”.

Fino ad ora non era comunque chiaro se, in seguito all’accordo con WINDTRE, l’affiancamento della rete mobile TIM (il precedente unico fornitore) sarebbe rimasto temporaneamente o meno.

A questo proposito Alberto Calcagno ha risposto che non c’è una scadenza di contratto, in quanto Fastweb sta perseguendo una politica multi fornitore, quindi anche in futuro l’operatore continuerà ad utilizzare sia TIM che WINDTRE come reti di appoggio per le proprie SIM.

In ogni caso, come sottolineato da Calcagno, parallelamente all’appoggio a TIM e WINDTRE, Fastweb sta costruendo la sua rete 5G, la cui realizzazione rimane l’obiettivo principale dell’operatore.

In questo modo, TIM e WINDTRE saranno utilizzate per integrare la rete 5G di Fastweb (in quanto come specifica l’AD Calcagno “sarà impossibile coprire col 5G il 100% della popolazione”) per le altre tecnologie di rete che mancano alla rete mobile di Fastweb.

Fastweb attualmente prevede il raggiungimento del 90% della copertura nazionale in 5G entro il 2025, per cui secondo quanto affermato dall’Amministratore Delegato “la parte di WINDTRE e di TIM sarà sempre più residuale” per quanto riguarda le altre tecnologie di rete mobile.

Per conoscere le anteprime, le notizie, le novità e gli approfondimenti sul mondo della telefonia, è possibile seguire MondoMobileWeb su Google News, cliccando sulla stellina o su “Segui”.

Fastweb 5G Mobile TIM WINDTRE

Fastweb avrebbe risolto il problema tecnico della mancata abilitazione del 5G

MondoMobileWeb ha anche domandato se l’operatore fosse a conoscenza delle tante segnalazioni dei clienti Fastweb che non riescono ad ottenere l’abilitazione alla rete 5G anche dopo 20 giorni l’utilizzo di uno smartphone compatibile.

Si ricorda infatti che a partire dal 17 Maggio 2021, soltanto se si utilizza la SIM in uno degli smartphone compatibili, tra quelli certificati dall’operatore, Fastweb prevede che la navigazione sulla rete di quinta generazione venga attivata in automatico entro 20 giorni.

Tuttavia, come già raccontato nel dettaglio da MondoMobileWeb, secondo molte segnalazioni di clienti Fastweb l’attivazione del 5G non avviene entro i 20 giorni previsti, nonostante la copertura 5G e l’utilizzo di uno smartphone compatibile.

Dunque, riguardo al suddetto problema sulla rete 5G, questa è stata la risposta ufficiale fornita da Fastweb:

Si, si è trattato di un problema tecnico, nel frattempo già risolto, che ha creato nelle scorse settimane un rallentamento nel passaggio dei clienti alla rete 5G. Vi confermiamo che per questi clienti il passaggio alla rete 5G avverrà nei prossimi giorni.

L’operatore afferma quindi che il problema tecnico sarebbe stato già risolto e i clienti Fastweb in attesa di poter sfruttare la rete 5G dovrebbe ottenere l’abilitazione nei prossimi giorni.

Altre risposte dell’AD Alberto Calcagno

A proposito di 5G, si segnala che, rispondendo ad una domanda sulla compatibilità degli smartphone Apple iPhone con la rete 5G di Fastweb (per cui sul sito dell’operatore era presente l’indicazione che sarebbero stati resi compatibili entro il 2021), Alberto Calcagno ha confermato che la compatibilità arriverà nel 2022 annunciando che è già stato firmato il contratto con Apple, per cui entro quest’anno gli iPhone si potranno usare con il 5G dell’operatore.

Parlando invece di rete unica, secondo Calcagno uno dei motivi per cui il progetto si è arenato è perché “se ne parla ogni giorno da due anni”, invitando a lasciar lavorare le società e gli azionisti coinvolti per vedere se ci saranno le condizioni.

In ogni caso, a prescindere dalla rete unica, Calcagno afferma che la strategia di Fastweb non cambierà.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button