Reti e FrequenzeLexFoniaWindTreFastweb

Accordo 5G tra WindTre e Fastweb: fissati i nuovi obblighi di copertura

Si è concluso il procedimento dell’AGCOM sull’aggiornamento degli obblighi di copertura in seguito all’accordo strategico tra Wind Tre e Fastweb per la realizzazione di una rete 5G condivisa.

Il procedimento era stato aperto a inizio anno e mirava a identificare obblighi di copertura integrativi o sostitutivi in capo a Wind Tre, titolare delle frequenze 5G acquisite nel corso dell’Asta 5G del Ministero dello Sviluppo Economico.

Infatti, essendosi Wind Tre aggiudicata un lotto da 20 MHz nella banda 3600-3800 MHz, l’azienda era tenuta, ai sensi dell’articolo 13, comma 13, della Delibera 231/18/CONS a rispettare la copertura di almeno il 5% della popolazione per ciascuna regione italiana entro 48 mesi dal rilascio dei diritti.

Il comma successivo stabilisce invece che l’AGCOM può definire un piano di obblighi integrativi o sostitutivi rispetto ai precedenti in caso di eventuali consolidamenti o accordi sulle frequenze, come nel caso in questione.

Per la sua delibera pubblicata oggi, 16 Settembre 2020, l’Autorità ha considerato che WindTre potrà disporre delle risorse spettrali proprie e di Fastweb nella banda complessiva 3.4-3.8 GHz e che tali risorse non sono al momento né contigue in frequenza né uniformemente distribuite sul territorio nazionale.

Per questa ragione, è apparsa ragionevole la fissazione di un incremento degli obblighi di copertura del 5% per ciascuna regione italiana, anche alla luce delle modalità d’utilizzo condiviso dello spettro. Parallelamente, si è anche deciso di estendere le scadenze stabilite per l’adempimento degli obblighi di copertura integrativa.

Quindi, l’AGCOM ha deliberato l’obbligo di copertura di almeno il 10% della popolazione per ciascuna regione italiana, entro 66 mesi dal rilascio dei diritti d’uso delle frequenze in banda 3,6-3,8 GHz.

Inoltre, è stato evidenziato che l’obbligo integrativo sopra riportato è valido per il periodo di efficacia dell’accordo autorizzato il 25 Ottobre 2019 e che la cessazione dello stesso andrà notificata al Ministero dello Sviluppo Economico e all’Autorità da WindTre.

Per conoscere tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Si ricorda che la partnership tra i due operatori è stata presentata come una strategia congiunta in grado di accelerare la realizzazione di un’infrastruttura 5G condivisa. Le due aziende rimarranno comunque completamente indipendenti sia dal punto di vista commerciale che operativo, mentre Wind Tre gestirà la rete 5G.

Gli accordi prevedono anche che i clienti Fastweb vadano in roaming nazionale su rete WindTre, abbandonando dunque la precedente rete d’appoggio di TIM, mentre WindTre potrà affidarsi ai servizi FTTC e FTTH di Fastweb.

A tal proposito, si evidenzia che, come anticipato, le SIM Fastweb acquistate dal 7 Settembre 2020 si agganciano direttamente alla rete WindTre, mentre i già clienti stanno già da diversi mesi migrando progressivamente alla rete di WindTre.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button