FastwebTelecomunicazioniTrasformazione Digitale

Fastweb Tu Sei Futuro: nuovo claim e nuovi obiettivi con trasformazione in Società Benefit

Fastweb ha presentato il suo nuovo purpose con il nuovo claim “Tu sei futuro”, la nuova strategia aziendale con cui sono stati fissati degli obiettivi di responsabilità sociale e ambientale, oltre che di copertura di rete, anche grazie alla trasformazione in Società Benefit.

L’operatore ha quindi tenuto nella giornata di oggi, Lunedì 10 Gennaio 2022, alle ore 11:00, una conferenza stampa con l’intervento di Alberto Calcagno, Amministratore Delegato di Fastweb.

Già questa mattina il sito ufficiale di Fastweb si è aggiornato con il riferimento al nuovo claim “tu sei futuro”, che viene descritto così:

Il futuro non è qualcosa che viene costruito da altri. È un seme, racchiuso in ognuno di noi. E sai cosa? Oggi è il giorno perfetto per cominciare a lavorarci su. Tu hai qualcosa: un’idea, una capacità, una passione, qualcosa che davvero vale il tuo tempo. Non aspettare che qualcuno ti dica cosa fare. Coltiva il tuo potenziale, portalo a un altro livello. Fai crescere quello che ti rende speciale. E non accettare limiti. Tu sei futuro.

Queste parole sono pronunciate anche all’interno del video di presentazione della nuova iniziativa Fastweb, in cui compaiono diverse persone fra cui anche i testimonial Jannik Sinner e Filippo Tortu.

Nella pagina dedicata sono presenti anche i video con i primi 3 episodi delle “storie di futuro” con Filippo Tortu (campione olimpico e già testimonial di Fastweb), Giorgia Greco (ginnasta) e Francesco Rizzo (agricoltore), dei racconti che secondo Fastweb possono essere di ispirazione per gli altri.

Fastweb dà anche la possibilità di raccontare la propria storia tramite un form dedicato, in modo da dare un contributo che secondo l’operatore può essere d’ispirazione per “altre persone in cerca del proprio futuro”.

In occasione del lancio del nuovo purpose e il claim “tu sei futuro” viene pubblicizzata la Fastweb Digital Academy, la scuola per le professioni digitali dell’operatore (creata con Fondazione Cariplo all’interno di Cariplo Factory) che consente di acquisire le competenze digitali maggiormente richieste dal mercato del lavoro.

A questo proposito, sul sito dell’operatore da oggi, 10 Gennaio 2022, in tutte le attuali offerte Fastweb sia di rete fissa che di rete mobile viene specificato che i corsi della Fastweb Digital Academy sono inclusi, con i clienti dell’operatore che hanno la possibilità di seguire i corsi on demand e in live streaming con alcuni vantaggi: una corsia preferenziale per l’iscrizione ai corsi (fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti) e la possibilità di seguire i corsi on demand in anteprima esclusiva.

Fastweb ha inoltre rinnovato il suo sito aziendale, con l’inserimento anche in questo caso del nuovo claim “tu sei futuro”. Sempre con il tema del “futuro” viene ricordato l’impegno di Fastweb per la sostenibilità ambientale e per i valori di inclusion & diversity.

Fra i punti principali che l’operatore usa per presentarsi sul sito aziendale ci sono “futuro più connesso”, “futuro più inclusivo” e “futuro più ecosostenibile”.

Per conoscere le anteprime, le notizie, le novità e gli approfondimenti sul mondo della telefonia, è possibile seguire MondoMobileWeb su Google News, cliccando sulla stellina o su “Segui”.

Alberto Calcagno Fastweb
Alberto Calcagno, Amministratore Delegato di Fastweb

Secondo Calcagno da oggi c’è l’alba della terza fase di vita di Fastweb

La conferenza di presentazione di Fastweb, svoltasi online con collegamento a distanza, si è aperta con una “favola del futuro”, con un dialogo fra una bambina e una nonna, in cui parlano della relazione con il futuro, che secondo Calcagno prevede un “senso di responsabilità, la voglia di esserci e la necessità di rispondere a delle domande”.

L’AD di Fastweb Calcagno apre quindi la sua presentazione specificando che per l’azienda è il tempo dell’alba, in quanto sta iniziando quella che viene definita la “terza fase della vita di Fastweb“.

Calcagno ricorda che la prima fase è coincisa con i primi 10 anni di vita dell’azienda, cioè la “fase della startup, dell’aver portato l’innovazione nel Paese, l’aver aumentato e accelerato la competizione con servizi sempre più vicini alle esigenze dei clienti”, mentre la seconda fase è quella “dell’adolescenza”, cioè i secondi dieci anni di vita di Fastweb, dove l’operatore ha messo a punto la propria “visione e strategia di diventare un Over The Top infrastrutturato e abbracciare la trasformazione digitale”.

L’AD annuncia invece che da oggi si apre la terza fase di Fastweb, cioè quella della “maturità”, in quanto secondo Calcagno l’operatore adesso “ha un carattere e una personalità” per cui adesso si punta ad avere un orizzonte più ampio. L’operatore può adesso infatti permettersi di concentrarsi su un audience più ampia, cioè quella della comunità e della società, oltre che i clienti.

L’operatore afferma quindi di avviarsi verso un percorso di trasformazione dell’identità dell’azienda proiettato verso un futuro che Fastweb si impegna a rendere “sempre più connesso, inclusivo ed ecosostenibile, supportando la disponibilità e l’utilizzo di reti ultra-performanti, incoraggiando la diffusione sempre più ampia di competenze digitali, coltivando la crescita dei talenti e sostenendo la lotta ai cambiamenti climatici”.

Il riepilogo del piano Fastweb NeXXt Generation 2025 e cosa è stato fatto in 12 mesi

Calcagno ricorda poi l’ultima occasione in cui Fastweb aveva presentato la propria strategia, ossia poco più di 1 anno fa quando nel Dicembre 2020 aveva lanciato il nuovo programma NeXXt Generation 2025, con delle mete da raggiungere entro il 2025.

In particolare, il programma si basava su 5 pilastri fondamentali: il rollout della rete FWA 5G, il rollout della rete 5G mobile, il raddoppio fino a 2,5 Gbps della velocità della rete in Fibra FTTH, la Fastweb Digital Academy e gli aiuti da 1 milione di euro per i piccoli imprenditori in difficoltà.

L’AD Alberto Calcagno ha quindi presentato ciò che è stato fatto negli ultimi 12 mesi per ognuno dei 5 pilastri della strategia NeXXt Generation di Fastweb.

Per quanto riguarda la rete fissa, Calcagno ricorda, citando i dati dell’Osservatorio AGCOM, che ad oggi Fastweb è il leader del mondo dell’ultra broadband, specificando in particolare che l’80% dei clienti è attivo con una connessione da almeno 100 Mbps e fino a 1 Gbps.

Per quanto riguarda le connessioni in Fibra FTTH a 2,5 Gbps lanciate nel 2021, i cui dati dell’operatore contano 300000 clienti, Alberto Calcagno afferma che l’operatore è stato efficace nel “migrare verso le performance a 2,5 Gbps in maniera trasparente e senza aggiunta di costi” dichiarando che questo sarà un obiettivo che verrà perseguito anche nei prossimi anni.

Passando alla rete Fixed Wireless Access (FWA) in 5G, denominata commercialmente da Fastweb Ultra FWA, la copertura è in linea con le aspettative, e a fine 2021 sono state raggiunte circa 400 città (nella lista del sito ufficiale sono attualmente presenti 365 località, ndr si ringrazia Gabriele per la segnalazione), principalmente comuni medio piccoli, situate nelle aree grigie del Paese.

L’obiettivo di Fastweb è quello di raggiungere entro il 2025 i 2000 comuni coperti dalla nuova tecnologia, per una copertura complessiva di 12 milioni di case.

Calcagno ha sottolineato la qualità delle performance della rete FWA 5G di Fastweb, ritenute “migliori di quelle degli altri competitor”, affermando che i clienti dell’operatore raggiungono delle velocità medie di 650 Mbps in download e 180 Mbps in upload, grazie alla combinazione delle frequenze 5G da 3,4 GHz e quelle millimetriche.

Inoltre, viene ricordata la rapidità del processo di attivazione, in questo caso interamente digitale, avendo fatto segnare un tempo medio di attivazione di 4 giorni per le linee FWA 5G.

Passando poi alla rete mobile 5G, anche in questo caso Fastweb è in linea con i suoi piani e ricordato il traguardo delle oltre 1000 città coperte in tutta Italia, che rappresenta circa il 45% della popolazione nazionale, con l’obiettivo di arrivare al 90% della popolazione entro il 2025.

Calcagno ha inoltre ricordato che da Settembre 2021 è stato lanciato il servizio 5G mobile dedicato al mondo B2B, cioè per le grandi aziende.

C’è poi la Fastweb Digital Academy, che ha erogato oltre 10000 ore di formazione su più di 90 corsi a catalogo, con cui sono stati rilasciati oltre 16000 certificati. Tutto ciò, nel 30% dei casi, ha permesso di trovare un lavoro o migliorare le proprie competenze.

Infine, ci sono state le iniziative mirate per i piccoli imprenditori, mettendo a disposizione di 180 aziende dei ristori a fondo perduto da 5000 euro per rimanere in vita, con iniziative segnalate direttamente dai dipendenti Fastweb.

Alberto Calcagno afferma quindi che, a un anno di distanza dal lancio del programma NeXXt Generation 2025 di Fastweb sono stati raggiunti i target prefissati, e in alcuni casi anche “molto meglio delle previsioni”.

Tu sei futuro

Il nuovo purpose di Fastweb e il claim “Tu sei futuro”

Nella fase successiva della presentazione, riguardante il futuro di Fastweb, l’AD Calcagno si è concentrato sul rispendere alle domande, in particolare al “perché? perché ogni giorno ci alziamo e andiamo a lavorare?”.

Parlando dell’attuale momento sociale, riferendosi alla pandemia e di come in questi 2 anni siano stati difficili e sia “entrati in una guerra senza saperlo”, secondo Calcagno molta gente “ha perso il proprio diritto di avere un futuro, siamo tutti concentrati sul presente”.

Fastweb annuncia quindi il suo nuovo purpose, con cui l’operatore vuole riportare il futuro al centro dei cittadini, partendo dai clienti Fastweb e allargando poi questo concetto alla comunità e alla società.

Se fino ad ora e per molti anni il claim di Fastweb era stato “un passo avanti”, da oggi il nuovo messaggio distintivo dell’operatore sarà proprio “Tu sei futuro”, dove il soggetto protagonista non è più l’azienda ma anche tutte le persone.

I 3 punti principali della nuova strategia

La nuova missione di Fastweb con la nuova visione strategica “Tu sei futuro” è quindi quella di “aiutare tutti a costruire il proprio futuro, con fiducia”. Ciò si basa sul perseguimento dei “più alti standard di responsabilità sociale e sostenibilità ambientale”, oltre che sul rinnovato impegno per lo sviluppo infrastrutturale del Paese.

Calcagno ha quindi presentato i tre punti principali della strategia di Fastweb, denominati “futuro più connesso”, “futuro più inclusivo” e “futuro più ecosostenibile”.

Fastweb società benefit

Futuro più connesso

Il “futuro più connesso” riguarda la copertura della rete fissa e mobile, per cui è già previsto un investimento da più di 3 miliardi di euro fino al 2025 per estenderla sempre di più.

In particolare per il 2025 si prevede di portare la rete FWA 5G a 12 milioni di famiglie e imprese, la rete in Fibra FTTH si prevede che possa raggiungere, focalizzandosi sulle aree nere oltre ad investire in aree bianche e grigie, a 14,5 milioni di famiglie e imprese, mentre con le rete mobile 5G si prevede di arrivare al 90% di copertura della popolazione.

Calcagno afferma quindi che una volta completato il piano di Fastweb sarà “risolto il problema dell’Italia a due velocità, una cosa sul quale noi stiamo investendo e puntando ogni giorno”.

Oltre alla copertura geografica, la strategia di Fastweb sulla rete prevede anche questa sia anche “intelligente e sicura”, puntando cioè sul Cloud e sulla Cyber Security.

In ambito Cloud, la società si pone l’obiettivo di potenziare in maniera più capillare la propria rete di data center, che già vede due infrastrutture a Milano e a Roma, attraverso la realizzazione entro il 2025 di 40 Nodi Edge: server computazionali localizzati e distribuiti in modo capillare sul territorio nazionale per portare la potenza di calcolo sempre più vicina al cliente e abilitare applicazioni che richiedono bassissimi tempi di latenza.

Sul fronte della Cybersecurity, Fastweb inaugura un nuovo Security Operation Center (SOC) a Bari. Si tratta di un secondo polo, operativo 24 ore su 24, gestito da un team di specialisti che si affianca al Security Operation Center di Milano, in modo da confermare il focus dell’operatore sulla sicurezza.

Futuro più inclusivo

Passando poi al secondo punto, “futuro più inclusivo”, Calcagno ha sottolineato che da tempo Fastweb è attenta alla parte sociale e di responsabilità verso la comunità, affermando che per l’operatore è importante come la parte di business.

A questo proposito, secondo i dati presentati da Fastweb, il 60% di italiani non ha le competenze digitali di base, mentre l’80% non ha competenze digitali avanzate, per cui per l’azienda è importante concentrarsi sull’alfabetizzazione digitale.

Per Fastweb è quindi necessario preparare le persone per sfruttare le nuove opportunità lavorative, concentrandosi quindi sulle competenze, al servizio di una trasformazione digitale inclusiva.

Dunque, al fine di colmare il ritardo nell’utilizzo delle nuove tecnologie dell’Italia rispetto al resto dei paesi UE, l’azienda rafforza il ruolo della Fastweb Digital Academy, trasformandola in un hub di formazione digitale integrato nella propria offerta.

Oltre ai tradizionali corsi in aule fisiche e virtuali dedicati alle professioni digitali, da oggi la Digital Academy renderà progressivamente disponibili un numero sempre più ampio (con più di 100 corsi gratuiti) di contenuti su competenze digitali di base e avanzate erogati in modalità “on demand”: corsi più brevi e fruibili in autonomia su piattaforme digitali, che aiuteranno a comprendere le nuove tecnologie come il 5G, il Cloud, l’Intelligenza Artificiale, ad utilizzare Linkedin e Instagram per il proprio personal branding o ad ottimizzare una presentazione PowerPoint.

Come già anticipato, da oggi 10 Gennaio 2022 i corsi della Fastweb Digital Academy diventano una parte integrante dell’offerta di connettività di Fastweb: i corsi saranno sempre aperti a tutti, ma i clienti avranno una corsia preferenziale per accedere ai corsi in aula e fruiranno in anteprima di tutti i contenuti digitali.

Entro il 2025 Fastweb punta ad accrescere le competenze digitali di 500.000 persone con il rilascio di altrettanti certificati (10 volte l’obiettivo prefissato un anno fa): sia attraverso la formazione erogata dall’Academy attraverso i corsi nelle aule fisiche e virtuali che attraverso i contenuti “on-demand” messi a disposizione sulla piattaforma digitale dell’Academy.

Futuro più ecosostenibile

Infine, il terzo punto, “futuro più ecosostenibile”, riguarda l’attenzione sempre crescente alla sostenibilità ambientale.

A questo proposito, l’AD Alberto Calcagno ha ricordato gli obiettivi raggiunti da Fastweb in termini di sostenibilità da alcuni anni: dal 2015 l’energia di Fastweb viene da fonti rinnovabili; dal 2019 l’azienda è plastic free e paperless; dal 2020 l’operatore compensa le emissioni dirette; l’ente certificatore Standard Ethics ha assegnato il livello “EE” (Strong); Fastweb è al secondo posto in Europa nella classifica dei climate leader per aver ridotto le emissioni.

Oggi Fastweb annuncia la sua nuova sfida per la sostenibilità, ovvero diventare Carbon Neutral entro il 2025, azzerando tutte le emissioni nette e compensando integralmente quelle non eliminabili, con 25 anni di anticipo rispetto agli obiettivi dell’Unione Europea.

Un impegno che Fastweb definisce “ambizioso”, basato sulla radicale trasformazione dei processi e sul progressivo coinvolgimento delle aziende partner della filiera, per ridurre al minimo indispensabile l’impatto sul pianeta. Fastweb afferma che sarà tra le prime aziende in Italia e in Europa a conseguire questo obiettivo.

tu sei futuro Fastweb

La “settimana del futuro” con l’impegno dei dipendenti Fastweb

Fra le novità lanciate da Fastweb e annunciate nella conferenza di Alberto Calcagno c’è anche la cosiddetta “settimana del futuro”, a sostegno del purpose partendo dai dipendenti, ma aperta a tutti.

In particolare tutti i dipendenti Fastweb dedicheranno 5 giorni all’anno al raggiungimento degli obiettivi di responsabilità sociale e di sostenibilità ambientale, diventando formatori della Fastweb Digital Academy o divulgatori delle competenze digitali presso scuole, biblioteche, centri per anziani, partecipando attivamente ad interventi di riforestazione delle periferie (come fatto ultimamente dall’operatore a Roma, Milano e Bari, con previsione di piantare 10000 alberi fra queste città) o prendendo parte a progetti di economia circolare, diventando protagonisti delle iniziative che l’azienda metterà in campo a favore della comunità.

Fastweb annuncia la trasformazione in Società Benefit

Infine, l’AD Alberto Calcagno ha annunciato che Fastweb diventa una Benefit Company, definita come “un’evoluzione naturale” e la “chiusura di un cerchio” per l’azienda, con cui ai target di business saranno affiancati obiettivi che abbracciano la comunità e la società, come ad esempio azzerare il Digital Divide anche tramite le competenze.

L’obiettivo di Fastweb è quindi quello di “rafforzare l’impegno e la trasparenza del proprio operato nonché orientare tutte le scelte operative e strategiche dell’azienda alla creazione di valore positivo per la comunità”, anche attraverso l’assunzione di precisi obblighi formali e di un nuovo modello di gestione, che servirà per garantire il bilanciamento degli obiettivi di core business e di quelli di bene comune.

In chiusura, Calcagno ha quindi ribadito che d’ora in poi “Tu sei futuro” sarà il nuovo claim di Fastweb che sostituirà “un passo avanti”, diventando la firma di Fastweb e il progetto su cui si focalizzerà l’operatore.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button