Vodafone FissoEconomia e Finanzaho.Vodafone

Vodafone Italia: ricavi in crescita nel fisso, ho. Mobile raggiunge 2,5 milioni di clienti

Nel fisso 3 milioni di clienti in banda larga e footprint esteso

Vodafone ha presentato oggi 18 Maggio 2021 i risultati finanziari del 2021, alla conclusione dell’anno fiscale britannico che volge al termine con un’accelerazione delle performances nella seconda metà, anche in Italia. L’operatore ho. Mobile ha raggiunto 2,5 milioni di clienti.

I dati sui clienti di Vodafone Italia e ho. Mobile

Concentrando l’analisi esclusivamente sul mercato italiano, Vodafone Italia presenta nell’ultimo aggiornamento 18,318 milioni di clienti nel segmento mobile, in calo rispetto ai 18,527 milioni di clienti del trimestre precedente, l’ultimo del 2020.

I clienti di rete fissa broadband hanno però subito un sensibile aumento passando a quasi 3 milioni di unità, precisamente 2,994 milioni di clienti rispetto ai 2,969 milioni del trimestre precedente. In totale, considerando anche l’apporto di Open Fiber, Vodafone Italia raggiunge già 25 milioni di abitazioni e uffici con le sue offerte di rete fissa. Il footprint si è dunque sensibilmente esteso rispetto agli scorsi trimestri.

Il secondo brand di Vodafone Italia, ho. Mobile, ha raggiunto invece i 2,5 milioni di clienti, ancora in crescita.

I risultati finanziari e il commento di Nick Read

In generale, la seconda metà dell’anno fiscale ha visto un’accelerazione delle performances in linea con le attese, dopo un periodo di rallentamento legato al contesto di mercato e alla pandemia di Covid-19, che ha particolarmente impattato sui ricavi di roaming. Di seguito il commento di Nick Read, CEO di Vodafone Group:

“Sono felice che abbiamo raggiunto risultati di fine anno in linea con la nostra guidance e che abbiamo terminato l’anno con un’accelerazione della crescita dei ricavi da servizi nel business e una performance particolarmente positiva nel nostro mercato più ampio, quello tedesco.

Abbiamo portato a termine la prima fase della nostra strategia per trasformare Vodafone in un forte fornitore di connettività, tramite la semplificazione del Gruppo in Europa e Africa, l’IPO di Vantage Towers (per 13,2 miliardi di capitalizzazione i mercato) e il rapido roll-out delle reti mobile e fisse di nuova generazione, l’incremento di quote di mercato in termini di sottoscrizioni broadband e la continua riduzione del churn.

Le nostre iniziative di digital transformation hanno generato risparmi per 0,5 miliardi di euro nel corso dell’anno e l’integrazione degli assets acquisiti da Liberty Global è ben in linea con il piano. Il mondo è cambiato.

Questa pandemia ha mostrato come la connettività e i servizi digitali siano critici per le nostre società. Vodafone è già ben posizionato e tramite i suoi crescenti investimenti sta mettendo in campo tutte le azioni necessarie per assicurarsi un ruolo di leader e cogliere tutte le opportunità abilitate da questi cambiamenti.

La crescente domanda per i nostri servizi supporta la nostra ambizione di crescere sia nei ricavi che nel flusso di cassa nel medio termine. Rimaniamo concentrati nel fornire ritorni agli shareholders tramite riduzione del debito, miglioramento del ritorno sul capitale e un forte impegno sui dividendi.”

In termini di ricavi, in Italia si è visto un calo del -7,5%. Nello specifico, a fine anno fiscale i ricavi da servizi si sono attestati a quota 4,458 miliardi di euro, ancora influenzati dall’intensità competitiva sul mobile e dalla riduzione del traffico roaming, ma compensata dai ricavi da servizi di rete fissa, in crescita del +1,4% grazie anche all’incremento della base clienti.

Sul fronte dell’EBITDA, invece, l’Italia conta per l’11% del totale di Gruppo, ma mostra un calo del -12,7% a quota 1,597 miliardi di euro. L’impatto dei già citati mancati ricavi di roaming ha pesato su 4 punti percentuali per l’EBITDA italiano.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

Vodafone TV, tasso di abbandono e ARPU di Vodafone Italia

Altri dati emergono dal documento Excel rilasciato da Vodafone Group, che analizza le performances dei singoli mercati in cui l’operatore rosso è attivo. Innanzitutto, si evidenzia una sostanziale stabilità dei clienti Vodafone TV, ancora pari a 302.000 unità, mentre i clienti convergenti fisso-mobile in Italia sono 1,154 milioni, in rialzo rispetto al trimestre precedente che contava 1,121 milioni di unità.

Con stretto riferimento al mercato mobile, altri dati riguardano il mobile churn, il traffico dati e l’ARPU.

In termini di churn, vale a dire il tasso di abbandono, nel corso dell’ultimo trimestre dell’anno fiscale il valore si è contratto ulteriormente, al 23,7%, mentre in termini di traffico dati l’Italia presenta ancora il valore più elevato, in netta crescita a 663.010 Terabytes. Sia il churn ridotto che l’incremento del traffico dati possono essere in parte collegati al contesto pandemico in Italia.

Infine, l’ARPU italiano nel segmento mobile prepagato mostra ancora un calo passando da 13 a 12,6 euro. Con questo termine, si fa riferimento ai ricavi medi mensili per singolo utente, che si sono invece mantenuti più stabili nel segmento abbonamento, passando da 16,4 a 16,3 euro.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button