Vodafone FissoLexFonia

Vodafone: multa AGCOM per scarsa trasparenza nell’offerta Internet Unlimited Tutto Incluso

Nella giornata di oggi, 19 Gennaio 2021, oltre TIM, anche Vodafone è stata sanzionata dall’AGCOM per violazione dei principi di trasparenza e comparabilità delle offerte con la sua proposta per la rete fissa.

Il caso riguarda innanzitutto l’offerta Internet Unlimited di rete fissa, comprensiva del servizio internet e voce illimitati e del servizio Vodafone Ready (con modem e relativi servizi di assistenza, manutenzione e installazione) incluso nell’offerta a 6 euro al mese per 48 mesi, con possibilità di chiedere il pagamento del costo anche in un’unica soluzione a 288 euro o a rate di 6 euro al mese per 12 mesi o ancora per 24 mesi con un contributo iniziale in fattura.

Il servizio Vodafone TV Intrattenimento era invece presentato come incluso, ma era previsto un contributo di attivazione di 2 euro per 48 mesi, gratuito tramite attivazione online. In caso di recesso oltre i 90 giorni dall’attivazione, al cliente venivano addebitate le eventuali rate residue.

Secondo quanto riportato, Vodafone Internet Unlimited era stata pubblicizzata il 26 Febbraio 2020 al costo di 26,90 euro al mese invece di 38,90 euro, comprensiva di Vodafone Ready e Vodafone TV, e l’11 Marzo 2020 a 24,90 euro al mese invece di 38,90 euro, comprensiva solo di Vodafone Ready.

L’offerta Internet Unlimited senza Vodafone Ready era commercializzata invece a 1 euro in meno rispetto al prezzo di volta in volta praticato.

L’Autorità, dopo le sue verifiche, ha accertato che sebbene il prezzo mensile delle offerte Internet Unlimited sul web venga proposto come “tutto incluso”, da un lato il costo mensile comprende il servizio Vodafone Ready calcolato su 48 mesi invece dei 24 mesi di durata dell’offerta, e dall’altro in caso di recesso prima dei 24 mesi sono addebitate tutte le voci presentate come integralmente scontate, ovvero il contributo di attivazione, le rate residue del costo di attivazione di Vodafone TV e le rate residue di Vodafone Ready non ancora corrisposte.

Inoltre, nel caso dell’offerta proposta a prezzo scontato, non veniva indicato a quali voci facesse riferimento lo sconto.

Per queste ragioni, l’AGCOM ha ritenuto che le condizioni giuridiche ed economiche dell’offerta non fossero presentate in modo chiaro e completo e ha avviato il suo procedimento.

modem Vodafone Power Station

In primo luogo, infatti, i piani di rateizzazione a 48 rate mensili per Vodafone Ready e le eventuali altre rateizzazioni superiori ai 24 mesi si pongono in contrasto con il divieto dell’articolo 80 del Codice, che prevede il divieto di rateizzare i servizi compresi nell’offerta per periodi più lunghi di 24 mesi, anche laddove gli stessi siano in promozione.

Inoltre, in caso di recesso residuo l’addebito delle rate residue in un’unica soluzione di default risulta in contrasto con le linee guida. Sempre a tal proposito, è stato anche appurato che il costo di migrazione o cessazione della linea, pari a 28 euro, risulta superiore sia al costo mensile delle promozioni riservate online, sia al costo dell’offerta Internet Unlimited senza il servizio Vodafone Ready, eccedendo quindi il limite indicato dalle linee guida.

Riassumendo, secondo l’AGCOM Vodafone:

  • ha prospettato un prezzo mensile dell’offerta impiegando la formula tutto incluso, sebbene il costo mensile di Vodafone Ready sia conteggiato su un numero di rate superiore ai 24 mesi, omettendo di specificare il costo riferibile ai servizi principali e le condizioni di fornitura (vendita o noleggio) della Vodafone Station e della Vodafone TV;
  • ha previsto la possibilità di rateizzare in 48 rate il costo dei servizi offerti congiuntamente all’offerta Internet Unlimited anche quando il contratto principale comprenda offerte promozionali;
  • ha definito, per le spese di recesso, un costo di disattivazione superiore rispetto al prezzo implicito dell’offerta, con anche l’addebito delle rate residue dei servizi di attivazione (sia dell’offerta che di Vodafone TV) anche se scontati in fase di adesione e anche di Vodafone Ready abbinato alle offerte.

L’AGCOM ha quindi contestato la violazione di diversi articoli del Codice in materia di trasparenza e comparabilità delle offerte.

Per conoscere in tempo reale le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Vodafone ha difeso la sua posizioni, ma l’AGCOM ha ritenuto nella delibera odierna (ecco il documento completo) che le argomentazioni addotte non sono state idonee a superare le criticità esposte. In primo luogo, anche in questo caso, l’Autorità ha evidenziato che la condotta di Vodafone va esaminata alla luce degli obblighi previsti dal Codice in termini di trasparenza e facile comparabilità delle offerte.

In quest’ottica, la modalità di presentazione dell’offerta è stata ritenuta inidonea a illustrarne le effettive condizioni economiche, in violazione degli obblighi di trasparenza in fase precontrattuale e contrattuale.

Sebbene l’offerta sia “Tutto Incluso”, non deve venire meno, sostiene l’AGCOM, l’interesse dell’utente a una chiara conoscenza del costo di ciascuna delle singole componenti dell’offerta fin dal momento della presentazione della stessa. Vodafone non avrebbe invece indicato l’esatto importo di ciascuna voce, fornendo informazioni “difficilmente comprensibili e forvianti in ordine alle reali condizioni economiche” applicate al contributo di attivazione e al servizio Vodafone TV, dove presente.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha ritenuto la violazione di Vodafone di lunga durata, ma sotto il profilo della trasparenza è stato sottolineato che l’operatore ha adottato alcuni accorgimenti concreti e tali da attenuare le conseguenze della sua violazione, annunciando anche un cambio strutturale della propria offerta.

Per le violazioni contestate, l’AGCOM ha comunque ingiunto il pagamento di una sanzione di 773.000 euro.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button