Telefonia FissaLexFonia

Bonus 500 euro per connettività, respinta la sospensione cautelare: le risposte dei rivenditori

Il TAR del Lazio si è espresso sulla domanda di sospensione cautelare contenuta nel ricorso di AIRES e Ancra, associazioni dei retailers e commercianti di elettrodomestici, contro il Ministero dello Sviluppo Economico per il bonus 500 euro.

Il ricorso è stato proposto da Associazione Italiana Retailers Elettrodomestici Specializzati (AIRES), Associazione Nazionale Commercianti Radio Televisione Elettrodomestici e Affini (Ancra) e Mediamarket S.p.A. che avevano già informato di aver chiesto la sospensione cautelare al TAR del bonus 500 euro.

Il TAR del Lazio ha però valutato la questione, decidendo di respingere integralmente la domanda di sospensione cautelare contro il decreto ministeriale chiamato “Piano voucher sulle famiglie a basso reddito”.

Secondo il Tribunale Amministrativo, infatti, la finalità del contributo non è tanto quella di acquistare i dispositivi, quanto quella di “sostenere la domanda di connessione ad internet per le famiglie meno abbienti e nel momento di emergenza sanitaria per l’accesso ai servizi educativi e al lavoro”.

In questo contesto, la fornitura del solo terminale (che rappresenta chiaramente la criticità riscontrata dalle associazioni) non realizza l’interesse pubblico perseguito in quanto l’operatore dovrà erogare il contributo tramite la necessaria sottoscrizione di un contratto di connessione a internet con velocità pari ad almeno 30 Mbps in download.

Vista la natura emergenziale della misura, secondo il TAR il bonus 500 è finalizzato ad assicurare in modo celere e attraverso una procedura semplificata i diritti costituzionalmente garantiti allo studio e al lavoro, in questa fase emergenziale.

Inoltre, dal momento che non sono stati posti limiti ai dispositivi compatibili (al netto dei requisiti minimi fissati da Infratel e aggiornati recentemente) il TAR esclude che con il bonus 500 euro possa verificarsi il presupposto della limitazione della libertà del consumatore nella scelta del dispositivo per la fruizione del servizio di accesso, poiché i venditori possono sottoscrivere accordi commerciali con i numerosi operatori di rete per fornire i terminali abbinati al servizio di connettività.

Per queste ragioni, il TAR ha reputato più meritevole di tutela l’interesse pubblico alla rapida erogazione del contributo in favore delle fasce economicamente più deboli, rispetto al lamentato pregiudizio economico per le imprese fornitrici e venditrici di dispositivi.

Con la sentenza pubblicata ieri, 23 Novembre 2020, il TAR Lazio, sezione Terza Ter, ha quindi respinto la domanda di sospensione cautelare.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Dopo il rigetto della sospensiva con spese compensate, il TAR deciderà nel merito della questione, ma le due associazioni hanno già commentato la notizia definendo “inaccettabile” la situazione di incertezza, che dovrà durare fino alla sentenza del TAR sul fulcro della questione.

Di seguito il parere di Andrea Scozzoli, Presidente di AIRES:

“La motivazione del provvedimento sommario del TAR rafforza la nostra convinzione di essere nel giusto, e questo apparirà in maniera evidente nella sentenza sul merito. Quanto alla sospensiva che non è stata decisa dal TAR, giova ricordare che il nostro vero obiettivo non è certo quello di fermare un provvedimento giusto nelle sue finalità, e del quale il Paese ha bisogno, ma solo di ottenere che venga corretto nella sua attuazione”.

Dello stesso parere anche il Presidente dell’Ancra, Piergiovanni Schiavotto, che ha espresso l’esigenza di migliorare da subito il provvedimento sul bonus 500 euro, lavorando insieme per una soluzione condivisa.

In attesa della sentenza di merito da parte del TAR Lazio, le due associazioni hanno reso noto di voler presentare in settimana un esposto all’Antitrust dopo la decisione appena rilasciata in sede amministrativa.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button