Benedetto Levi di Iliad contro i costi di ricarica in ritardo: “grande fantasia degli operatori”


L’Amministratore Delegato di Iliad, Benedetto Levi, è tornato a farsi sentire con una nuova dichiarazione indirizzata agli altri operatori che applicano dei costi nascosti, nel caso specifico sul costo per morosità introdotto da Vodafone, TIM e Wind da qualche mese a questa parte.

Dunque, nella giornata di oggi, 6 Settembre 2019, Benedetto Levi ha deciso di rivolgere ancora una volta la sua attenzione ai costi nascosti dei principali operatori italiani, utilizzando il suo profilo Twitter.

iliad

Questo nuovo post arriva dopo che nel suo ultimo tweet del 3 Settembre 2019 l’Amministratore Delegato di Iliad celebrava il traguardo dei 4 milioni di clienti raggiunti dall’operatore in Italia (“Mentre continuano le rimodulazioni, noi onoriamo le promesse fatte dal primo giorno e superiamo i 4 milioni di utenti dopo soli 14 mesi. Grazie!”).

Dopo essersela presa con le rimodulazioni e prima ancora con la fatturazione a 28 giorni, in questo caso Levi si focalizza quindi sui costi applicati dagli “operatori storici” nel caso in cui si ricarichi in ritardo, dopo il rinnovo della propria offerta.

   

Ecco quanto postato da Benedetto Levi sul suo profilo Twitter a questo proposito:

Signori e Signore, una novità per il rientro dalle vacanze: il costo per morosità. Attenzione ai costi nascosti applicati dagli operatori storici, che sembrano sempre avere grande fantasia in merito.

Il CEO di Iliad ha allegato anche un articolo dei colleghi di Investireoggi.it, in cui vengono riepilogati proprio i costi da lui definiti “per morosità” applicati da Vodafone, TIM e Wind.

Sebbene Benedetto Levi la tratti come una “novità per il rientro dalle vacanze”, bisogna precisare che in realtà questo meccanismo applicato da alcuni operatori italiani è stato introdotto per la prima volta da Vodafone a partire dal 15 Aprile 2019, a cui poi è seguita TIM dal 28 Aprile 2019 e infine Wind dal 16 Giugno 2019.

Dunque non proprio una “sorpresa per i vacanzieri in via di rientro in questi giorni, ma una modalità già attiva nel mercato italiano da diversi mesi. Nello stesso tweet Levi riconosce comunque “grande fantasia”, in maniera sarcastica, agli operatori storici che hanno creato questi costi da lui definiti “nascosti”.

Questa del costo di ricarica in ritardo si può considerare di fatto una variazione contrattuale, poiché gli operatori in questione avevano avvisato i loro clienti della modifica unilaterale con un SMS.

Fatture

Così come già fatto nell’approfondimento dedicato di MondoMobileWeb del 13 Maggio 2019 (aggiornato il 27 Maggio 2019), di seguito un breve riepilogo dei costi applicati attualmente in caso di ricarica in ritardo da Vodafone, TIM e Wind.

Per maggiori dettagli su questi costi applicati da alcuni operatori è possibile consultare l’articolo dedicato.

In sintesi, Vodafone dal 27 Luglio 2019, in caso di credito negativo, per 24 ore consente al cliente di usufruire di chiamate e internet illimitati al costo di 0,99 euro, che diventano 1,98 euro se il credito continua ad essere insufficiente al rinnovo dell’offerta per altre 24 ore. Trascorse le 48 ore, nel caso in cui il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimane attiva in ricezione o per effettuare chiamate di emergenza.

TIM, a partire dal 28 Aprile 2019, in caso di esaurimento del credito residuo, permette di chiamare, mandare SMS e navigare senza limiti al costo di 0,90 euro al giorno, applicato soltanto in caso di effettivo utilizzo. Il servizio di TIM è valido fino ad un massimo di due giorni consecutivi per i quali è richiesto il pagamento totale di 1,80 euro.

Wind, dal 1° rinnovo successivo al 16 Giugno 2019, in caso di credito insufficiente permette ai suoi clienti di utilizzare in anticipo per 2 giorni (sino alle 23:59 del giorno successivo) il traffico incluso nella propria offerta, al costo di 0,99 euro. Si tratta di un servizio disponibile soltanto una volta al mese ed esclusivamente se il cliente ha interamente corrisposto l’ammontare dovuto per addebiti precedenti.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.