Vodafone: da oggi aumenta il “costo di morosità” per chi ricarica in ritardo dopo 48 ore


Da oggi, 27 Luglio 2019, scatta la modifica contrattuale relativa al costo di morosità prevista per i clienti Vodafone, con addebito su credito residuo, che ricaricano in ritardo. Il suddetto costo è stato già introdotto nel mese di Aprile 2019, ma da oggi cambia il meccanismo.

Infatti, a partire dal primo rinnovo successivo al 15 Aprile 2019in caso di esaurimento del credito residuo, il servizio non è stato più bloccato, ma ne è stata assicurata la continuità con la possibilità di effettuare chiamate e traffico dati senza limiti per 48 ore (nel rispetto delle condizioni di uso lecito e corretto) al costo di 0,99 euro, addebitati su credito residuo al momento della prima ricarica utile.

A partire da oggi, 27 Luglio 2019 (inizialmente previsto per il 15 Luglio 2019) il costo di morosità di Vodafone ha un prezzo ed un meccanismo diverso: in caso di credito negativo, il cliente potrà parlare e navigare senza limiti al costo di 0,99 euro per 24 ore, per un massimo di 48 ore consecutive.

Vodafone ha informato i clienti impattati tramite comunicazione con SMS informativo o sul sito ufficiale dell’operatore, dichiarando quanto segue:

   

Per continuare a investire sulla rete e per offrire sempre la massima qualità dei nostri servizi, a partire dal 27 luglio 2019, se il credito sulla tua SIM si esaurisce, potrai continuare a usare la tua SIM per chiamare i numeri fissi e mobili nazionali e navigare senza limiti in Italia e nei Paesi dell’Unione Europea nel rispetto delle condizioni di uso corretto e lecito al costo di 0,99 euro per 24 ore, per un massimo di 48 ore consecutive dall’esaurimento del tuo credito. Se hai un’offerta Junior, un’offerta agevolata, o se hai attivato l’addebito della tua offerta su carta di credito, conto corrente o direttamente nella fattura della tua rete fissa, non è previsto alcun costo. Se non dovessi ricaricare entro tale periodo, la SIM rimarrà attiva per la sola ricezione di chiamate o SMS. Per tornare ad utilizzare la tua offerta, dovrai ricaricare”.

Dunque, il costo da corrispondere è di 0,99 euro per 1 giorno di ritardo e, se il credito continua ad essere insufficiente per altre 24 ore, verranno addebitati altri 0,99 euro, per un totale di massimo 1,98 euro. 

Si tratta, quindi, di un raddoppio del costo a parità di servizio offerto dato che prima di oggi, 27 Luglio 2019, i clienti in ritardo con il pagamento potevano usufruire di navigazione e chiamate illimitate al costo di 0,99 euro per 48 ore.

Il traffico nei giorni di utilizzo sarà valido sia in Italia che nei Paesi dell’Unione Europea nel rispetto delle condizioni di uso corretto e lecito. Al termine delle 48 ore, nel caso in cui il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimarrà attiva per ricevere chiamate o SMS, ma anche per effettuare chiamate di emergenza.

Come detto precedentemente, durante il periodo delle 48 ore, i clienti Vodafone potranno usufruire di chiamate e traffico dati senza limiti, mentre gli SMS saranno bloccati fino a quando il credito non ritornerà nuovamente positivo.

Per evitare il costo di morosità, il cliente Vodafone dovrà necessariamente effettuare una ricarica prima del rinnovo o mantenere un minimo di credito nella SIM per pagare a consumo.

Discorso a parte, invece, per le offerte della gamma Junior, le offerte agevolate per i disabili e coloro che addebitano la propria offerta su carta di credito, conto corrente o direttamente in fattura di rete fissa, i quali non vedranno addebitarsi alcun costo aggiuntivo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.