Cellnex, l’accordo con Iliad e quell’ambizione di diventare capofila nel mercato italiano delle infrastrutture per le telecomunicazioni


Dietro il nome di Cellnex, probabilmente ignoto per molti fino alla notizia dell’accordo firmato con Iliad per una maggiore diffusione del segnale del futuro quarto operatore, si nasconde una storia e un progetto di lunga durata in Italia.

Lo stesso accordo con Iliad infatti è stato solo un’ ulteriore azione della società di infrastrutture nel mercato delle telecomunicazioni per cercare di accrescere la propria presenza.

Era infatti il 1° Aprile 2015 quando la Abertis Telecom, società di telecomunicazioni spagnola creata dal gruppo Abertis, presentava il suo nuovo nome “Cellnex Telecom” all’indomani della sua quotazione in borsa. In quel momento il nome di Cellnex circolava già in Italia, soprattutto per l’acquisto nel mese di marzo del 90% della società Galata (a scapito di Ei Tower di Mediaset), società creata da Wind per la gestione delle torri. La compravendita prevedeva lo scambio di 7.377 torri e siti di telecomunicazioni mobili per 693 milioni di euro. Questa operazione rendeva Cellnex Telecom il maggiore attore indipendente nel mercato delle infrastrutture per le telecomunicazioni in Europa.

In Italia il gruppo Abertis, terzo gestore delle reti di trasporto in Europa, aveva già tentato la fusione con Autostrade Spa nel 2006, ipotesi che si disintegrò per la contrarietà dell’allora ministro delle infrastrutture Antonio Di Pietro. Nel corso degli anni, poi, insieme all’azione nel mercato dei trasporti stradali, il gruppo decise di investire anche nelle telecomunicazioni, prima con l’acquisto di Tradia e Retevisión, e poi con l’aggiudicazione dell’appalto per la fornitura del segnale televisivo nel campo del digitale terrestre, innescando un processo di rapido sviluppo che porterà al 98% di copertura del digitale terrestre in Spagna nel 2010.

   

L’espansione nel settore delle telecomunicazioni mobili è stata accelerata dalle acquisizioni di alcune torri e alcuni siti dagli operatori telefonici spagnoli di Telefónica e Yoigo, ma è nel 2014 che il gruppo Abertis si affaccia all’Italia acquistando il 100% di TowerCo, operatore di telecomunicazioni titolare della gestione di torri di telefonia mobile poste lungo la rete autostradale italiana.

L’ingresso nel mercato italiano è stato il primo passo per l’allargamento nel continente in Olanda, Francia, Gran Bretagna e Svizzera. Ad oggi la società detiene oltre 24.000 torri per telecomunicazioni wireless e per la radiodiffusione e classifica le sue attività in tre aree: servizi d’infrastrutture per la telefonia mobile, reti di diffusione audiovisive, servizi di reti di sicurezza ed emergenza e soluzioni per la gestione intelligente di infrastrutture e servizi urbani (Smart cities e “Internet delle cose”, o IoT).

In Italia la società ha raggiunto 8.000 siti, gestiti attraverso le tre società Galata, TowerCo e CommsCon (operatore acquistato da Cellnex Italia nel 2016 importante per garantire la copertura della rete in spazi aperti e chiusi ad alta frequentazione come stadi, metropolitane, ospedali).

La vera offensiva si è poi manifestata nel 2015, quando Telecom Italia annunciava la disponibilità alla cessione delle sue quote in Inwit, la società delle torri controllata al 60% dalla telco. Se l’accordo con Cellnex Italia era ormai vicino e i tempi per le trattative si erano nel frattempo prolungati, la nuova dirigenza di Flavio Cattaneo ha annullato definitivamente la procedura nel 2016, in virtù della crescita del valore economico di Inwit, confermata ulteriormente dai dati trimestrali da Giugno a Settembre 2017. Secondo alcune voci, nel Novembre del 2017 Cellnex si sarebbe riproposta per rilevare parte delle quotazioni di Inwit, ma nulla sembra essere certo.

In vista del suo ingresso, sarebbe stato controproducente per Iliad pensare di ignorare la presenza di Cellnex in Italia, data la specializzazione che viene riconosciuta a quest’ultima nello sviluppo di reti di nuova generazione. Guardando al percorso storico e tecnologico di Cellnex, per Iliad, quello dei giorni scorsi è stato un utile quanto indispensabile accordo.






 

Se questo post di MondoMobileWeb ti è piaciuto, condividilo sui social network! Diventa Fan di MondoMobileWeb su Facebook, seguici su Twitter e iscriviti gratis nel nostro canale Telegram per ricevere tante informazioni e consigli utili in tempo reale. Aspettiamo sempre i vostri commenti condividendo le vostre esperienze.


 



Leggi il Regolamento prima di pubblicare un commento nella piattaforma Disqus