CellnexTLC nel Mondo

Cellnex, conclusa l’acquisizione delle torri di CK Hutchison anche nel Regno Unito

La tower company europea Cellnex Telecom ha completato l’acquisizione degli asset delle torri di telecomunicazioni di CK Hutchison nel Regno Unito, completando così l’ultima transazione rimasta dell’accordo con cui Cellnex ha acquistato le torri di CKH in vari mercati, fra cui anche l’Italia, dove l’operatore gestisce il marchio WINDTRE.

Lo ha annunciato ufficialmente Cellnex nella giornata di ieri, 11 Novembre 2022. L’acquisizione degli asset di CK Hutchison in UK include interessi o ricavi derivanti da un massimo di 6600 siti, una volta completati i programmi “Build To Suit” (BTS).

Il completamento dell’operazione è arrivato dopo che la Competition and Markets Authority (CMA) del Regno Unito ha accettato gli impegni finali proposti da Cellnex e CK Hutchison a Maggio 2022 (“Final Undertakings”) e in seguito all’accordo, annunciato lo scorso 24 Ottobre 2022, con cui Cellnex trasferirà circa 1100 suoi siti esistenti all’operatore di infrastrutture di telecomunicazioni del Regno Unito Wireless Infrastructure Group (WIG).

Come già accennato, con la conclusione della vendita in UK, in questo modo si è chiusa l’ultima transazione inclusa negli accordi stipulati tra Cellnex e CK Hutchison nel Novembre 2020 per l’acquisizione da parte di Cellnex dei siti di telecomunicazioni di CK Hutchison in sei paesi europei: Austria, Irlanda, Danimarca, Svezia, Italia e Regno Unito.

Queste sei operazioni ammontano a un investimento totale di 10 miliardi di euro e gli accordi prevedono anche il roll-out di nuovi siti entro il 2030, con un investimento aggiuntivo di 1,15 miliardi di euro.

Il perimetro combinato delle operazioni ammonterà quindi a circa 30000 siti entro il 2030, una volta completati i programmi BTS.

CK Hutchison Regno Unito UK Cellnex

Cellnex prevede che il perimetro combinato genererà un EBITDA rettificato annuo di circa 970 milioni di euro e un free cash flow ricorrente di circa 620 milioni di euro al completamento di tutti i programmi BTS, inclusi tenant di terze parti e potenziali efficienze.

Tobias Martínez, CEO di Cellnex, ha affermato:

Questa serie di accordi con CK Hutchison non solo rafforza la nostra posizione di operatore pan-Europeo leader, ma sostiene anche le nostre relazioni con i nostri clienti e ci apre a nuove opportunità e prospettive di collaborazione.

In sostanza, questa razionalizzazione dell’infrastruttura gestita da un operatore neutrale come Cellnex creerà gli incentivi necessari per accelerare, migliorare ed espandere la copertura mobile, compreso il 5G, in questi mercati chiave.

Con il completamento di questa acquisizione nel Regno Unito e in seguito alla cessione dei siti a WIG, Cellnex opererà o avrà comunque interessi o ricavi derivanti da un totale di circa 14500 torri di telecomunicazioni nel Regno Unito, una volta completati i programmi BTS in corso, rendendo il paese uno dei più grandi mercati di Cellnex per volume di asset gestiti.

Come pianificato e annunciato in precedenza in relazione agli accordi di Novembre 2020, al completamento della transazione nel Regno Unito, CK Hutchison ha ricevuto circa 34,1 milioni di azioni (circa 27,1 milioni di azioni di nuova emissione insieme a 7 milioni di azioni proprie) che rappresentano approssimativamente il 4,8% del capitale sociale di Cellnex, come parte del corrispettivo di tale operazione.

Editing Simone Nicolosi

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button