TLC nel MondoCellnexWindTre

Cellnex termina l’acquisizione di 7.050 torri di CK Hutchison in Austria, Irlanda e Danimarca

Cellnex ha ultimato l’acquisizione in Austria, Irlanda e Danimarca di 7.050 torri di proprietà della CK Hutchison, un gruppo di Hong Kong anche proprietario di WindTre in Italia.

Lo scorso 12 Novembre 2020 infatti, CK Hutchison aveva annunciato la vendita a Cellnex, per un valore totale di 10 miliardi di euro, delle sue torri europee situate in Austria, Irlanda, Danimarca, Svezia, Regno Unito e in Italia con l’operatore WindTre.

La finalizzazione della vendita nei primi tre Paesi previsti dall’accordo di Novembre 2020, che vedrà Cellnex, una tower company di origine spagnola, arrivare a disporre di circa 103.000 torri nel territorio europeo, è arrivata l’11 Gennaio 2021 e permette così all’azienda di ampliare il suo portafoglio di servizi e proprietà nel territorio Europa.

Come stabilito nell’accordo di Novembre 2020, le torri di proprietà CK Hutchison previste dalla vendita sono 24.600, di cui 8.900 in Italia, 6.000 nel Regno Unito, 1.150 in Irlanda, 2.650 in Svezia, 1.400 in Danimarca e 4.500 in Austria.

Tramite questa mossa, Cellnex ha fatto la sua entrata in tre nuovi mercati, rappresentati da Austria, Svezia e Danimarca, arrivando ad assicurare l’operatività in dodici Paesi europei, oltre che consolidando la propria presenza nei mercati in cui già risultava inserita, come in Italia, in Irlanda e nel Regno Unito.

Il valore complessivo dell’operazione commerciale messa in atto da CK Hutchison e Cellnex è stato di 10 miliardi di euro, con un investimento aggiuntivo previsto di 1,4 miliardi di euro e dedicato esclusivamente all’installazione di nuove torri.

L’accordo ha infatti previsto l’attivazione di 5.250 nuovi siti aggiuntivi, che saranno creati nel corso dei prossimi 8 anni, e che conteranno 1.100 nuove torri in Italia, 600 nel Regno Unito, 100 in Irlanda, 2.550 in Svezia, 500 in Danimarca e altre 400 in Austria.

Il costo dell’operazione è stato coperto da Cellnex per 8,6 miliardi di euro in liquidità e per i restanti 1,4 miliardi  di euro in quote ammontanti circa al 5% del valore aziendale. Per i mercati di Italia, Svezia, Austria, Irlanda e Danimarca, il pagamento avverrà completamente tramite liquidità, mentre nel Regno Unito è prevista una parte in nuove quote aziendali, da stabilire una volta conclusa la transazione.

cellnex logo sfondo bianco

L’acquisizione, che è stata divisa singolarmente in ogni Paese diverso per accelerare i tempi e per ottenere in anticipo l’autorizzazione da parte delle autorità competenti, permetterà a CK Hutchison di entrare a far parte di Cellnex solo una volta conclusa la vendita delle torri nel Regno Unito.

L’operazione, una volta completata nella sua interezza in tutti i Paesi coinvolti, comporterà un ricavo nel fatturato di Cellnex calcolato tra gli 1,2 e i 3,8 miliardi di euro, con un guadagno complessivo di 33 miliardi di euro, che permetteranno alla società di raggiungere gli 86 miliardi di euro di capitale.

Per l’ufficialità della vendita delle torri in Italia, Svezia e Regno Unito, Cellnex dovrà attendere i prossimi mesi, mentre la conclusione delle operazioni è prevista entro la fine del 2021.

Nei primi giorni di Gennaio 2021, Cellnex ha visto arrivare anche le dimissioni del Presidente non esecutivo del Consiglio di Amministrazione Franco Bernabè, consegnate dal dirigente italiano per motivi personali.

La società inoltre rivedrà i contratti già stipulati dagli operatori di ciascun Paese con CK Hutchison, aggiornandoli con scadenza di 15 anni e possibilità di prolungamento di altri 15 anni e ulteriori 5 anni aggiuntivi.

Infine, al termine dell’operazione complessiva di acquisizione, Cellnex prevede un contributo in termini di EBITDA pari a circa 970 milioni di euro, e un fatturato ricorrente pari a 620 milioni di euro.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button