iliadReti e Frequenze

Iliad rete mobile proprietaria: ecco il dato delle antenne attive in ogni regione a fine 2021

Il Gruppo Iliad ha presentato lo scorso 22 Marzo 2022 i suoi risultati finanziari del quarto trimestre 2021, aggiornando anche sull’andamento dello sviluppo della rete mobile proprietaria di Iliad Italia, che ha superato il target prefissato di 8500 siti attivi per la fine del 2021.

Infatti, secondo quanto riportano i dati ufficiali rilasciati da Iliad nei giorni scorsi, la filiale italiana ha raggiunto al 31 Dicembre 2021 un totale di 8727 siti di trasmissione mobile attivi. Nel giro di sei mesi, quando a Giugno 2021 aveva 7795 siti attivi, Iliad ha quindi attivato 932 nuovi siti.

Invece, nel confronto dei dati anno su anno, nel corso di tutto il 2021 Iliad Italia ha attivato 2612 siti di trasmissione di rete mobile, in quanto il dato di Dicembre 2020 era di 6115 siti.

Inoltre all’interno dei documenti del quarto trimestre del 2021, Iliad ha fatto sapere comunque che i siti già equipaggiati alla fine dell’anno appena trascorso sono 9700.

Rimane invece invariata la strategia di lungo periodo per il raggiungimento di un numero di siti attivi compreso tra i 10000 e i 12000 entro la fine del 2023 in tutta Italia.

siti attivi rete mobile

I numeri delle antenne Iliad Italia regione per regione

In dettaglio, all’interno della presentazione dei dati del Gruppo Iliad di fine 2021 (ecco le slides) è presente anche il dato suddiviso regione per regione relativo al numero di antenne di Iliad Italia già attive sul territorio italiano, grazie al quale è possibile vedere le aree dove sono state installate più o meno antenne.

Di seguito i dati ufficiali di Iliad, aggiornati al 31 Dicembre 2021, con le antenne dell’operatore già attive in ogni singola regione:

  • Valle d’Aosta: 10 siti attivi;
  • Piemonte: 815 siti attivi;
  • Lombardia: 1230 siti attivi;
  • Trentino Alto Adige: 59 siti attivi;
  • Friuli Venezia Giulia: 326 siti attivi;
  • Veneto: 1261 siti attivi;
  • Liguria: 281 siti attivi;
  • Emilia Romagna: 938 siti attivi;
  • Toscana: 378 siti attivi;
  • Umbria: 57 siti Iliad attivi;
  • Marche: 165 siti attivi;
  • Abruzzo: 162 siti attivi;
  • Lazio: 798 siti attivi;
  • Molise: anche se non viene riportato nella mappa, 3 siti Iliad attivi;
  • Campania: 401 siti attivi;
  • Puglia: 670 siti attivi;
  • Basilicata: 19 siti attivi;
  • Calabria: 189 siti attivi;
  • Sardegna: 250 siti attivi;
  • Sicilia: 715 siti attivi.

La regione italiana con più antenne Iliad attive al 31 Dicembre 2021 risulta essere ancora una volta il Veneto, con 1261 siti attivi, seguita dalla Lombardia con 1230 siti.

L’unica regione dove il numero delle antenne Iliad è rimasto invariato da Giugno a Dicembre 2021 è il Molise, il cui numero non viene riportato nella mappa presente nei documenti di Iliad, ma facendo il calcolo sono sempre 3 i siti attivi, rimanendo ancora la regione italiana con meno antenne Iliad attive.

Come già accennato, i dati ufficiali diffusi da Iliad in questi giorni si riferiscono alla fine del 2021, e riportano a livello nazionale 8727 siti attivi.

Invece, ad oggi, 25 Marzo 2022, secondo quanto viene riportato da LTEItaly, i siti della nuova rete proprietaria di Iliad attivi in tutta Italia avrebbero raggiunto quota 9141.

Iliad Italia mappa antenne
La mappa dei siti di trasmissione mobile di Iliad Italia attivi in ogni regione a Dicembre 2021.

Lo sviluppo della rete proprietaria anche con possibili accordi per il 5G

Continua quindi lo sviluppo della rete proprietaria in Italia per Iliad, che ha raggiunto quota 8,5 milioni di clienti di rete mobile con oltre il 10% di quota di mercato.

Nei documenti del Gruppo Iliad viene ricordato ancora una volta che ormai più della metà del traffico dati effettuato dai suoi clienti passa dalla sua rete proprietaria.

Come sottolineava già tempo fa l’Amministratore Delegato di Iliad Italia, Benedetto Levi, la rete proprietaria è da considerarsi l’elemento fondamentale della strategia dell’operatore, per ridurre la dipendenza (e i relativi costi) da WINDTRE, di cui al momento sfrutta, dove non c’è ancora copertura proprietaria, la sua rinnovata rete mobile in tecnologia Ran Sharing per il 3G/4G/4G+, e in Roaming Nazionale per la rete 2G.

Di recente, in occasione del lancio di Iliadbox, l’AD ha dichiarato comunque che l’appoggio ad un altro operatore, attualmente WINDTRE, è considerata da Iliad come una cosa transitoria, mentre, in quanto operatore di rete mobile infrastrutturato e con le proprie frequenze, l’obiettivo è quello di utilizzare sempre di più la rete proprietaria.

Da fine Dicembre 2020 Iliad ha anche attivato la rete 5G, disponibile sulla sua rete proprietaria in alcune aree di alcune città italiane. A questo proposito, negli ultimi giorni è emersa la possibilità di un accordo fra Iliad e WINDTRE per la creazione di una joint venture per coinvestire sulla rete 5G in alcune zone d’Italia.

Le trattative in corso sono state confermate sia dal CEO di Iliad Group, Thomas Reynaud, che ha parlato di chiusura vicina dell’accordo, che dal Co-CEO di WINDTRE, Gianluca Corti, che invece ha parlato di dialoghi ancora in corso.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button