Economia e FinanzaWindTre

WINDTRE: persi 1,5 milioni di clienti nell’ultimo anno mentre continua lo sviluppo della rete 5G

CK Hutchison, la holding di Hong Kong azionista unica di WindTre, ha reso noti i risultati finanziari aggiornati del Gruppo e dell’operatore italiano, al secondo trimestre dell’anno.

In primo luogo, CK Hutchison ha ricordato di aver perfezionato la vendita delle torri di WindTre in Italia, che ha permesso al Gruppo di ridurre il debito. Nonostante ciò, i dati italiani continuano a pesare sull’andamento del Gruppo 3 in Europa, considerando che la customer base complessiva a livello di Gruppo è scesa del -2% principalmente a causa del calo di WindTre.

I dati si sono riflessi anche in un EBITDA in calo del -5% anno su anno, solo in parte compensato dalla riduzione delle spese operative.

I principali dati di WindTre: base clienti attiva sotto i 20 milioni di utenti

Concentrando l’analisi esclusivamente su WindTre e dunque sul mercato italiano, stando a quanto riportato i ricavi totali del Gruppo al primo semestre del 2021 sono stati pari a 2,085 miliardi di euro, in calo del -10% rispetto all’anno scorso. Anche l’EBITDA si è contratto sensibilmente passando a 892 milioni di euro (-7%) mentre le spese operative hanno subito una discreta contrazione a 650 milioni di euro, rispetto ai 747 milioni dell’anno precedente.

In termini di clienti, la customer base complessiva registrata è di 21 milioni di clienti, in calo di 1,5 milioni rispetto al primo semestre del 2020. La base clienti attiva è invece pari a 19,2 milioni di utenti, contro i 20,3 milioni dell’anno precedente. Si tratta del 91% della base clienti complessiva.

Quelli sopra indicati sono i clienti di rete mobile, a cui si aggiungono 2,9 milioni di linee fisse. Nessun riferimento, invece, a Very Mobile.

Un altro dato che viene esposto da WindTre è rappresentato dall’ARPU medio, vale a dire dai ricavi medi mensili per singolo cliente, che è pari in media a 11,58 euro al secondo trimestre del 2021 (in calo del -1% anno su anno). Nello specifico, l’ARPU prepagato è di 10,62 euro e quello in abbonamento è di 12,57 euro.

L’AMPU, vale a dire il margine medio netto per singolo utente attivo, è invece di 9,41 euro al mese. In termini di churn rate, (il cosiddetto tasso di abbandono) il valore medio è di 1,4% contro il precedente 1,3%.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb e rimanere sempre aggiornati sul mondo della telefonia mobile.

3 Group Europe a 38 milioni di clienti complessivi

A livello di Gruppo, CK Hutchison in Europa nelle telecomunicazioni mostra ricavi per 43,160 miliardi di dollari, con 38 milioni di clienti e una copertura in 5G abbastanza diffusa (in Italia oltre il 90% in copertura FDD e il 33% in TDD, come già accennato in passato).

L’Italia, nonostante il calo ancora in corso in termini di customer base e ricavi, rimane il Paese con il numero di gran lunga più elevato di clienti e con i ricavi maggiori.

Per quest’anno, CK Hutchison sarà impegnata, oltre che sulla copertura e sulla riduzione delle spese operative, anche nella vendita delle torri in Regno Unito a Cellnex. Proprio il Regno Unito è l’ultimo Paese che manca nell’accordo siglato con la tower company spagnola per la cessione del portafoglio di assets del Gruppo di Hong Kong, a fronte di un corrispettivo totale di 10 miliardi di euro.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button