TlcCoopVoceInterviste

CoopVoce FULL MVNO: dal 2020 si cambia SIM. In arrivo anche eSIM. Conferenza e intervista

Si è tenuta oggi 4 Dicembre 2019 la conferenza di CoopVoce per annunciare il suo passaggio a Full MVNO. L’operatore, a 12 anni dall’esordio, ha deciso di investire 60 milioni di euro per la sua infrastruttura tecnologica indipendente, restando operativo su rete TIM.

MondoMobileWeb è oggi presente alla conferenza in cui CoopVoce ha ricordato di esser stato nel 2007 il primo operatore mobile virtuale in Italia, svelando di aver raggiunto oltre 1,5 milioni di clienti e un fatturato di circa 86 milioni di euro.

Adesso, per l’operatore è il momento di dotarsi di una sua infrastruttura tecnologia indipendente per una gestione autonoma del servizio e dell’offerta di telefonia mobile. Come ha sottolineato Massimiliano Parini, Direttore del Servizio CoopVoce:

“L’operazione di cambio delle SIM, per la quale ci prendiamo un periodo di tempo adeguato, permetterà di aprire una porta verso lo sviluppo di nuovi servizi, alcuni dei quali come la eSIM già in fase avanzata di progettazione, mentre altri legati al mondo dello streaming dati e ai servizi IOT seguiranno, una volta messa a punto la piattaforma”.

Come evidenzia Parini, CoopVoce sta già lavorando sulle sue eSIM, a cui seguiranno a tempo debito novità in tema Internet of Things e pacchetti dati illimitati per i servizi in streaming.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia mobile, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Si ricorda che il passaggio a Full MVNO comporterà la necessità di sostituire le attuali SIM con quelle nuove, emesse direttamente da CoopVoce. Secondo quanto dichiarato in conferenza, la sostituzione delle SIM partirà già dal mese di Febbraio 2020 in circa 900 punti vendita e l’operatore supporterà il passaggio con un’adeguata campagna di comunicazione.

Sebbene CoopVoce miri a favorire il passaggio nei punti vendita Coop, è stato confermato che la nuova SIM potrà essere richiesta anche online e ricevuta a casa, senza alcun costo. Per i nuovi clienti, la commercializzazione inizierà già a Gennaio 2020.  In tal senso, CoopVoce ha già mostrato in conferenza il suo nuovo logo, che riprende i colori storici del brand.

CoopVoce Full MVNO
Il nuovo logo di CoopVoce

Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia, ha evidenziato che con la nascita di CoopVoce il Gruppo Coop è stato in grado di trasferire il suo modello di impresa cooperativa anche in un mercato competitivo come quello della telefonia, proponendo servizi basati sulla qualità e l’assistenza:

“Coop continua a lavorare a 360 gradi per un consumatore che richiede servizi aggiuntivi rispetto al business primario. Con CoopVoce abbiamo portato il nostro modo di fare impresa cooperativa in un mercato come quello della telefonia particolarmente competitivo. In questo mercato molto affollato, dove la leva primaria è senza dubbio la tariffa, CoopVoce propone prezzi convenienti e trasparenti e vuole differenziarsi con la qualità e l’assistenza. Gli utenti ci premiano con una maggiore permanenza da noi rispetto agli altri operatori (4 anni invece di 2) e con un tasso di crescita che si attesta su un +25% ogni anno. Con questo nuovo investimento puntiamo a migliorare i servizi, ad aggiungerne di nuovi, ma ci diamo anche l’obiettivo nei prossimi 5 anni di arrivare a servire il 50% della base sociale Coop, ovvero circa 3,5 milioni di soci”.

L’obiettivo è quindi ben chiaro: con il passaggio a Full MVNO, l’obiettivo strategico di CoopVoce per i prossimi anni è quello di raggiungere il 50% della base sociale di Coop, ovvero circa 3,5 milioni di soci.

Ecco il Live Blogging della conferenza CoopVoce seguita da MondoMobileWeb (testo a cura di Alberto Ferrante con la collaborazione dell’inviato Simone Nicolosi):

10:57 – Albino Russo, Direttore Generale di Ancc-Coop sta presentando i risultati di un’indagine sulla mobile-dipendenzaOggi, secondo lo studio di Coop, un individuo trascorre in media circa 5 ore utilizzando il suo telefono cellulare. Chiaramente, l’età costituisce il discriminante principale, con un utilizzo particolarmente intenso per la fascia di età che va dai 18 ai 35 anni.

11:03 – L’indagine mostra come la maggior parte degli italiani abbia intenzione di incrementare sensibilmente l’utilizzo dello smartphone in futuro. Crescerà, si ritiene, la componente delle chiamate vocali (già oggi sono effettuate in media circa 12 chiamate al giorno) e quella delle videochiamate. Ma la componente principale sarà ancora quella dei messaggi istantanei tramite App, che hanno rapidamente sostituito gli SMS.

Oggi, 9 italiani su 10 utilizzano quotidianamente lo smartphone per messaggi di testo o vocali con App come Whatsapp e Telegram, mentre gli SMS sono inviati dal 91% dei clienti. Videochiamate e videomessaggi, invece, sono utilizzati rispettivamente dall’80% e dal 72% degli italiani.

11:09 – L’indagine di CoopVoce distingue gli italiani in diverse categorie, a seconda delle modalità e delle tempistiche di utilizzo del proprio smartphone. Gli Smart-holic sono soliti effettuare oltre 22 chiamate al giorno e tra le 100 e le 200 interazioni di testo audio e video con altre persone. Si tratta dell’11% della popolazione italiana.

I Mama’s & Lovers si concentrano invece su un numero inferiore di chiamate e all’incirca lo stesso numero di interazioni della categoria precedente, ma prevalentemente rivolte ai familiari. Questa categoria rappresenta il 23% del campione.

I cosiddetti Flight Mode, che rappresentano il 27% del campione, avrebbero invece un rapporto distaccato con il telefono, utilizzando molto meno della media, con un numero di telefonate e interazioni più basso (circa 7 chiamate e 50 interazioni).

Per finire, i Silent Mode, 13% della popolazione, utilizzano il telefono per interazioni non vocali, mentre i Well Balance, la quota residua, utilizzano le due componenti in maniera moderata ed equilibrata.

CoopVoce Full MVNO

11:14 – Albino Russo passa adesso ad esporre le abitudini degli italiani come utenti mobili. Il primo elemento ad emergere è la rapidità con cui si cambia operatore in un mercato tanto fluido. In Italia, sebbene il 57% degli intervistati assegni una valutazione positiva al proprio operatore, un cittadino su tre pensa comunque di cambiarlo in futuro. Gli utenti più “flessibili” sono i più giovani e le donne, in cerca di un prezzo più competitivo o una copertura più solida.

A costituire un elemento di rilievo per la scelta di un operatore, è la qualità del servizio clienti. Un italiano su cinque assegna infatti una votazione pienamente insufficiente al call center del proprio operatore, che costituisce il servizio più criticato, soprattutto per la necessità di attendere a lungo per ricevere una risposta, anche con più tentativi diversi reiterati nel corso della giornata.

CoopVoce Full MVNO

11:22 – Massimiliano Parini riassume i dati principali di CoopVoce, che ha lanciato il suo servizio nel 2007 non per essere “un operatore come tanti”, ma per servire i clienti con qualità e fedeltà. Parini ricorda i risultati raggiunti da CoopVoce, che ha trattato i suoi clienti non come numeri, ma come soci Coop: “Sono i proprietari della nostra azienda, e noi parliamo con loro come se fossero i proprietari”.

Oltre il 95% dei clienti CoopVoce si ritiene soddisfatto, secondo i dati presentati. Adesso l’azienda ha deciso di rilanciare, di investire sul futuro, cambiando il logo, ma non i valori.

Con il suo piano SIM Evolution, CoopVoce si doterà adesso di un’infrastruttura tecnologica indipendente a partire da Gennaio 2020. Già nel corso dell’anno prossimo, verranno lanciate le eSIM di CoopVoce per tutti i clienti interessati. Inoltre, il cambio SIM, necessario visto il passaggio a Full MVNO, sarà totalmente gratuito.

11:29 – La commercializzazione delle nuove SIM Evolution inizierà da Gennaio 2020 per i nuovi clienti, su tutta la rete vendita. Invece, come sopra riportato, il passaggio per i clienti sarà già disponibile dal mese di Febbraio 2020 nei punti vendita Coop.

La politica e il marketing dell’azienda resterà la stessa: CoopVoce promette di non cambiare le sue tariffe e di continuare a puntare sul suo #ConQuaLe, claim che riassume i valori di Convenienza, Qualità e Lealtà.

CoopVoce Full MVNO

11:33 – Prende la parola Marco Pedroni, Presidente di Coop, che ricorda come l’obiettivo sia  ancora quello di raggiungere nuovi clienti, con un ritmo sempre maggiore. Secondo i dati presentati, la crescita della base clienti è stata del 25-30% anno su anno, nonostante l’intensificarsi della concorrenza nel settore.

Diventare operatore Full MVNO con un’infrastruttura tecnologica indipendente è un passaggio particolarmente delicato. CoopVoce afferma che difenderà la sua posizione senza avviare battaglie commerciali al ribasso (a riguardo, Pedroni fa riferimento alla sostenibilità economica di Iliad affermando di non sapere fino a che punto l’operatore francese potrà resistere con le sue offerte) ma punterà ancora sui suoi valori di qualità e trasparenza per riuscire a fidelizzare i clienti Coop.

Da qui, l’obiettivo di raggiungere quota 3 milioni di clienti entro il prossimo quinquennio, raddoppiando di fatto la propria base clienti grazie proprio al numero di soci Coop.

11:41 – Nel corso della fase Q&A viene ribadito che già a Gennaio 2020, subito dopo le festività natalizie, saranno disponibili le nuove SIM Evolution. Si discute anche della privacy del cliente: CoopVoce ricorda di voler puntare particolarmente sul servizio di qualità, senza insistere con offerte aggressive per ottenere più clienti.

Le nuove campagne di comunicazione di CoopVoce si baseranno quindi esclusivamente sul passaggio all’infrastruttura tecnologica proprietaria, informando i clienti sulle novità imminenti e sulle procedure per il cambio SIM. Previste anche campagne social e nei punti vendita con il nuovo logo dell’operatore.

Massimiliano Parini, Direttore del Servizio CoopVoce

Ecco l’intervista di MondoMobileWeb a Massimiliano Parini, Direttore del Servizio CoopVoce, al termine della conferenza:

Formazione e informazione sono alla base del servizio clienti di CoopVoce, premiato in più occasioni da studi e ricerche di mercato, che avrà adesso il compito di sostenere i clienti durante il passaggio alla tecnologia Full MVNO, rispondendo a tutti i dubbi e le domande. MondoMobileWeb ha avuto occasione di fare qualche domanda a Massimiliano Parini, per comprendere ulteriori dettagli sull’infrastruttura tecnologica (con Accenture come partner tecnologico) e sui progetti futuri di CoopVoce.

Simone Nicolosi: “C’è una data entro cui i clienti devono cambiare la propria SIM, essendo il passaggio obbligatorio?”

Massimiliano Parini: “Allora, noi puntiamo a chiudere il processo entro la fine del 2020. Sappiamo, per esperienza, che altri operatori non l’hanno fatto. Tendenzialmente non lasceremo nessuno senza linea, quindi vedremo come sarà l’andamento e punteremo soprattutto sui primi mesi, su campagne massicce, per fare in modo che i clienti facciano il passaggio immediatamente, anche perché questo ci permetterà di partire con i nuovi servizi. Questo è l’elemento fondamentale.”

S.N.: “I già clienti dovranno cambiare l’offerta o potranno mantenere quella attuale?”

M.P.: “No, l’offerta resterà uguale. Il cliente potrà scegliere, come succede sempre, se mantenere la sua offerta o cambiarla, ma sarà tutto a sua discrezione.”

S.N.: “E per quanto riguarda il contratto con TIM, la velocità del 4G aumenterà oppure rimarrà a 100 Mbps?”

M.P.: “Sarà sempre in 4G+ al momento e rimane come limite massimo sempre a 100 Mbps.”

S.N.: “Per quanto concerne invece le eSIM, c’è già una data stabilita per il lancio?”

M.P.: “E’ in corso la fase di sviluppo e pensiamo entro la fine del 2020 di avere disponibili anche le eSIM.”

S.N.: “Il cambio clienti invece comincia da Febbraio 2020?”

M.P.: “Allora, da Gennaio 2020 cominceremo la commercializzazione delle nuove SIM, ai nuovi clienti, mentre da Febbraio o Marzo 2020 sarà possibile il cambio SIM”.

S.N.: “Vista l’indipendenza che raggiungerete con passaggio a Full MVNO, avete anche pensato alla rete fissa?”

M.P.: “Ci stiamo guardando, è un tema molto complicato quindi non abbiamo ancora raggiunto una decisione. Ci abbiamo guardato però. Se entreremo nella rete fissa, non entreremo tramite SIM ma con una connessione fisica, quindi tramite il cavo. Ma sono tutte analisi in corso, ancora non è stata presa nessuna decisione”

Si è discusso anche in merito al 5G con TIM: CoopVoce, secondo quanto afferma Parini, inizierà a tempo debito a discutere i dettagli per poter fornire servizi 5G ai suoi clienti.

Per quanto riguarda il contratto di rete, l’operatore non ha attualmente intenzione di cambiare partner e Parini ha confermato che CoopVoce opererà su rete TIM almeno fino al 2022, come stabilito dal contratto.

Infine, non è da escludere che la nuova SIM Evolution di CoopVoce possa essere lanciata contestualmente a una nuova offerta di Gennaio 2020, dopo la scadenza dell’attuale Top 20, valida fino al 15 Gennaio 2020.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
Close