Iliad: Xavier Niel annuncia il buyback di azioni mentre Benedetto Levi pensa già alla rete fissa


Nella giornata di ieri, il titolo di Iliad ha reagito con un’impennata alla notizia del buyback di azioni da parte di Xavier Niel. Il fondatore dell’operatore francese ha infatti intenzione di riacquistare un montante di 1,4 miliardi di euro con un prezzo premium del 38%. La sua quota potrebbe così salire al 72%.

Le azioni coinvolte saranno esattamente 11.666.666, pari a circa il 19,7% del capitale, riacquistate al prezzo di 120 euro per azione, e la quota di Xavier Niel potrebbe salire dall’attuale 52% al 72% circa del capitale della società.

Secondo quanto dichiarato ieri, inoltre, la transazione non impatterà sul debito di Iliad o sui ricavi per azione, poiché le stesse saranno cancellate tramite una riduzione di capitale.

L’operazione di buyback dovrebbe essere lanciata dopo l’assemblea straordinaria degli azionisti del 20 Dicembre 2019, presumibilmente il 23 Dicembre 2019, e la sua chiusura è prevista per il mese di Gennaio 2020.

   

BM&A, un audit indipendente, ha fornito la sua opinione sull’offerta sotto nomina di quattro membri del board di Iliad  affermando che le condizioni per l’operazione sono eque. L’approvazione da parte del board è dunque avvenuta l’11 Novembre 2019 e si attende adesso la riduzione di capitale nella prossima assemblea.

iliad

L’operazione proposta da Neil ha fatto impennare il titolo di Iliad alla Borsa di Parigi, che ha chiuso ieri a 114,25 euro. Nella presentazione dei suoi risultati finanziari, Iliad ha mostrato ricavi in crescita del 3,3% in Francia (1,229 milioni di euro in questo trimestre) guidati da un lieve aumento dell’ARPU. Nel fisso, Free continua a incrementare le vendite grazie alla sua copertura e ai servizi accessori offerti dall’operatore.

In Italia sono stati invece registrati ricavi per 109 milioni di euro, con un incremento di circa 700.000 clienti nell’ultimo trimestre, che porta il totale a oltre 4,5 milioni di clienti.

Con questo nuovo traguardo, Iliad avrebbe dunque superato definitivamente PosteMobile, che negli scorsi risultati finanziari segnava appunto clienti totali in crescita dell’8,6% per 4,5 milioni di euro. A riguardo, però, si segnala che il valore presentato da Poste Italiane considera anche i clienti PosteMobile Casa su SIM Vodafone.

Iliad

Benedetto Levi, Amministratore Delegato di Iliad.

La crescita di Iliad in Italia, dunque, non si arresta: nell’ultimo trimestre conclusosi a Settembre 2019, infatti, l’operatore ha raggiunto 700.000 nuovi clienti, contro i 532.000 del precedente. E  secondo il nuovo spot per la presentazione dell’offerta Giga 50, il 98% degli utenti Iliad si ritiene soddisfatto della sua offerta. Quanto riportato sarebbe il risultato di un’indagine svolta nel mese di Ottobre 2019 da Doxa, basata su un campione di 1000 clienti Iliad.

Tuttavia, le ambizioni di Iliad Italia vanno oltre il numero di clienti raggiunti in appena un anno e mezzo dal lancio: secondo quanto dichiarato da Benedetto Levi a La Repubblica, Iliad starebbe già studiando il mercato fisso, per prepararsi al lancio di un’offerta nel medio termine.

Sebbene non siano stati resi noti ulteriori dettagli, l’Amministratore Delegato di Iliad Italia ha ribadito che si tratterà ancora una volta di un’offerta consumer basata sulla semplicità e sulla trasparenza. Iliad non sembra invece ancora interessata al segmento business o all’internet delle cose.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.