iliadReti e Frequenze

Rete Iliad: proteste di alcuni cittadini a Montesilvano per l’installazione di un’antenna

In questi giorni, alcuni cittadini del comune di Montesilvano, in provincia di Pescara, stanno protestando contro l’installazione di un’antenna Iliad in Via Basilicata, in una zona pubblica prossima a un campo di pallavolo.

Si tratta di un’antenna alta circa 30 metri, regolarmente identificata dal Permesso numero 043284 del SUAP, rilasciato in data 2 Luglio 2019, per la realizzazione di una nuova stazione radio base.

Come mostrato da un servizio di TVSEI, i cittadini ritengono il progetto non conforme alla legislazione che regola l’installazione delle infrastrutture, citando i vincoli di prossimità con un parco giochi e alcune abitazioni.

Nel complesso, i cittadini mostrano preoccupazione per la salute (viene citato ancora una volta il principio di precauzione) e per il possibile danno economico dovuto alle eventuali esternalità negative per le abitazioni site in prossimità di una stazione radio base di telefonia.

Iliad Montesilvano Antenna
Il Campo di Pallavolo Antonio Nardi di Montesilvano. Fonte: tvsei.it

Proprio questo mese il Consiglio Comunale di Montesilvano ha approvato all’unanimità la delibera sull’adozione del principio di precauzione per evitare l’installazione di antenne 5G, in vista della redazione di un Piano per controllare l’installazione degli impianti degli operatori da ora in avanti.

In tal senso, il Comune si è confrontato anche con il Movimento Stop 5G Abruzzo, che ha palesato grande soddisfazione  per l’applicazione del principio di precauzione.

Nello specifico, è stato modificato l’articolo 80 delle norme tecniche di attuazione, che vieta l’installazione del 5G in tutta l’area del Comune di Montesilvano, fino all’entrata in vigore del nuovo Piano Antenne che disciplinerà l’installazione di nuove stazioni radio base, tenendo in considerazione anche la concentrazione delle radiofrequenze e le distanze dagli edifici.

Inoltre, il Comune ha annunciato l’installazione di alcune centraline fisse per il controllo delle frequenze delle antenne, che saranno poste in diverse zone sensibili del territorio e permetteranno il monitoraggio dei dati da una pagina apposita del sito del Comune.

Si evidenzia che l’installazione delle quattro antenne Iliad era stata già autorizzata ben prima della delibera di questo mese. L’operatore francese dispone infatti di tutte le autorizzazioni necessarie per costruire (rilasciate proprio dallo Sportello Unico per le Attività Produttive) nonostante le proteste di alcuni cittadini sui possibili rischi per la salute e per il valore degli immobili.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button