Open Fiber e il Comune di Asti presentano i lavori per la Fibra FTTH: conclusione entro 18 mesi


Asti, comune piemontese conosciuto per il suo famoso spumante, ha presentato questa mattina insieme ad Open Fiber la convenzione che ha già dato il via ai lavori di posa della fibra ottica in modalità FTTH, che permetterà ai cittadini di navigare fino ad 1 Gigabit/s di velocità.

Ne hanno dato notizia l’operatore wholesale only e il comune piemontese con un comunicato stampa congiunto diramato oggi, 17 Settembre 2019, a seguito della conferenza di presentazione dell’accordo tenutasi questa mattina presso la Sala Giunta del palazzo municipale, alla presenza del Sindaco, Maurizio Rasero, dell’Assessore alle Infrastrutture, Stefania Morra, del Regional Manager di Open Fiber per il Piemonte Sud e la Liguria, Giovanni Romano Poggi, e del Field Manager che seguirà il progetto per la città di Asti, Carlo Gestro.

Si tratta di un investimento di circa 10 milioni di euro da parte di Open Fiber per connettere, con una infrastruttura interamente in fibra ottica che arriva fin dentro le abitazione e gli uffici dei clienti (Fiber To The Home), le oltre 28mila unità immobiliari previste dal progetto complessivo per il territorio astigiano.

Il Sindaco della città, Maurizio Rasero, ritiene il progetto strategico e di grande importanza per Asti e per i suoi cittadini, e ha affermato:

   

Non potevamo perdere il treno, e pertanto abbiamo ritenuto di accogliere questo progetto di posa della fibra perché pensiamo che rappresenti una grande opportunità di investimento per il futuro della città.

Stefania Morra, Assessore alle Infrastrutture del comune di Asti, aggiunge:

A partire dal mese di Dicembre è stato costituito un tavolo di lavoro e si è iniziato a dialogare con i tecnici di Open Fiber. Da molti mesi i nostri uffici, in particolare l’ufficio Manomissioni Suolo Pubblico del settore Urbanistica insieme all’ufficio Sistemi Informativi, Servizio Gestione Reti del settore Risorse Umane, sono stati impegnati in un lungo e complesso lavoro tecnico e normativo teso a disciplinare le modalità di intervento sul tessuto urbano per garantire costantemente, durante i lavori che s’avvieranno, la sicurezza, l’incolumità pubblica, la viabilità.

La convenzione siglata da Open Fiber con il Comune di Asti stabilisce le modalità di scavo e ripristino per la posa della fibra ottica, come previsto dal decreto ministeriale del 2013. Open Fiber utilizzerà, ove possibile, cavidotti e reti sotterranee o aeree già esistenti per limitare il più possibile gli eventuali disagi per la comunità.

Le lavorazioni per realizzare i 150 chilometri complessivi di infrastruttura in tutta la città sono già cominciate, e il piano di cablaggio si concluderà al massimo entro 18 mesi. Saranno stesi complessivamente 16mila chilometri di fibra ottica.

Giovanni Romano Poggi di Open Fiber, ha spiegato:

Tra i fattori che possono decretare il successo di un progetto c’è senza dubbio la sinergia con l’Amministrazione comunale. Nel caso di Asti, abbiamo avvertito distintamente l’interesse verso il nostro piano, e stiamo ricevendo grande supporto anche dall’ufficio tecnico, pienamente coinvolto nella pianificazione dei nostri interventi. Grazie a questa collaborazione, cercheremo di rendere i lavori poco invasivi riutilizzando infrastrutture già esistenti per circa il 40% dello sviluppo complessivo dell’opera.

Carlo Gestro, Field Manager per il progetto della città di Asti, ha invece sottolineato:

I vantaggi per i singoli cittadini e per le aziende sono innumerevoli: la nostra rete FTTH abiliterà tantissimi servizi ad alto contenuto innovativo, semplificando e migliorando le relazioni fra cittadini e Pubblica Amministrazione, e aumentando la produttività e la competitività delle imprese. Un’infrastruttura che permetterà finalmente anche di lavorare senza problemi da casa, attraverso il telelavoro e lo smart working.

Il comunicato ricorda anche come l’azienda guidata da Elisabetta Ripa punti a garantire la copertura di 271 città italiane e di 7635 comuni di 20 Regioni italiane (come concessionaria dei bandi Infratel per le aree bianche).

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.