Asta 5G: conclusa l’ottava giornata di rilanci. Banda 3700 MHz oltre i 2,5 miliardi di euro


Continua l’iter dell’asta per l’assegnazione delle frequenze 5G: oggi 24 Settembre 2018 si è conclusa l’ottava giornata della fase dei miglioramenti competitivi con nuovi rilanci (che raggiungono quota 99) da parte degli operatori interessati.

5G

Come noto, l’asta sta vedendo partecipare le società Iliad Italia S.p.A., Fastweb S.p.A., Wind 3 S.p.A., Vodafone S.p.A. e TIM S.p.A.. Nonostante l’ammissione alla procedura, invece, Linkem e Open Fiber hanno deciso di non presentare alcuna offerta.

Attualmente sono stati già aggiudicati definitivamente i lotti relativi alla banda 700 FDD, per un totale complessivo pari ad 1.363.436.396,00 euro alle società Iliad, TIM e Vodafone: due lotti ciascuno a TIM e Vodafone ed un lotto denominato “700_R”, riservato ai nuovi entranti, ad Iliad.

Risultano quindi ancora da assegnare e oggetto dei numerosi rilanci i restanti lotti relativi alla banda 3700 MHz e alla banda 26GHz.

   

Con la conclusione dell’ottava giornata dedicata ai miglioramenti competitivi , l’ammontare totale delle offerte ha raggiunto quota 4.740.642.258,00 euro.

Così come successo nella giornata di Venerdì 21 Settembre 2018, anche oggi la competizione è stata agguerrita soprattutto sulla banda 3700 MHz: grazie ai rilanci delle società, su questa frequenza le offerte hanno superato il miliardo di euro per ciascuno dei lotti di ampiezza pari ad 80 MHz.

L’ammontare complessivo della banda 3700 MHz è in questo momento pari a 2.537.040.000,00 euro, che supera così, da sola, l’introito minimo fissato nella Legge di Bilancio.

Martedì 25 Settembre 2018, dalle ore 09:30 si continuerà con una nuova giornata dedicata ai miglioramenti competitivi, e potrebbe essere quella giusta per toccare la quota totale di 5 miliardi di euro, il doppio rispetto al minimo previsto dal Ministero.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale Telegram di MondoMobileWeb. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.