LexFoniaPosteMobileReti e Frequenze

PosteMobile, trasparenza tecnica: le info nel prospetto sulle prestazioni delle offerte

PosteMobile, operatore virtuale di PostePay attivo su rete mobile Vodafone, nei mesi scorsi ha inserito sul suo sito web le informazioni per la cosiddetta trasparenza tecnica, attraverso un prospetto con cui è possibile verificare le caratteristiche tecniche delle offerte, come le velocità massime stimate di 2G e 4G, l’eventuale presenza di limitazioni alla velocità del traffico dati per alcune offerte e il supporto al VoLTE.

Da alcuni mesi, infatti, anche sul sito di PosteMobile è stata inserita una sezione dedicata con cui l’operatore virtuale si è adeguato alla delibera AGCOM 23/23/CONS, annunciata dall’Autorità il 13 Febbraio 2023 dopo l’approvazione dell’8 Febbraio 2023.

Attraverso questa delibera, pubblicata sul sito dell’AGCOM il 28 Febbraio 2023l’Autorità ha approvato il Testo unico di revisione e semplificazione degli indicatori di qualità (Key Performance Indicators, o KPIs) del servizio mobile, riallineando la regolamentazione alle nuove tecnologie, fra cui il 5G, nonché al nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche.

Come già raccontato nel dettaglio da MondoMobileWeb, in particolare, in base a quanto stabilito dall’Articolo 4 della delibera 23/23/CONS, gli operatori di telefonia mobile devono pubblicare sul proprio sito web e rendere disponibile all’utente, prima della conclusione del contratto, un prospetto che riporti, per ciascuna offerta commerciale inclusiva di accesso a internet, le informazioni relative a copertura, a velocità massima stimata per le varie tecnologie, velocità pubblicizzata, supporto del VoLTE e altre caratteristiche tecniche seguendo il modello riportato nell’Allegato 1 alla delibera.

Come si è adeguato PosteMobile alle disposizioni sulla trasparenza tecnica

Per quanto concerne PosteMobile, ormai da diversi mesi all’interno della pagina “Per il Consumatore” dedicata alle offerte di rete mobile, raggiungibile tramite il link “Consumatori” presente in fondo al portale dell’operatore, è stata aggiunta la nuova voce denominata “ALLEGATI AI SENSI DELLA DELIBERA N. 23/23/CONS ‘INFORMAZIONI RELATIVE ALLE PRESTAZIONI DELLE OFFERTE DI ACCESSO A INTERNET’”.

Cliccando su questa opzione, viene riportata la seguente descrizione: “Ai sensi della delibera n. 23/23/CONS puoi consultare gli allegati contenenti le informazioni relative alle prestazioni delle offerte di accesso ad internet rese disponibili da PostePay”.

In questa descrizione è presente il link che riporta alla pagina dedicata dal titolo “Allegati alla delibera n. 23/23/CONS All. 1 Informazioni relative alle prestazioni delle offerte di accesso a Internet”.

Questa è proprio la sezione dedicata dove sono presenti le informazioni di trasparenza tecnica in linea con le nuove normative AGCOM per le offerte PosteMobile attualmente in commercio.

In questo caso, è presente un unico prospetto valido per tutte le offerte PosteMobile, sia per Privati e Professionisti che per Aziende.

Quali sono le informazioni inserite dall’operatore nella pagina dedicata

Nel dettaglio, il prospetto di trasparenza tecnica delle offerte PosteMobile riporta come prima voce il nome commerciale dell’offerta, dove come già accennato sono presenti le denominazioni delle principali offerte dell’operatore, suddivise in “Privati e Professionisti” e in “Aziende”.

Per quanto riguarda ad esempio le offerte per Privati e per Professionisti, attualmente sono riportate le offerte Creami EXTRA WOW 50×2, Creami EXTRA WOW 150, PosteMobile Super 20, Creami EXTRA WOW 300, 300% Digital, Creami EXTRA WOW 200, Postepay Connect Back 200, Postepay Connect Back 200 annuale, Postepay Connect 12 mesi, PosteMobile Super Ricarica, PosteMobile Unica New, 6 x Tutti, Creami EXTRA WOW 50, PM Ufficio Infinito (per SOHO AZ), Opzione Mobile 3GB, Opzione Mobile 10GB, Opzione Mobile 30GB, Opzione Internet 100 Ore, Opzione Internet 30 Ore.

La successiva voce del prospetto di PosteMobile riguarda la copertura per le diverse tecnologie, dove è presente semplicemente il link ad una pagina del sito Vodafone in cui è possibile consultare la mappa di copertura interattiva (ecco il link diretto), per verificare la copertura solo per le reti 2G e 4G.

Si ricorda infatti che PosteMobile è un operatore virtuale Full MVNO di proprietà di PostePay (Gruppo Poste Italiane), attualmente attivo su rete Vodafone in 2G, 4G e 4G+ (con un contratto recentemente prorogato fino a fine 2028).

Con il passaggio alla rete Vodafone, i clienti PosteMobile non possono più utilizzare la tecnologia 3G, dismessa da Vodafone a inizio 2021, come già successo ai già clienti PosteMobile ESP e tutti i clienti Vodafone e degli operatori virtuali sotto lo stesso operatore di rete.

A seguire, il prospetto di trasparenza tecnica dell’operatore virtuale riguarda le velocità massime stimate della connessione per le diverse tecnologie.

PosteMobile afferma che la velocità massima di connessione in 4G+ è di 300 Mbps in download e 50 Mbps in upload, in 4G pari a 150 Mbps in download e 50 Mbps in upload, mentre su rete 2G è pari a 1 Mbps (Edge) o 200 Kbps (GPRS) in download e circa 60 Kbps in upload.

In ogni caso, in questo sezione l’operatore sottolinea che la velocità di connessione “dipende comunque dal grado di congestione della rete, dalla copertura di zona, dal terminale utilizzato, dal sistema operativo e dal browser utilizzato, dal numero di richieste alla pagina web visitata e dalle caratteristiche del server nel quale la pagina è ospitata”.

Il punto successivo nella pagina di trasparenza tecnica di PosteMobile è relativo alle velocità pubblicizzate della connessione, in cui viene indicato il limite pubblicizzato dall’operatore, ossia che la velocità massima di connessione in 4G+ è 300 Mbps e in 4G è 150 Mbps.

Per quanto riguarda invece le eventuali misure applicate in rete con impatti sulla velocità di connessione ad Internet, nel prospetto di trasparenza tecnica viene riportato che “PostePay, in qualità di operatore virtuale, non applica misure in rete con impatti sulla velocità di connessione ad Internet”, per cui l’operatore virtuale dichiara di non attuare questi meccanismi.

Allo stesso modo, anche al punto dedicato all’eventuale disponibilità di meccanismi di QoS (Quality of Service), viene riportato che “PostePay non applica meccanismi di prioritizzazione del traffico che possano avere impatti sulle velocità raggiungibili dagli utenti finali per la specifica offerta”.

Il prospetto di trasparenza tecnica delle offerte PosteMobile prosegue poi con la voce dedicata al supporto del servizio VoLTE (Voice over LTE), che permette di effettuare e ricevere chiamate su rete 4G.

A questo proposito, PosteMobile sottolinea che la tecnologia VoLTE è disponibile (attivata a partire dall’estate del 2022) e che per utilizzare il servizio è necessario uno smartphone compatibile con questa tecnologia, invitando a consultare la pagina dedicata per conoscere la lista dei modelli abilitati e altre informazioni.

Infine, la pagina di trasparenza tecnica di PosteMobile si chiude con le voci “Antivirus, firewall”, dove viene indicato che “PostePay non offre direttamente queste prestazioni ma l’utente può liberamente acquistarle dal mercato se lo ritiene opportuno”, e Assistenza tecnica, dove è presente il link alla pagina del sito PosteMobile in cui sono riportati i contatti con i numeri di assistenza dell’operatore.

Seguici su Telegram

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram.

Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.