Tech 5G e IoTTrasformazione Digitale

#ROMA5G, al via la realizzazione del progetto: contratto di concessione con Boldyn Networks

Oggi, 12 Dicembre 2023, il fornitore di tecnologie wireless Boldyn Networks, insieme ai suoi partner IFM S.p.A., Unidata S.p.A. e Cecchini S.r.l., ha annunciato di aver firmato un accordo di concessione con il Comune di Roma, per la realizzazione del progetto #ROMA5G.

Il progetto, in particolare, prevede la costruzione, gestione, conduzione e manutenzione di un’infrastruttura 5G e WiFi in tutta la Capitale, che fornirà servizi di connettività avanzata nei luoghi più frequentati della Città, con l’obiettivo di aumentare la sicurezza pubblica e abilitare nuovi servizi intelligenti.

L’infrastruttura che verrà realizzata nell’ambito di #ROMA5G sarà aperta a tutti gli operatori del settore, con cui Boldyn Networks, ha affermato la società, collaborerà per portare benefici ai cittadini e ai turisti che andranno a visitare Roma, confermando l’importanza del mercato italiano per l’espansione di Boldyn in Europa.

L’iniziativa, si legge in una nota, è coerente con la visione del Sindaco Roberto Gualtieri di rendere la Capitale, con i suoi 3 milioni di abitanti, una Smart City connessa, digitale e sostenibile, allo scopo di renderla tecnologicamente pronta ad accogliere i circa 32 milioni di visitatori attesi per le celebrazioni del Giubileo 2025. Un dato che si aggiunge ai circa 15 milioni di turisti che Roma accoglie ogni anno.

Come indicato sul sito del Comune di Roma, lo stesso Sindaco Gualtieri, nella giornata di oggi, 12 Dicembre 2023, ha illustrato il progetto in Campidoglio (ecco il documento di sintesi della presentazione), affiancato dal Direttore Generale di Roma Capitale Paolo Aielli e dal CEO di Boldyn Networks Italy Antonino Ruggiero.

Di seguito, le parole di Roberto Gualtieri, Sindaco di Roma, che ha dichiarato:

Siamo orgogliosi di poter sancire la partenza di uno dei progetti strategicamente più rilevanti per il futuro di Roma Capitale. La collaborazione con Boldyn Networks permetterà la creazione di una rete tecnologica di nuova generazione 5G e Wi-Fi per abilitare i servizi digitali più avanzati.

Grazie a questo progetto, Roma diventerà una delle Smart City più avanzate d’Europa. Permetteremo inoltre alla città di ottenere una riduzione delle emissioni elettromagnetiche, sfruttando una tecnologia neutrale e aperta a tutti gli operatori mobili.

Questa, invece, la dichiarazione di Andrew McGrath, Group Chief Commercial Officer di Boldyn Networks, che ha affermato:

Siamo onorati di portare l’esperienza di operatore host neutrale di Boldyn Networks in questo progetto importante e all’avanguardia, che permette di realizzare la visione del comune andando verso una Smart City moderna.

Grazie alla collaborazione con gli operatori di telefonia mobile, il progetto #Roma5G apre molte possibilità a beneficio di tutti i cittadini e i visitatori di Roma per gli anni a venire. Il progetto #Roma5G testimonia l’importanza del mercato italiano per l’espansione di Boldyn in Europa.

I lavori per il progetto #ROMA5G verranno avviati a partire dalle prossime settimane, ovvero ad inizio 2024, e saranno realizzati, come spiegato da Boldyn Networks, nel segno della sicurezza e della sostenibilità ambientale, essendo il progetto basato su sistemi di Small Cells, una soluzione che prevede ridotti consumi energetici ed emissioni elettromagnetiche inferiori rispetto alle antenne tradizionali.

Per la realizzazione del progetto, come già spiegato, è stato firmato un contratto di concessione, per un valore di oltre 97 milioni di euro, dei quali 20 milioni di euro di provenienza pubblica, che stabilisce la creazione di un partenariato pubblico privato con Boldyn Networks, la società che si è aggiudicata l’appalto lo scorso Agosto 2023.

Impegnata a colmare il digital divide attraverso la collaborazione con partner di settore, con un focus particolare sui partenariati pubblico privati, Boldyn Networks, ha già realizzato soluzioni avanzate di rete condivisa in diverse città del mondo, come New York, Londra, Los Angeles, San Francisco e Hong Kong.

In questo contesto, il progetto #ROMA5G si unisce alla partecipazione della società statunitense al progetto LinkNYC, alla partnership a lungo periodo con Transport for London e al coinvolgimento nello sviluppo della Smart City di Sunderland.

Nel dettaglio, l’iniziativa per la realizzazione dell’infrastruttura 5G e WiFi che servirà la Capitale prevede, tra le altre cose, la copertura di tutte le linee della metro (A, B, C) e in particolare di 83 stazioni e 68 km di gallerie, in tutte le bande di frequenza per i servizi 4G e 5G.

Inoltre, include lo sviluppo di un’infrastruttura passiva, basata su tecnologia Small Cells, per la copertura 5G in underlay di tutta la Città, con 2.200 punti di propagazione del segnale ed abilitata ad ospitare tutti gli tutti gli operatori di mercato, sia pubblici che privati.

Il progetto contempla anche la realizzazione della rete Free WiFi proposta da Roma Capitale, che prevede circa 850 punti di presenza distribuiti in 100 piazze, comprese le vie adiacenti, ad alta densità di flussi turistici, nonché la fornitura, installazione e gestione di circa 1800 sensori IoT (Internet of Things) e di 2000 telecamere 5G ad alta risoluzione, per lo sviluppo di soluzioni Smart City di gestione e controllo del territorio.

Il cronoprogramma, così come descritto sul sito del Comune di Roma, prevede la posa della fibra in 100 piazze e il completamento della rete 5G sulle fermate lungo il percorso giubilare della Metro A entro la fine del 2024, mentre le altre fermate saranno coperte entro Giugno 2025.

Per quanto riguarda la Metro B, i lavori saranno realizzati per il 50% entro il 2024, per il 75% entro Giugno 2025 e poi finiti entro Dicembre 2025. Per la Metro C, invece, il 50% della rete verrà completato entro Giugno 2025 e poi il 75% entro Dicembre 2025 e il 100% entro Giugno 2026.

Per Giugno 2025 saranno inoltre completati i servizi WiFi sulle 100 piazze, così come l’installazione dei sensori IoT e delle telecamere, di cui il 75% sarà già operativo per il Giubileo. I lavori per le Small Cells, infine, si completeranno in vari passaggi intermedi, fino al 2027.

Il progetto #ROMA5G, che prevede una concessione di 25 anni, a detta di Boldyn Networks porterà numerosi benefici, ad iniziare dalla piena connettività in tutti i punti nevralgici della Capitale, integrandosi con l’estetica della Città e con le infrastrutture esistenti.

L’iniziativa, dunque, ha l’obiettivo di proiettare Roma verso un percorso che la renderà una Smart City, includendo anche un’aumento della sicurezza pubblica grazie ai sistemi di videosorveglianza e l’abilitazione del portafoglio di servizi digitali forniti da Roma Capitale, che comprendono, oltre alla già citata rete WiFi Free, anche sensori di controllo ambientale nei punti di maggior traffico.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.