TLC nel MondoVodafone

Vodafone Spagna sarà venduta a Zegona: stipulati accordi vincolanti

Oggi, 31 Ottobre 2023, Vodafone Group ha annunciato di aver stipulato degli accordi vincolanti per la vendita delle sue attività in Spagna, che saranno cedute a Zegona Communications per un corrispettivo destinato all’operatore rosso fino a 5 miliardi di euro.

In particolare, al termine dell’operazione, la cui chiusura è prevista entro la prima metà del 2024, per la vendita di Vodafone Spagna la società di telecomunicazioni riceverà un corrispettivo pari a 4,1 miliardi di euro in contanti e fino a 0,9 miliardi di euro sotto forma di Azioni Privilegiate Riscattabili (Redeemable Preference Shares, RPS), che verranno riscattate, ha precisato Vodafone, entro 6 anni dalla chiusura dell’operazione di vendita.

Fondata nel 2015 nel Regno Unito e guidata dagli ex dirigenti di Virgin Media Eamonn O’Hare e Robert Samuelson, Zegona Communications è una società di investimenti attiva nel mercato europeo delle telecomunicazioni, dei media e della tecnologia, ammessa al segmento di quotazione standard dell’Official List e alla negoziazione sul Main Market della Borsa di Londra.

Secondo quanto riportato dall’operatore telefonico, Zegona ha a disposizione strutture di debito impegnate fino a 4,2 miliardi di euro per soddisfare il corrispettivo in contanti, e intende raccogliere capitale attraverso il collocamento di nuove azioni prima del completamento dell’acquisizione di Vodafone Spagna.

Nella misura in cui l’aumento di capitale di Zegona superi i 400 milioni di euro, il 50% di tale eccedenza sarà pagato a Vodafone in contanti al completamento dell’operazione, con la conseguente riduzione del numero di RPS ricevute.

Queste RPS saranno emesse a Vodafone da una cosiddetta FinCo, appositamente costituita, il cui unico scopo sarà quello di riscattare le azioni privilegiate entro un tempo previsto di 6 anni dopo il completamento dell’operazione.

La nuova FinCo, denominata EJLSHM Funding Limited, sottoscriverà in particolare nuove azioni ordinarie di Zegona per un importo equivalente a quello di RPS sottoscritto da Vodafone, tenendo conto del previsto aumento di capitale di Zegona.

A discrezione della FinCo, ha spiegato Vodafone, le RPS potranno essere pagate in contanti o maturare un dividendo composto, a un tasso fisso del 5% per ciascuno dei primi 3 anni, con uno step fino al 10% nel quarto anno, uno step fino al 12,5% nel quinto anno e al 15% successivamente.

Le azioni detenute dalla FinCo avranno pari grado con le azioni ordinarie esistenti di Zegona e con quelle che saranno emesse ai sensi dell’aumento di capitale della società. La FinCo, inoltre, si impegnerà a non esercitare il proprio diritto di voto in Zegona.

Di seguito, le parole di Margherita Della Valle, CEO di Vodafone Group, che ha dichiarato:

La vendita di Vodafone Spagna è un passo fondamentale nel ridimensionamento del nostro portafoglio per la crescita e ci permetterà di concentrare le nostre risorse in mercati con strutture sostenibili e una sufficiente scala locale.

Vorrei ringraziare tutto il nostro team in Spagna per la dedizione ai nostri clienti e per l’incessante determinazione a migliorare la nostra performance organica. Tuttavia, il mercato è stato difficile, con rendimenti strutturalmente bassi.

La mia priorità è creare valore attraverso la crescita e il miglioramento dei profitti. Dopo la transazione recentemente annunciata nel Regno Unito, la Spagna è il secondo dei nostri mercati più grandi in Europa in cui stiamo intervenendo per migliorare la competitività e le prospettive di crescita del Gruppo.

Contestualmente all’operazione di vendita, Vodafone ha stipulato un ulteriore accordo con Zegona, che prevede la fornitura, da parte dell’operatore, di alcuni servizi a Vodafone Spagna per un costo totale annuo di circa 110 milioni di euro.

Vodafone e Zegona, oltretutto, stipuleranno un accordo di licenza che consentirà l’uso del marchio Vodafone in Spagna per un massimo di 10 anni a seguito della chiusura della cessione. Nell’ambito dell’operazione, le due società sottoscriveranno anche altri accordi transitori e a lungo termine per i servizi, tra cui l’accesso agli appalti, l’IoT, il roaming e i servizi di carrier.

In questo modo, ha fatto sapere l’operatore, Vodafone continuerà a mantenere la sua presenza in Spagna, consolidata anche attraverso il Centro Europeo di Ricerca e Sviluppo presente a Málaga.

La chiusura dell’operazione di vendita, come già accennato, è prevista per la prima metà del 2024, subordinata in ogni caso all’ottenimento delle autorizzazioni normative e di alcune approvazioni da parte degli attuali azionisti di Zegona.

A detta di Vodafone, al 31 marzo 2023, Vodafone Spagna ha registrato un patrimonio lordo di 7,6 miliardi di euro, generando una perdita in 12 mesi di 383 milioni di euro.

Per Vodafone, l’operazione di vendita delle sue attività in Spagna avrà un effetto leggermente accrescitivo sull’utile per azione rettificato, nonché un effetto diluitivo sul flusso di cassa libero.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.