iliadLexFoniaSpot e Comunicazione

Iliad, dal Giurì stop alla pubblicità sul premio Opensignal: il commento dell’operatore

Il Giurì della Pubblicità, dopo la segnalazione di alcuni altri operatori, ha ordinato la cessazione di un nuovo spot di Iliad, questa volta quello che negli ultimi mesi ha pubblicizzato il riconoscimento assegnato da Opensignal per la disponibilità della rete mobile di Iliad durante il terzo trimestre del 2022, in quanto alcuni claim sono stati ritenuti ingannevoli. Iliad ha subito risposto alla pronuncia con un commento ufficiale.

Il Giurì, l’organo dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) che si occupa di giudicare la comunicazione commerciale su domanda del Comitato o delle aziende, ha infatti pubblicato oggi, 1° Marzo 2023, sul sito ufficiale di IAP, la pronuncia numero 6,7/2023 di ieri, 28 Febbraio 2023, che riguarda quindi la pubblicità di Iliad Italia.

In questo caso, le segnalazioni al Giurì della Pubblicità contro Iliad Italia sono arrivate da parte di WINDTRE, Vodafone Italia e TIM (ad adiuvandum).

Non è la prima volta che Iliad Italia viene segnalata da altri operatori al Giurì della Pubblicità per la sua comunicazione commerciale, ricevendo quasi sempre pareri negativi da parte del Giurì, fra cui lo scorso anno lo stop al primo spot TV dell’offerta Fibra Iliadbox e più di recente la cessazione di alcuni messaggi veicolati tramite affissioni e sul web.

I claim dello spot di Iliad segnalati al Giurì della Pubblicità

In questo caso, i messaggi pubblicitari di Iliad contestati da WINDTRE, Vodafone e TIM riguardano una campagna pubblicitaria sulla rete mobile Iliad, veicolata tramite TV, affissione e sul sito web dell’operatore.

In particolare, come riportato nel dispositivo della pronuncia del Giurì, i messaggi contestati sono: “Iliad ha sempre campo”“Fidati di Manuel che di rete se ne intende”“1° operatore in Italia per disponibilità di rete mobile”.

Tutti questi claim sono presenti nello spot TV di Iliad messo in onda a partire da fine Dicembre 2022, uno degli episodi della campagna pubblicitaria “Fidati di chi ce l’ha”, lanciata dal 20 Marzo 2022 e che sostanzialmente invita a fidarsi dei clienti che hanno già scelto l’operatore e non di eventuali testimonial che potrebbero promuovere Iliad.

Lo spot, in cui la voce fuori campo afferma “te lo potrebbe dire il fuoriclasse”, vede inizialmente protagonista un calciatore, che nel contesto di una ipotetica pubblicità per l’operatore afferma “Iliad ha sempre campo”, ma la voce fuori campo dice “non fidarti”.

A questo punto la voce fuori campo interviene nuovamente, accompagnata dalla colonna sonora che è “Get Up” di Chinese Man, invitando invece a fidarsi di Manuel, un pescatore (che rappresenta un cliente Iliad) che “di rete se ne intende”.

Lo spot a questo punto, oltre a promuovere l’offerta Flash 120 a 7,99 euro al mese che era disponibile durante le festività natalizie, pubblicizza anche il riconoscimento ottenuto nel Mobile Network Experience Report di Opensignal, lo studio che analizza l’esperienza sulle reti mobili dei principali operatori italiani, pubblicato a fine Novembre 2022 e riguardante i dati raccolti dall’app Opensignal dal 1° Luglio al 28 Settembre 2022, quindi nel corso del terzo trimestre del 2022.

lo stesso spot TV è andato in onda anche durante gli spazi pubblicitari di Sanremo 2023, in quel caso pubblicizzando l’attuale offerta Giga 150 a 9,99 euro al mese, oltre al riconoscimento di Opensignal.

Si ricorda infatti che Iliad, oltre ad aver condiviso con TIM il premio 5G Voice App Experience, ha ottenuto da Opensignal anche un secondo riconoscimento, questa volta in solitaria, relativo alla copertura, vincendo il premio di disponibilità (Availability), cioè la percentuale di tempo in cui gli utenti Opensignal sono stati connessi ad una rete 3G, 4G, o 5G del proprio operatore.

Secondo i dati di Opensignal, nel terzo trimestre 2022 Iliad ha ottenuto il primato con il 98,6% del tempo, superando WINDTRE (98,7%), Vodafone (96,7%) e TIM (95,3%).

Per questo motivo, alla fine dello spot TV Iliad ha inserito la dicitura “1° operatore in Italia per disponibilità di rete mobile”, accompagnata dal logo di Opensignal.

Lo stesso è stato fatto anche con un banner dedicato presente nella home page del sito ufficiale Iliad, che riporta sostanzialmente la stessa grafica con l’invito a consultare il report completo sul sito di Opensignal. Questo stesso banner compare anche nella sezione “Perchè Iliad?” del sito ufficiale dell’operatore.

banner Opensignal Iliad Giurì della Pubblicità

La pronuncia del Giurì

Il Giurì della Pubblicità, dopo aver esaminato le segnalazioni e in seguito alla discussione fra le parti, nella giornata di ieri 28 Febbraio 2023, ha pronunciato la seguente decisione:

Il Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, dichiara che la pubblicità esaminata è in contrasto con l’articolo 2 del Codice e ne ordina la cessazione.

Per il momento, sul sito di IAP è disponibile soltanto il dispositivo della decisione presa dal Giurì della Pubblicità, ma si attende nei prossimi giorni la pubblicazione dei dettagli della pronuncia.

Quindi, il Giurì ha ordinato ad Iliad la cessazione dei messaggi pubblicitari relativi alla pubblicità sul riconoscimento per la rete mobile assegnato da Opensignal, ma non si conoscono ancora le motivazioni che hanno portato a dichiarare ingannevoli i claim degli spot TV e del sito web poiché in contrasto con l’Articolo 2 del Codice di Autodisciplina.

Si ricorda che l’Articolo 2 del Codice dell’Autodisciplina Pubblicitaria italiana, sulla comunicazione commerciale ingannevole, stabilisce che le aziende debbano evitare nella propria comunicazione commerciale ogni dichiarazione o rappresentazione tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche, specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto, il prezzo, la gratuità, le condizioni di vendita, la diffusione, l’identità delle persone rappresentate, i premi o i riconoscimenti.

La posizione ufficiale di Iliad Italia

In seguito all’udienza in cui il Giurì della Pubblicità si è pronunciato contro Iliad, l’operatore ha subito commentato l’accaduto. Di seguito la nota ufficiale di Iliad Italia inviata a MondoMobileWeb:

Rispettiamo lo IAP. Restiamo convinti di aver operato in buona fede, dal momento che è un dato di fatto il premio ricevuto da Opensignal.

Allo stesso modo, anche la nostra trasparenza è e resta un fatto, come dimostrano: l’altissimo tasso di soddisfazione dei nostri utenti, 97%; il bassissimo tasso di conciliazioni, poche centinaia l’anno e in continua diminuzione non solo rispetto all’aumento dei nostri utenti, ma anche in valore assoluto; infine, la continua crescita dei nostri utenti.

Sono indicazioni concrete e incontestabili del fatto che evidentemente gli utenti che ci scelgono, anche grazie alle nostre pubblicità, trovano nei nostri servizi quello che effettivamente pubblicizziamo.

Dunque, pur rispettando la decisione del Giurì, Iliad Italia si dice convinta di aver operato in buona fede in merito alla promozione del premio assegnato da Opensignal.

L’operatore sottolinea poi alcuni dati, come il tasso di soddisfazione dei clienti, il basso tasso di conciliazioni (poche centinaia l’anno e in diminuzione) e la crescita costante del numero di utenze, che secondo Iliad indicano che i clienti, acquisiti anche grazie alle campagne pubblicitarie, troverebbero nei suoi servizi quanto pubblicizzato.

Per rimanere aggiornato sulle novità della telefonia unisciti al canale @mondomobileweb di Telegram. Seguici anche su Google News, Facebook, X e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Caro Lettore, grazie per essere qui. Ti informo che con un blocco degli annunci attivo chi ci sostiene non riesce a mantenere i costi di questo servizio gratuito. La politica è di non adottare banner invasivi. Aggiungi mondomobileweb.it tra le esclusioni del tuo Adblock per garantire questo servizio nel tempo.