Rimodulazioni TariffarieWindTreWindTre Fisso
Prima Notizia

WINDTRE, nuova clausola ISTAT: da Gennaio 2024 aumento dei prezzi in base all’inflazione

WINDTRE ha inserito nei nuovi contratti di rete fissa e di rete mobile una nuova clausola sull’adeguamento dei prezzi in base all’inflazione, che permetterà all’operatore a partire da Gennaio 2024 di aumentare i prezzi ai clienti, senza concedere il diritto di recesso, in caso di aumento dell’indice dei prezzi al consumo di ISTAT.

La novità con cui l’operatore di fatto indicizza i prezzi all’inflazione è presente per tutti i nuovi contratti WINDTRE, sia di rete fissa che di rete mobile, sottoscritti da oggi, 21 Novembre 2022.

WINDTRE aveva evocato questa misura, richiedendola all’AGCOM, già nel mese di Giugno 2022: infatti, in riferimento alla richiesta di TIM di legare all’inflazione le tariffe wholesale per l’affitto della sua rete fissa, l’operatore aveva chiesto di aumentare in automatico ai clienti finali le tariffe telefoniche in base all’inflazione, specificando proprio che in questo caso i clienti non avrebbero potuto invocare il diritto di recesso senza costi o penali.

Più di recente, anche TIM, oltre che per le tariffe wholesale, ha annunciato che entro la fine del 2022 inserirà questa clausola per indicizzare i prezzi all’inflazione anche per i nuovi clienti finali.

L’inserimento della clausola sul sito WINDTRE

Da oggi, sul sito WINDTRE, l’operatore ha quindi inserito nei dettagli di tutte le sue offerte il riferimento alla nuova clausola ISTAT, valida solo per le nuove attivazioni.

In particolare, nei dettagli delle offerte mobile si legge: “CLAUSOLA ISTAT. Da gennaio 2024, in caso di variazione annua positiva dell’indice nazionale dei prezzi al consumo FOI rilevata da ISTAT nel mese di ottobre dell’anno precedente, WINDTRE ha titolo di aumentare entro il primo trimestre dell’anno il prezzo mensile del Servizio di un importo percentuale pari alla variazione di tale indice o comunque pari almeno al 5%, senza che ciò comporti diritto di recesso senza costi dal Contratto come meglio descritto nelle Condizioni Generali di Contratto”.

Per quanto riguarda invece le offerte di rete fissa WINDTRE, la nota è la seguente: “Adeguamenti: Da gennaio 2024, in caso di variazione annua positiva dell’indice nazionale dei prezzi al consumo FOI rilevata da ISTAT nel mese di ottobre dell’anno precedente, WINDTRE ha titolo di aumentare entro il primo trimestre dell’anno il prezzo mensile del Servizio di un importo percentuale pari alla variazione di tale indice o comunque pari almeno al 5%. L’adeguamento non costituisce una modifica contrattuale ai sensi dell’art. 13 delle Condizioni Generali di Contratto e, pertanto, non conferisce al Cliente diritto di recesso senza costi dal Contratto. Per ulteriori dettagli verifica le Condizioni Generali di Contratto”.

WINDTRE ha quindi aggiornato le Condizioni Generali di Contratto sia per i servizi di telefonia fissa che per quelli di rete mobile, con cui introduce questa nuova clausola ISTAT sugli adeguamenti di prezzo in base all’inflazione.

Al momento, sul sito WINDTRE è presente soltanto il documento aggiornato a Novembre 2022 delle condizioni contrattuali dei servizi di telefonia fissa, dove in questo caso è stato modificato l’Articolo 11 con l’inserimento della spiegazione di come funziona nel dettaglio l’indicizzazione dei prezzi all’inflazione, meccanismo che sarà il medesimo anche per i servizi di telefonia mobile.

In ogni caso, i documenti di sintesi contrattuale delle nuove offerte mobile lanciate da oggi, 21 Novembre 2022, hanno già recepito la novità e indicano la presenza della clausola ISTAT sull’adeguamento dei prezzi in base all’inflazione.

ISTAT inflazione WINDTRE

Come funziona il meccanismo di indicizzazione dei prezzi all’inflazione 

In dettaglio, nell’Articolo 11 delle condizioni contrattuali dei servizi di telefonia fissa di WINDTRE, che in precedenza era dedicato soltanto a corrispettivi, fatturazione e pagamenti, al punto 11.1 è stata inserita la seguente specifica in merito all’adeguamento dei prezzi in base all’indice ISTAT:

[…] Il Cliente prende atto e accetta che, da gennaio 2024, in caso di variazione annua positiva dell’indice nazionale dei prezzi al consumo FOI rilevata da ISTAT nel mese di ottobre dell’anno precedente, WINDTRE ha titolo di aumentare il prezzo mensile del Servizio di un importo percentuale pari alla variazione di tale indice o comunque pari almeno al 5% ove tale variazione fosse inferiore a detta percentuale.

L’adeguamento, applicato entro il primo trimestre di ciascun anno, non costituisce una modifica contrattuale ai sensi dell’art. 13 delle presenti Condizioni di Contratto e, pertanto, non conferisce al Cliente diritto di recesso senza costi dal Contratto. L’importo del prezzo mensile del Servizio, così adeguato, potrà essere arrotondato per difetto al centesimo di euro.

WINDTRE segnala annualmente tale adeguamento sul proprio sito Internet e con pubblicazione su un quotidiano nazionale nei sette giorni solari precedenti.

Dunque, secondo quanto viene specificato dall’operatore, l’adeguamento dei prezzi non avverrà da subito, ma solo a partire da Gennaio 2024.

L’adeguamento dei prezzi sarà effettuato in caso di variazione annua positiva dell’indice nazionale dei prezzi al consumo FOI (Famiglie di Operai e Impiegati) rilevata da ISTAT nel mese di Ottobre dell’anno precedente.

In questo caso, WINDTRE potrà così aumentare il prezzo mensile dell’offerta sottoscritta di un importo percentuale pari alla variazione dell’indice ISTAT o comunque pari almeno al 5%, nel caso in cui la variazione fosse inferiore al 5%, e l’adeguamento sarà effettuato entro il primo trimestre di ciascun anno.

L’importo del prezzo mensile delle offerte WINDTRE, adeguate in base all’inflazione, potrà essere arrotondato per difetto al centesimo di euro.

Come specificato dall’operatore, l’adeguamento dei prezzi in base alle variazioni dell’indice dei prezzi al consumo di ISTAT non sarà considerata una modifica contrattuale, che nel caso dei servizi di rete fissa è regolata dall’Articolo 13.1 delle condizioni contrattuali (mentre nei contratti di telefonia mobile è l’Articolo 2.4), per cui i clienti non potranno esercitare il diritto di recesso senza costi o penali come invece prevedono normalmente le modifiche unilaterali di contratto.

WINDTRE si impegna a comunicare ogni anno l’adeguamento dei prezzi delle sue offerte sia attraverso il suo sito ufficiale che con la pubblicazione su un quotidiano nazionale nei sette giorni solari precedenti.

Si ringraziano Andrea, Antonio, Davide, Emanuele, Laura, Nicola e Simone per le prime segnalazioni.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button