Reti 5GTim

Tim rete 5G: aggiunte 3 nuove località tra i comuni coperti dall’operatore

Nella giornata di ieri, 25 luglio 2022, Tim ha aggiornato la lista dei comuni coperti dalla sua rete 5G, aggiungendo tre nuove località a quelle che, tramite la tecnologia dall’operatore, possono navigare ad una velocità fino a 2 Gbps.

Le città e le aree elencate di seguito, infatti, sono quelle attualmente presenti sul sito ufficiale di Tim. In alcune zone di altre città non presenti nella lista, comunque, la rete 5G dell’operatore potrebbe risultare già attiva anche se ancora non ufficializzata.

In ogni caso, la presenza in elenco di una determinata città non implica automaticamente che tutto il suo territorio comunale sia raggiunto dal 5G. La copertura, dunque, potrebbe riguardare solo alcune specifiche zone.

Tim, in particolare, suddivide le località coperte dal 5G in tre differenti liste, ovvero: città in 5G, località turistiche in 5G e altre località in 5G, in cui sono presenti principalmente i piccoli comuni.

Con il nuovo aggiornamento, è rimasto invariato il numero delle principali città coperte dalla rete 5G di Tim, che sono rimaste 20, cioè Roma, Milano, Torino, Firenze, Napoli, Benevento, Ferrara, Bologna, Genova, Verona, Ivrea, Brescia, Monza, Salerno, Bolzano, Caserta, Rovigo, Padova, Bari e Nuoro.

Non è stata aggiunta alcuna nuova località anche tra quelle turistiche, che rimangono a quota 10 e sono: Sanremo, Cortina d’Ampezzo, Livigno, Selva di Val Gardena, Portovenere, Courmayeur, Portofino, Porto Empedocle, Rimini e Sirmione.

Rispetto al precedente aggiornamento, invece, nella lista delle altre località 5G sono state aggiunti 3 nuovi comuni, ossia Bitritto, Deliceto e Lioni.

Questi si aggiungono ad un elenco che comprendeva già: Villadossola, Bonate Sopra, Busalla, Venaria Reale, Beinasco, Baranzate, Paderno d’Adda, San Martino Siccomario, San Vincenzo, Cascinette d’Ivrea, Gessate, Vedano al Lambro, Villarosa, Conversano, Domodossola, Ospedaletto d’Alpinolo, Summonte, Trontano, Castel Goffredo, Mussomeli, Atripalda, Pizzo, Vallo della Lucania, Calitri, Montano Lucino, San Gregorio Magno, Castel Morrone, Grandate, Antrodoco, Sanza, Boara Pisani, Capriglia Irpina, Auletta, Oriolo, Praiano, Laino Borgo, Sant’Agata di Esaro, Pallanzeno, Cannalonga, Anticoli Corrado, Ferruzzano, Beura – Cardezza, Castel di Tora, Codogno, Colle di Tora, Condofuri, Durazzano, Liberi, Manocalzati, Maserà di Padova, Mercogliano, Nizza Monferrato, Orio al Serio, Osio Sotto, Pero, Rionero in Vulture, San Potito Ultra, Amatrice, Baselice, Bovolenta, Caggiano, Cittareale, Giano Vetusto, Corleto Perticara, Domus de Maria, Laconi, Leonessa, Oschiri, Perdasdefogu, Pernumia, Pertosa, Ricigliano, San Bartolomeo in Galdo, Scano di Montiferro, Vietri di Potenza, Villesse e Due Carrare.

Ad oggi, quindi, i piccoli comuni presenti in lista sono in totale 81, a cui si dovrebbe aggiungere Crosio della Valle, che veniva indicato in precedenza da Tim e che al momento non è più presente sul sito dell’operatore (per un totale di 82 località).

Tim

Tim identifica la propria rete con il termine “Vero 5G“, sottolineando una copertura dotata di velocità e latenza tipiche delle reti di quinta generazione, a differenza del cosiddetto DSS (Dynamic Spectrum Sharing).

La rete di quinta generazione dell’operatore, comunque, sfrutta al momento lo standard 5G Non Standalone (NSA), che significa letteralmente “non autonomo”, poiché si appoggia ancora agli apparati esistenti del 4G, in attesa dello standard Standalone (SA).

Come già raccontato da MondoMobileWeb, sul suo sito TIM dichiara che “Tutti i terminali con tecnologia 5G presenti nel mercato italiano sono compatibili su rete 5G di TIM.

Dunque, secondo quanto scrive l’operatore sul suo sito, per sfruttare la rete 5G di TIM basterà che il proprio smartphone sia venduto nel mercato italiano e che abbia un modem 5G, senza distinzione fra marche e modelli.

La rete 5G di Tim, secondo quanto riportato nella pagina dedicata, raggiunge una velocità di navigazione fino a 2 Gbps in download e fino a 150 Mbps in upload, se ci si trova nelle città coperte dall’operatore.

Tuttavia, negli ultimi documenti di trasparenza tariffaria delle offerte che hanno già inclusa l’abilitazione al 5G, viene riportato che la velocità massima raggiungibile su rete 5G in upload è di 300 Mbps.

Aggiornamento 12 ottobre 2022

TIM ha sistemato un refuso nella lista delle altre località coperte in 5G, in quanto il comune di Giano Vetusto era stato indicato per errore come due località separate (“Giano” e “Vetusto“).

Editing Ileana Gira. Si ringraziano Alessandro e Gabriele per la segnalazione.

Unisciti gratis al canale @mondomobileweb di Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità della telefonia.

Seguici anche su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Condividi le tue opinioni o esperienze nei commenti.

Ti potrebbe interessare

Back to top button