Non solo Telefonia: Catania passa al digitale terrestre


E da poco scoccata la mezzanotte di Martedì 19 giugno ed improvvisamente lo schermo di Rai due, Rai tre, La7, Telejonica e di molte altre tv si colora di neve, che in gergo tecnico significa che è il canale non sta più emettendo segnale. Questa volta però non è un problema temporaneo come capitava in passato, il segnale analogico è stato spento definitivamente per dare spazio al nuovo segnale del digitale terrestre: è iniziato ufficialmente lo Switch off nella città di Catania, mentre nella provincia proseguirà fino ai primi di luglio quando con lo Switch off a Palermo terminerà dopo otto lunghissimi anni la digitalizzazione del segnale terrestre in Italia.
Già nell’arco della giornata alcune emittenti avevano spento il segnale, come nel caso di 7 Gold per consentire alla Rai di lavorare sul mux 1 (E9 Montelauro) dove vengono emessi i canali generalisti.
Così i catanesi si sono risvegliati con una nuova tv, una tv digitale terrestre che offre molti più canali (secondo un ultimo rilevamento di teleradioe.it il sito dedicato al digitale terrestre di Catania che ha seguito in diretta non stop l’evento, alle ore 21.15 aveva “agganciato” 186 canali) più servizi (l’on demand, la pay tv), più opzioni (scelta della lingua, dei sottotitoli, alta definizione e 16/9).
Tutto o quasi è filato liscio, infatti molti cittadini si lamentano principalmente dei problemi rilevati sui mux più importanti quelli dei canali tradizionali di Rai e Mediaset.
Per ricevere i nuovi canali del digitale terrestre e necessario possedere una tv di ultima generazione oppure un decoder esterno collegato alla vecchia tv e poi effettuare una sintonizzazione automatica. In alcuni casi potrebbe essere necessario l’intervento di un’antennista.
Alessandro Nicotra

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.