Reti 5GTim

TIM: Open RAN su rete mobile attivata a Matera. Primo collegamento 5G Open RAN a Torino

TIM prosegue il suo programma di sviluppo di soluzioni Open RAN (Open Radio Access Network) sulla propria rete mobile, in particolare con l’avvio di questa tecnologia anche a Matera, mentre nel laboratorio di Torino è stato realizzato un primo collegamento 5G Open RAN, indipendente dal 4G.

Lo ha reso noto l’operatore nella giornata di oggi, 14 Settembre 2021, ricordando in particolare di essere “unico operatore in Italia e tra i primi in Europa ad aver già avviato un’importante iniziativa infrastrutturale che favorisce il modello di ‘rete aperta’”.

L’obiettivo dichiarato da TIM è quello di “accelerare lo sviluppo dei servizi digitali 5G e Edge Computing attraverso nuove funzionalità, centralizzate e in cloud, a beneficio di cittadini e imprese”.

Dunque, dopo il lancio su Faenza, prima località in cui il Gruppo TIM ha avviato la tecnologia Open RAN, la soluzione è stata attivata anche a Matera, grazie alla collaborazione con Mavenir per le componenti RAN e con MTI per la Radio Unit 4G.

Questa soluzione, messa a punto anche con Dell Technologies, Intel e VMware, consente di disaccoppiare le componenti (hardware e software) della rete di accesso radio, secondo una logica di diversificazione dei fornitori e nell’ottica di favorire un più ampio ecosistema industriale.

Open RAN TIM Torino

Inoltre, presso il TIM Innovation Lab a Torino, è stato effettuato il primo collegamento Open RAN 5G stand alone (ovvero completamente indipendente dal 4G) che come sottolinea l’operatore a breve sarà attivato anche in campo a Matera.

Questa soluzione è stata realizzata sulle frequenze 3.7 GHz della rete 5G di TIM in collaborazione con Mavenir per le funzionalità di rete core e radio, Dell Technologies e Intel per l’infrastruttura e la piattaforma Telco Cloud di VMware per il controllo End-to-End delle funzioni di rete e l’automazione del software.

TIM sottolinea che lo sviluppo di soluzioni Open RAN, in linea con il piano 2021-2023 “Beyond Connectivity”, consente di unire la potenzialità dell’Edge Cloud e dell’Intelligenza artificiale.

Infine, l’operatore ricorda che questa tecnologia permette ai provider di rafforzare gli standard di sicurezza, migliorare le prestazioni della rete e ottimizzare i costi, in modo da fornire servizi digitali sempre più evoluti, come quelli legati alle nuove soluzioni per l’Industry 4.0, alla Smart City e alla guida autonoma.

 

Per ricevere notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button