TelecomunicazioniTelefonia Fissa

Bonus 500 euro per banda ultralarga in Toscana: ecco la lista dei comuni inclusi

Già da alcuni giorni si è aperta la spendibilità per il bonus 500 euro per connettività, tablet o PC voluto dal Governo per ridurre il digital divide. Tra le regioni che prevedono dei limiti c’è anche la Toscana.

Con il progetto voucher entrato nel pieno della sua Fase I, è attiva la spendibilità dei voucher per tutti i beneficiari con reddito ISEE inferiore ai 20.000 euro. Il contributo massimo è di 500 euro, ripartito tra acquisto di una connessione di rete fissa con velocità di almeno 30 Mbit al secondo e acquisto di un tablet o PC.

La somma viene così ripartita: per quanto concerne lo sconto sui servizi di connettività per durata non inferiore ai 12 mesi, può essere destinata una somma compresa tra i 200 e i 400 euro, mentre per lo sconto sulla fornitura di un personal computer o di un tablet può essere destinata una somma compresa tra i 100 e i 300 euro.

I beneficiari che volessero usufruire dello sconto dovranno solamente dichiarare di avere un ISEE inferiore ai 20.000 euro e di non disporre già di una connessione a 30 Mbit al secondo in download. Risultano beneficiari anche i soggetti che hanno già una connessione di rete fissa, ma di velocità inferiore ai 30 Mbit al secondo, e che quindi sfrutteranno il bonus 500 euro per passare alla rete ultrabroadband.

Si ricorda però che in sede di Comitato Banda Ultralarga, alcune Regioni hanno richiesto di limitare la misura del bonus 500 euro ai cittadini residenti in determinati territori. Nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria e Toscana solo alcuni comuni risultano infatti inclusi per il progetto bonus 500 euro.

Per conoscere in tempo reale tutte le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Voucher bonus 500 euro

Con riferimento alla regione Toscana, ecco di seguito i comuni inclusi: Abbadia San Salvatore, Abetone Cutigliano, Anghiari, Arcidosso, Aulla, Badia Tedalda, Bagni di Lucca, Bagnone, Barberino di Mugello, Barga, Bibbiena, Borgo a Mozzano, Borgo San Lorenzo, Buonconvento, Campagnatico, Campo nell’Elba, Camporgiano, Cantagallo, Capoliveri, Capraia Isola, Caprese Michelangelo, Careggine, Carmignano, Casola in Lunigiana, Casole d’Elsa, Castel del Piano, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Castell’Azzara, Castelnuovo di Garfagnana, Castelnuovo di Val di Cecina, Castiglione di Garfagnana, Castiglione d’Orcia, Cetona, Chianciano Terme, Chitignano, Chiusdino, Chiusi, Chiusi della Verna, Cinigiano, Civitella Paganico, Comano, Coreglia Antelminelli, Dicomano, Fabbriche di Vergemoli, Fauglia, Filattiera, Firenzuola, Fivizzano, Fosciandora, Fosdinovo, Gallicano, Gavorrano, Isola del Giglio, Licciana Nardi, Londa, Loro Ciuffenna, Magliano in Toscana, Manciano, Marciana, Marciana Marina, Marliana, Marradi, Massa Marittima, Minucciano, Molazzana, Montalcino, Montecatini Val di Cecina, Montemignaio, Montepulciano, Monterchi, Monterotondo Marittimo, Montescudaio, Monteverdi Marittimo, Monticiano, Montieri, Mulazzo, Murlo, Ortignano Raggiolo, Palazzuolo sul Senio, Pelago, Pescaglia, Piancastagnaio, Piazza al Serchio, Pienza, Pieve Fosciana, Pieve Santo Stefano, Pitigliano, Podenzana, Pomarance, Pontassieve, Pontremoli, Poppi, Porto Azzurro, Portoferraio, Pratovecchio Stia, Radicofani, Radicondoli, Reggello, Rignano sull’Arno, Rio, Roccalbegna, Roccastrada, Rufina, Sambuca Pistoiese, San Casciano dei Bagni, San Godenzo, San Marcello Piteglio, San Quirico d’Orcia, San Romano in Garfagnana, Sansepolcro, Santa Fiora, Sarteano, Scansano, Scarlino, Scarperia e San Piero, Seggiano, Semproniano, Sestino, Sillano Giuncugnano, Sinalunga, Sorano, Sovicille, Talla, Torrita di Siena, Trequanda, Tresana, Vagli Sotto, Vaiano, Vernio, Vicchio, Villa Collemandina, Villafranca in Lunigiana, Volterra, Zeri.

Tutti i beneficiari residenti nei comuni sopra menzionati potranno contattare gli operatori accreditati per visionare ed eventualmente attivare le offerte. Nei moduli ufficiali da consegnare all’operatore occorre allegare fotocopia di un documento d’identità e dell’eventuale contratto già in essere con profilo di servizio inferiore ai 30 Mbit al secondo, se presente.

Chi risiede in altri comuni della Toscana diversi da quelli sopra elencati non potrà invece aderire alla misura, a prescindere dal relativo livello di reddito ISEE, come stabilito dalla Regione in sede di Comitato Banda Ultralarga.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button