Reti e Frequenzeiliad

Iliad rete proprietaria: ecco quante antenne sono state attivate in ogni regione fino a metà 2020

Nella giornata di oggi, 3 Settembre 2020, il Gruppo Iliad ha presentato i suoi risultati finanziari riferiti al primo semestre del 2020, puntando l’attenzione anche al piano di copertura per la rete mobile proprietaria in Italia, per cui sono stati anche migliorati gli obiettivi nel breve termine.

Secondo quanto riportato dai dati ufficiali rilasciati quest’oggi da Iliad, la filiale italiana ha raggiunto al 30 Giugno 2020 una quantità di 5800 siti equipaggiati in Italia, contro i 4000 della fine dell’anno scorso.

Di questi, sempre fino a Giugno 2020, circa 3980 siti sono già accesi e permettono a Iliad di gestire parte del traffico sulla sua rete. Durante il secondo trimestre si è quindi registrata una crescita di oltre 1200 nuovi siti attivi rispetto ai dati di Marzo 2020 (2743 siti attivi).

Dunque, se in precedenza si puntava solo a raggiungere i 5000 siti attivi entro il 2020, Iliad Italia ha aggiornato i suoi obiettivi di copertura nel breve periodo, per cui si punta adesso a superare i 5000 siti mobili attivi già alla fine del 2020.

Rimane invece invariata la strategia di lungo periodo per il raggiungimento di un numero di siti attivi compreso tra i 10.000 e i 12.000 entro la fine del 2024 in tutta Italia.

Iliad copertura antenne

All’interno della presentazione dei dati aggiornati al 30 Giugno 2020 (ecco le slides) è presente anche il dato suddiviso regione per regione relativo al numero di antenne Iliad già attive sul territorio italiano, restituendo una fotografia delle zone in cui l’operatore ha installato più antenne rispetto ad altre.

Di seguito i dati ufficiali di Iliad, aggiornati a Giugno 2020, nelle regioni in cui sono già attive le antenne dell’operatore:

  • Piemonte: 316 siti attivi;
  • Lombardia: 593 siti attivi;
  • Trentino Alto Adige: 8 siti attivi;
  • Friuli Venezia Giulia: 62 siti attivi;
  • Veneto: 621 siti attivi;
  • Liguria: 112 siti attivi;
  • Emilia Romagna: 484 siti attivi;
  • Toscana: 176 siti attivi;
  • Umbria: 14 siti Iliad attivi;
  • Marche: 79 siti attivi;
  • Abruzzo: 73 siti attivi;
  • Lazio: 505 siti attivi;
  • Campania: 189 siti attivi;
  • Puglia: 336 siti attivi;
  • Calabria: 48 siti attivi;
  • Sardegna: 87 siti attivi;
  • Sicilia: 277 siti attivi.

La regione italiana con più antenne Iliad attive al 30 Giugno 2020 risulta quindi essere il Veneto con 621 unità, mentre quella in cui ce ne sono di meno è il Trentino Alto Adige con solo 8 siti attivi. Non sembrerebbero invece esserci ancora antenne Iliad attive nelle regioni Basilicata, Molise e Valle d’Aosta.

Come detto, i dati ufficiali diffusi quest’oggi da Iliad si fermano alla fine di Giugno 2020, e riportano a livello nazionale 3980 siti attivi. Attualmente, invece, secondo quanto viene riportato da LTEItaly, i siti della nuova rete proprietaria di Iliad attivi in tutta Italia hanno già raggiunto quota 4440.

rete proprietaria

Il Gruppo Iliad ha sottolineato proprio durante la presentazione odierna come ritenga fondamentale, dopo aver raggiunto una customer base ampia (oltre 6 milioni di clienti), accelerare lo sviluppo della rete proprietaria in Italia.

A tal proposito, il board ha lasciato intendere che il Gruppo sarà disposto a investire maggiormente in Italia e sfruttare il remedy package nel 2021, senza porsi vincoli stringenti in termini di spese operative.

In ogni caso, già da tempo Benedetto Levi, AD di Iliad Italia, considera la rete proprietaria come l’elemento fondamentale della sua strategia, per ridurre la dipendenza (e i relativi costi) da WINDTRE, di cui al momento sfrutta, dove non c’è ancora copertura proprietaria, la nuova rete unica in tecnologia Ran Sharing per il 3G/4G/4G+, e in Roaming Nazionale per la rete 2G.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram.

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News, Facebook, Twitter e Instagram. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Continua a leggere

Back to top button