ServiziRimodulazioni TariffarieTim

TIM cambia Sempre Connesso: consenso esplicito per riattivare internet con credito esaurito

Nei giorni scorsi TIM ha deciso di modificare un aspetto del meccanismo che si attiva in caso di credito insufficiente denominata Sempre Connesso, con l’introduzione di un consenso esplicito per continuare a navigare.

Si ricorda che i clienti TIM con addebito su credito residuo hanno a disposizione il servizio Sempre Connesso, che in caso di esaurimento del credito permette al cliente di continuare a chiamare, mandare SMS e navigare senza limiti al costo di 90 centesimi di euro al giorno, solo in caso di effettivo utilizzo, per un massimo di due giorni consecutivi.

In questo caso, quindi, il cliente ha a disposizione 24 ore di traffico illimitato (minuti, SMS e Giga) al costo di 90 centesimi di euro. In caso di credito ancora insufficiente nel giorno successivo, verranno addebitati altri 90 centesimi di euro per altre 24 ore, per un totale di 1,80 euro. È incompatibile con Ricarica Automatica.

Fino ad ora, il servizio si attivava in automatico, dopo aver terminato il credito, semplicemente effettuando la prima navigazione del giorno, la prima chiamata o mandando il primo SMS. Senza effettuare almeno una di queste azioni TIM non addebitava alcun costo.

Tuttavia, nei giorni scorsi è cambiato il meccanismo relativo in particolare alla connessione dati: infatti, per attivare Sempre Connesso con il traffico dati è adesso necessario fornire il consenso esplicito, tramite i canali predisposti (SMS, IVR 40916 e IVR 409168). Rimane invece invariata la modalità di attivazione di TIM Sempre Connesso per chiamate ed SMS.

In questo modo, sarà prima necessario sbloccare la connessione dati fornendo il proprio consenso esplicito, altrimenti non verrà attivato Sempre Connesso e di conseguenza non verrà addebitato alcun costo aggiuntivo.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Sempre Connesso

Allo stesso modo, se il cliente non effettua alcun tipo di traffico in uscita di minuti o SMS l’operatore non addebiterà i costi previsti dal servizio.

Solo nel caso in cui si effettuerà almeno una chiamata, un SMS oppure si darà il consenso a riattivare la connessione dati, il cliente TIM si vedrà addebitato l’importo dovuto alla prima ricarica utile.

In ogni caso, dopo 48 ore con credito ancora insufficiente, la SIM resterà attiva in ricezione o per effettuare chiamate di emergenza.

La novità entrata in vigore in questi giorni dovrebbe essere una diretta conseguenza del procedimento AGCOM conclusosi con le sanzioni comminate nei confronti di TIM, Vodafone e Wind Tre proprio sui costi di ricarica in ritardo.

Infatti, fra le condotte ritenute non conformi da parte dell’Autorità c’era proprio quella di continuare a far navigare in automatico i propri clienti anche in assenza di credito residuo, andando in contrasto con quanto previsto dalla delibera n. 326/10/CONS, che obbliga gli operatori a far cessare immediatamente la connessione dati nel caso in cui il credito disponibile sia completamente esaurito e a riattivarla soltanto dopo aver ricevuto un’espressa manifestazione di volontà da parte dei clienti.

Si ringrazia Alessandro per la segnalazione.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Articoli Correlati

Back to top button
Close