ZTE: ricavi e investimenti ancora in crescita nel 2019. Quest’anno in arrivo quasi 10 smartphone 5G


ZTE ha annunciato i risultati finanziari del 2019, con ricavi a quota 90 miliardi di yuan anche grazie agli sviluppi dell’anno scorso sulla rete 5G.

Nel dettaglio, l’anno scorso sono stati riportati ricavi in crescita del +6,1% rispetto all’anno precedente, con un totale di 66,5 miliardi di yuan per quanto concerne il fatturato operativo delle reti degli operatori (che balza del 16,7% rispetto all’anno precedente).

Quanto al flusso di cassa netto delle attività operative, questo è stato pari a 7,45 miliardi di yuan, mentre gli investimenti sono incrementati per la ricerca e lo sviluppo nell’ambito della rivoluzione del 5G, per un totale di 12,5 miliardi di yuan, pari a circa il 13,8% del fatturato operativo.

Quest’ultimo costituisce un dato persino superiore a quello dell’anno precedente, in cui l’azienda aveva investito oltre il 12,5% del suo capitale.

Di seguito il commento di ZTE sui suoi progetti 5G, estratto dal documento ufficiale di presentazione dei risultati:

“In qualità di principale contributore e soggetto partecipe alla ricerca di tecnologie e standard 5G globali, ZTE ha presentato oltre 7000 proposte 5GNR/5GC alle organizzazioni internazionali di standardizzazione. Secondo l’ultimo rapporto sui brevetti del settore 5G dell’IPlytics and Technical University of Berlin, ZTE ha dichiarato 2561 famiglie di brevetti 5G Standard-Essential Patents all’European Telecommunications Standards Institute (ETSI), venendo così inclusa tra le prime 3 aziende a livello mondiale”.

L’azienda ha inoltre ricordato di aver completato la produzione di massa di chipset 7nm, commercializzati su scala globale; nel frattempo, è già iniziato il processo di ricerca e sviluppo dei chipset di nuova generazione.

Grazie alle soluzioni end-to-end 5G, il colosso cinese ha ottenuto 46 contratti commerciali 5G a livello globale e ha collaborato con 70 operatori in totale da tutto il mondo, anche in Europa, con l’esempio italiano di Wind Tre.

Tra le cooperazioni per il 5G, si citano invece quelle con China  Mobile, China Telecom, China Unicom, Orange, Telefonica e MTN, che hanno dato vita a 550 progetti commerciali in tutto il mondo sulla rete core cloud dell’azienda.

ZTE 5G

ZTE ha inoltre ricordato alcuni dati sul fronte del suo business legato ai consumatori, con il lancio del suo smartphone Axon 10 Pro 5G commercializzato anche grazie ad accordi con 30 operatori in tutto il mondo.

Entro la fine dell’anno, ZTE ha già reso noto di voler presentare quasi 10 smartphone 5G in tutto il mondo e un totale di oltre 15 dispositivi terminali 5G.

Nel business governativo e aziendale, invece, ZTE ha intrapreso percorsi di trasformazione digitale in diversi settori strategici, come quello dell’energia, dei trasporti, degli affari governativi e della finanza.

Infine, ZTE ha commentato la pandemia mondiale di Coronavirus, che ha già avuto un profondo imbatto sull’economia globale.

In tal senso, l’azienda ha reso noto di aver donato, per mezzo della sua Fondazione, mascherine, alcol, attrezzature per i test e altri materiali, a sostegno dei centri ospedalieri che lottano in prima linea contro il Coronavirus. Inoltre, ZTE ha collaborato alla costruzione di reti 4G e 5G in Cina, in oltre 200 ospedali in 82 diverse città, con partner cinesi come China Telecom.

Per i suoi lavoratori, ZTE ha invece “rafforzato la propria linea di difesa per la salute e la sicurezza” tramite azioni di screening dei dipendenti, delle strutture, dei materiali e in generale della gestione interna del Gruppo a livello mondiale.

Nel documento pubblicato non sono stati però commentati gli effetti dell’epidemia per il business dell’azienda nel breve e medio periodo.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.