Open Fiber: infrastruttura di rete FTTH estesa alle città di Pomezia ed Aprilia


Open Fiber, società italiana nell’ambito delle telecomunicazioni, continua a mostrare il suo impegno al fine di portare la rete a banda ultra larga interamente in fibra ottica su tutto il territorio nazionale e rendere disponibili connessioni su rete FTTH a tutti i cittadini che ne facciano richiesta.

Nonostante, infatti, lo stato di emergenza per la pandemia da Coronavirus e le restrizioni imposte dalle normative emanate dal Governo e dal DPCM del 22 marzo 2020, Open Fiber procede le sue attività nello scrupoloso rispetto dei protocolli di sicurezza rivolti alla tutela dei cittadini e dei propri operatori sul campo, figurando come azienda di pubblica utilità.

Come emerge dal comunicato stampa del 27 marzo 2020, Open Fiber ha aperto la commercializzazione della rete in fibra ottica ultraveloce in modalità FTTH (Fiber to the Home) a Pomezia e Aprilia, così da ricoprire il territorio delle due cittadine con una connessione di rete dalla velocità di 1 Gbps (Gigabit per secondo).

Open Fiber mira, tramite la sua infrastruttura di rete a banda ultra larga, a promuovere la crescita dei territori urbani, consentendo lo sviluppo di servizi digitali come lo smart working, la pubblica amministrazione digitale, l’Internet of things (IOT), la domotica, l’e-health, le attività online per il turismo e l’e-learning (didattica digitale), favorendo così anche la trasformazione delle città italiane in vere e proprie smart cities.

Difatti, è proprio in un periodo di emergenza sanitaria come quello attuale che internet e i servizi digitali assumono un valore centrale nelle vite dei cittadini italiani, così da poter continuare a svolgere alcune delle proprie attività quotidiane.Open Fiber

 Roberto Moretti, Regional Manager Open Fiber nel Lazio spiega:

I lavori sono cominciati pochi mesi fa e vedranno la realizzazione di una nuova infrastruttura lunga oltre 120 chilometri privilegiando forme di scavo non impattanti come la mini trincea ma soprattutto il riutilizzo di cavidotti già esistenti in modo da non dover scavare su strada.

Si ricorda che Open Fiber è un operatore Wholesale only, ovvero che non si preoccupa direttamente dell’erogazione e della vendita dei servizi agli utenti interessati, bensì è attivo solo sul mercato all’ingrosso, offrendo l’accesso agli operatori del settore.

Il servizio è attualmente disponibile con Vodafone, WindTre, Tiscali e Fibra City. A conclusione  dei lavori, l’utente che vorrà procedere all’attivazione dovrà contattare un operatore per scegliere il piano tariffario, tenendo conto che da pochi giorni Open Fiber ha attivato una promozione sui contributi di attivazione di una linea FTTH di 60 euro.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.