Google Cloud punta sulle telecomunicazioni e sul 5G: collaborazioni anche con Vodafone e Wind Tre


Non solo TIM: l’accordo con Google Cloud sembrerebbe destinato a coinvolgere l’intero settore delle telecomunicazioni, in Italia e all’estero, e secondo le promesse dell’azienda potrebbe rivoluzionare l’approccio nell’era del 5G.

Il CEO di Google Cloud, Thomas Kurian, ha reso noto che la strategia si sta concentrando sul settore delle telecomunicazioni per aiutare le aziende nella monetizzazione del 5G come piattaforma di servizi alle imprese e per coinvolgere maggiormente i clienti.

L’ascesa del 5G garantirà effettivamente alle aziende un nuovo potenziale da testare sul campo con servizi innovativi per i clienti. In questo nuovo contesto, Google Cloud ha svelato la sua strategia GMEC (Global Mobile Edge Cloud) che mira a fornira una piattaforma cloud aperta per lo sviluppo delle applicazioni incentrate sulla rete e, al contempo, un portafoglio di soluzioni 5G in collaborazione con le aziende.

Oltre all’accordo con TIM già comunicato dall’azienda nel corso della presentazione dei risultati finanziari e alla recente partnership con AT&T annunciata proprio recentemente da Thomas Kurian, in corsa per il cloud ci saranno anche Vodafone Group e Wind Tre.

Simon Harris, Group Head of Big Data Delivery di Vodafone, ha infatti annunciato la collaborazione con Google Cloud:

“La collaborazione con Google Cloud è preziosa per la nostra attività, dal momento che utilizziamo i dati per costruire una relazione con il cliente. Non solo siamo in grado di acquisire capacità di analisi su prodotti e servizi Vodafone, ma arriviamo anche a informazioni più rapide, che possono essere utilizzare per offrire prodotti personalizzati ai clienti e incrementare la qualità dei servizi”.

Anche Wind Tre è interessata ai servizi di Google Cloud in ottica 5G, come confermano le dichiarazioni di Rob Visser, CIO di Wind Tre:

“Stiamo sfruttando le capacità di analisi dei dati di Google Cloud per offrire campagne di marketing personalizzate, personalizzazione in tempo reale e acquisizione di talenti per i nostri clienti”.

Sebbene gli operatori in questione non abbiano ancora rilasciato ulteriori informazioni sulle loro partnership, è ormai possibile affermare che TIM non sarà il solo operatore in Italia ad affiancarsi a Google Cloud per i suoi servizi futuri.

Tra i progetti del colosso di Mountain View rientrano anche i sistemi di intelligenza artificiale e smart analytics per l’acquisizione e il mantenimento della clientela.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.