Sicurezza Mobile

Il phishing ai tempi del Coronavirus: false email a nome di Intesa San Paolo e Monte Paschi di Siena

Sono giorni molto caldi per il popolo della rete, che in aggiunta alle fake news alle quali viene continuamente esposto, deve fare attenzione al crescente numero di campagne di phishing a tema Coronavirus che vengono lanciate in questo particolare periodo di allerta.

L’ultimo caso, in ordine di tempo, riguarda l’iniziativa di phishing indirizzata ai clienti di due noti enti bancari operanti sul territorio nazionale.

Quest’ultima è stata portata avanti attraverso l’invio massivo di messaggi di posta elettronica contenenti una ingannevole nota informativa, rivolta alla tutela dei clienti di entrambi gli istituti di credito.

A comunicarlo è stata la stessa Polizia Postale e delle Comunicazioni, che lo scorso 28 Febbraio 2020 sul proprio sito ufficiale, ne ha annunciato l’individuazione e ha voluto riportare anche qualche piccolo dettaglio in merito.

In pratica, facendo leva sull’infezione da Coronavirus che negli ultimi tempi sta affliggendo pure l’Italia, i cybertruffatori hanno avviato una particolare campagna di phishing rivolta ai clienti delle banche Monte Paschi di Siena e Intesa San Paolo.

I messaggi di posta elettronica invitavano i malcapitati destinatari a cliccare su un apposito link inserito all’interno del testo, per prendere visione di una comunicazione inerente l’emergenza sanitaria provocata dalla diffusione del nuovo ceppo di Coronavirus.

Il tutto veniva condito dall’ormai tradizionale pizzico di urgenza che non può mancare in questi casi e che rappresenta uno step essenziale per infondere quel falso senso di fiducia necessario a spingere la vittima a cadere nel tranello.

Una volta cliccato sul link, l’utente approdava su un sito di phishing all’interno del quale veniva indotto ad inserire le proprie credenziali di accesso al proprio home banking, delle quali si appropriavano i truffatori.

Per conoscere le novità degli operatori di telefonia, è possibile unirsi gratuitamente al canale Telegram di MondoMobileWeb per essere sempre informati sul mondo della telefonia mobile.

Coronavirus Fastweb Eolo

Come riportato qualche tempo fa dunque, si tratta di un momento storico molto particolare per il Paese (e non solo). Eventi di grande portata come le emergenze sanitarie rappresentano le situazioni ideali per i truffatori della rete, che si avvalgono del web e dei mezzi di comunicazioni di massa per diffondere i propri tentativi di truffa.

Il phishing, definito anche pesca a strascico, costituisce una peculiare frontiera delle frodi informatiche attraverso la quale i cybercriminali cercano di ingannare gli utenti della reteinvogliandoli a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile.

Tale pratica è annoverabile all’interno della grande categoria degli SCAM, i tentativi di truffa online pianificata, che attraverso i mezzi di comunicazione istantanea più utilizzati, come SMS, email e app di messaggistica tipo WhatsApp e Telegram, si propagano in modo celere tra gli utenti.

Le autorità, ogni qual volta si parla di queste tematiche, raccomandano di verificare sempre la veridicità delle comunicazioni ricevute mediante chiamata al servizio clienti del proprio Istituto Bancario, di non aprire gli allegati o cliccare sui link contenuti all’interno della email sospette e di aggiornare periodicamente l’antivirus e il sistema operativo utilizzati sul proprio device.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Google News (cliccando sulla stellina o su Segui), Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

Tag

Continua a leggere

Back to top button
Close