Svizzera: Salt di Xavier Niel continua a crescere, ma l’addio di Coop Mobile e UPC pesa ancora


Con la chiusura del secondo trimestre del 2019, Salt (operatore svizzero di Xavier Niel, fondatore di Iliad) mostra ancora una crescita di clienti di rete mobile, contestualmente all’aumento dell’ARPU. A Giugno 2019, inoltre, Salt ha superato i 50.000 clienti in fibra. 

L’operatore svizzero mostra però un calo nei ricavi e nell’EBITDA, che si fermano rispettivamente a 238.9 milioni e 109.9 milioni di franchi svizzeri. A pesare particolarmente è l’impatto negativo di Coop Mobile e UPC sui ricavi (-9,6 milioni) e sull’EBITDA (-8,1 milioni), con una perdita netta di 5100 clienti nel secondo trimestre.

I virtuali Coop Mobile e UPC hanno infatti abbandonato la rete di Salt passando a Swisscom all’inizio dell’anno, con gravi conseguenze per il business. Confrontando però i dati attuali con quelli del trimestre precedente, la situazione sembra sul punto di assestarsi.

Nel complesso, oggi Salt dispone di 1.229.000 clienti di rete mobile, mantenendo l’andamento positivo di crescita della customer base per ormai 16 trimestri consecutivi. Salt Fiber è invece disponibile per un totale di 1.450.000 abitazioni in Svizzera, a distanza di un anno e mezzo dal lancio.

   
Salt Clienti

Pascal Grieder, CEO di Salt

Il CEO Pascal Grieder ha commentato i risultati evidenziando le performances positive sui due diversi segmenti:

“Durante il trimestre, siamo stati in grado di mantenere la crescita nel segmento mobile e abbiamo raggiunto l’obiettivo di 50.000 clienti nella fibra. Parallelamente, diversi riconoscimento hanno premiato la qualità dei nostri prodotti e servizi nel corso degli scorsi mesi, confermando che offriamo davvero ai nostri clienti un’elevata qualità tanto nel segmento mobile quanto nel fisso”.

Quest’estate, l’operatore è stato protagonista di due importanti accordi strategici. In primo luogo, la partnership di reselling con Lidl Svizzera ha dato vita, nel Giugno 2019, all’operatore Lidl Connect. In quell’occasione, il CEO di Salt ha palesato grande soddisfazione per la scelta di Lidl di appoggiarsi alla rete dell’operatore svizzero.

Il secondo evento di rilievo è la chiusura dell’accordo sulle torri firmato con Cellnex, che permette a Salt di vendere le sue torri all’azienda spagnola per riutilizzarle con un piano build-to-suit. Il capitale derivante dall’operazione di cessione verrà principalmente utilizzato per pagare i debiti di Salt e per proseguire gli investimenti.

In tal senso, la strategia dell’azienda di Xavier Niel è quella di concentrarsi per il prossimo trimestre anche sui clienti business, con il lancio di una nuova serie di offerte B2B. Non sono però disponibili ulteriori dettagli in merito.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.