APRO2019 a Roma: per Assoprovider sul 5G finora solo bugie


È attualmente in corso a Roma l’evento di Assoprovider denominato APRO2019, che sta vedendo la presenza di rappresentanti delle istituzioni e delle autorità per discutere sulla vera essenza del 5G e sul digital divide in Italia.

L’evento sta avendo luogo in Piazza di Spagna, presso l’auditorium Roma Eventi; fino alle 18:30 si terrà l’incontro Digital Divide, la forza dei piccoli Operatori italiani per le telecomunicazioni del Paese: passato, presente e futuro delle TLC Made in Italy.

Con riferimento allo sviluppo del 5G in Italia, secondo Assoprovider la nuova rete non costituisce affatto la rivoluzione presentata dagli operatori. Stando alle parole del Presidente Dino Bortolotto, infatti:

“La vera rivoluzione sono stati i transistor e il protocollo TCP IP, il 5G può esistere solo grazie a queste reali innovazioni. Oggi la sperimentazione della tecnologia è affidata a un solo operatore che la offre in una sola parte del Paese. In questo modo, non c’è alcun modello di sviluppo reale. La chiave è l’interoperabilità, la condivisione di saperi, la presenza di tanti player diversi sul mercato”.

Per questa ragione, Assoprovider ha annunciato con un comunicato stampa di voler avviare le prime sperimentazioni del 5G nella comunità rurale siciliana di Busseto Pallizzolo, evitando un approccio dall’alto e puntando sulla sperimentazione e sul dialogo con i cittadini per identificare l’approccio più corretto e conveniente.

   

Ancora una volta, l’associazione afferma che il digital divide sta creando delle gravissime forme di emarginazione sociale, da combattere attraverso un sempre maggiore coinvolgimento dei piccoli operatori locali, che sempre più spesso sperimentano nuove tecnologie e portano la rete nelle zone a fallimento di mercato, sostiene Bortolotto.

L’evento di Assoprovider è moderato da Fulvio Sarzana ed è stato introdotto da Dino Bortolotto e da Paolo Di Francesco, il Consigliere Nazionale Assoprovider. Nel corso della giornata, prenderà la parola anche l’ingegnere Pellicciardi di Open Fiber e il Dottor Giulio Maggiore dell’Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza.

Una sezione dell’evento sarà dedicata agli sforzi delle istituzioni, con Marco Bellezza del MISE e Antonio Nicita di AGCOM, che approfondiranno, rispettivamente, le azioni a sostegno del settore delle telecomunicazioni e l’uso dello shared spectrum.

Dal canto suo, l’associazione mira invece a dimostrare come il digital divide vada combattuto con uno sforzo congiunto che possa riunire il Paese; il Dottor Matteo Decina ha infatti presentato una relazione sulle economie e diseconomie di scala e sulle modalità di investimento pubblico che possano portare al maggior vantaggio collettivo.

L’evento odierno si concluderà indicativamente alle 18. Nella giornata di domani, 29 Giugno 2019, si terrà invece l’Assemblea Nazionale Assoprovider.

I partner dell’evento APRO2019 sono AVM GmbH for ICT, Disotec Srl, LabTV, Macrotel Italia, Kalliope Netresult, SICE Telecomunicazioni e Tblobal Srl.

 

Per ricevere tante notizie e consigli utili specialmente sul mondo della telefonia è possibile iscriversi gratis al canale mondomobileweb di Telegram. Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e seguite MondoMobileWeb su Facebook, Instagram e Twitter. Non esitate a condividere le vostre opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.